Posts tagged ‘caserta’

maggio 30, 2012

Università degli studi di Salerno, inaugurato il “Giardino della Legalità”.

37Condividi

Salerno – Il rettore dell’Università degli studi di Salerno, Raimondo Pasquino, ha inaugurato quest’oggi il “Giardino della legalità Falcone e Borsellino” dedicato alle vittime di tutte le mafie. Parole di soddisfazione del rettore :«La legalità non è solamente un principio, è il cemento su cui si regge una comunità democratica. Ricordando le vittime delle mafie rinnoviamo l’impegno che ogni giorno, non solo come istituzioni, ma come cittadini, ciascuno di noi è chiamato a svolgere».

Il Giardino nasce dal desiderio di onorare le vittime della criminalità, uomini e donne della regione a cui è stato dedicato l’uliveto dell’ateneo. Alberi simboli di cambiamento vivo, intitolati a coloro che diedero la vita per un ideale. Don Giuseppe Diana, Antonio Esposito Ferraioli, Gennaro Musella e Marcello Torre i primi nomi che saranno ricordati.

aprile 21, 2012

Quel mega incendio cancerogeno alla ILSIDE s.r.l. del quale (quasi) nessuno parla.

incendio-ilside-belllona

Di Germano Milite

Tre giorni e tre notti di incendio quasi sicuramente doloso e certamente molto tossico: a Bellona, in provincia di Caserta, all’interno di una piccola oasi naturale non ancora contaminata, le tonnellate di materiale plastico che si trovavano stoccate nella sede della ILSIDE S.r.l. sono state avvolte e progressivamente “mangiate” dalle fiamme.

Per oltre 72 ore i vigili del fuoco hanno lottato contro fuoco e fumi tossici. In zona, a seguito della nube tossica sprigionatasi, si sono rese necessarie le mascherine per filtrare l’aria e le particelle cancerogene liberate dall’incendio. Un’ordinanza del Comune ha anche impedito la raccolta ed il consumo di ogni prodotto vegetale coltivato nella zona. Del devastante “incidente” e dell’enorme nube di fumi tossici che si è sprigionata a Bellona non ne ha parlato quasi nessun organo d’informazione. Incredibilmente, infatti, la notizia è passata in sordina

marzo 19, 2011

Caserta, esonda il Garigliano: a rischio l’ex centrale nucleare con le scorie.

la centrale nucleare del Garigliano inondata Sta esondando il fiume Garigliano, in provincia di Caserta e l’onda di piena è di circa 2468 mc/s (metri cubi al secondo), proprio nei pressi dell’ex centrale nucleare e nella zona dove Sogin sta terminando la costruzione di un deposito per le scorie nucleari. Il comune che più paga le conseguenze delle radiazioni ancora emesse dalla centrale è S.Castrese in provincia di Caserta, come ebbe modo di denunciare Marcantonio Tibaldi.

Scrive il Comitato antinucleare Garigliano:

Una volta ancora la centrale si trova in ammollo, più volte è stata fatta notare la natura golenale dell’area, anche per questo motivo, oltre che per l’alta sismicità, si è sempre detto che l’area è inadatta ad ospitare centrali e anche depositi di scorie, sia essi nazionali che temporanei. Berlusconi rimanda all’estate tutte le discussioni sul nucleare italiano, secondo lui ciò che sta succedendo in Giappone coinvolge troppo a livello emotivo per conservare un modo lucido di vedere le cose; mi domando se dietro le foto qui riportate vi sia semplice emotività o reale allarme, cosa sarebbe successo se oggi a S. Castrese ci fosse stata una centrale attiva e non fermata nel 1982.

giugno 26, 2010

Camigliano, comune in provincia di Caserta, ha bisogno di aiuto!

Se la vicenda non nascesse in Italia sarebbe incredibile: il Comune di Camigliano rischia il commissariamento per essere troppo virtuoso.
Il sindaco Vincenzo Cenname ha investito nel risparmio energetico, ha bloccato la cementificazione, ma soprattutto ha avviato una raccolta e gestione dei rifiuti responsabile e controllata direttamente dal Comune. Compostaggio domestico, pannolini lavabili e circa il 65% di raccolta differenziata.
Ora, per un decreto legge sull’emergenza rifiuti in Campania, dovrebbe interrompere tutto e affidare lo smaltimento dei rifiuti a un consorzio provinciale.
L’associazione dei Comuni Virtuosi ha inviato una lettera al Presidente Napolitano, affinche’ intervenga sulla questione.
La trovate sul blog di Marco Boschini http://www.marcoboschini.it/?p=1592 , postatela sul vostro sito, fatela girare il piu’ possibile e firmate la petizione per l’obiezione di coscienza a Camigliano http://www.petizionionline.it/petizione/obiezione-di-coscienza-a-camigliano-ce/1295 .
Chi vuole puo’ prendersi prima un minuto per piangere.

aprile 16, 2010

Arrestati 22 imprenditori nel casertano

Questa mattina, 22 titolari di aziende bufaline nel casertano sono stati arrestati dalla Guardia di Finanza per i reati di disastro ambientale, gestione illecita di rifiuti, scempio paesaggistico e avvelenamento delle acque. Inoltre, è stato reso esecutivo il sequestro di 25 aziende zootecniche e di 4 impianti di depurazione ( a Villa Literno, Orta di Atella, Marcianise e Nola) in cui l’acqua in uscita, trattata e rimmessa nella rete è risultata, paradossalmente, di qualità peggiore rispetto a quella in entrata.

L’inquinamento esasperato del bacino idrico dei Regi Lagni, il reticolo di canali che si allunga tra le province di Napoli e Caserta, e quello di larga parte della costa domiziana – a causa di carcasse di animali, liquami, reflui industriali, scorie di altiforni ecc. – aveva già da tempo messo alcuni funzionari dell’Arpac, dell’Enea e, ovviamente, delle Fiamme Gialle in allarme. Il mese scorso, poi, le indagini hanno subito un’accellerazione insperata a seguito del rinvenimento da parte del Corpo Forestale dello Stato di 15 piccoli bufali morti in un laghetto nelle campagne di Castevolturno.

Nella fattispecie, gli imprenditori arrestati hanno versato per anni i liquami provenienti dalle loro attività direttamente nei canali, producendo gravissimi danni alle falde acquifere e ai fiumi che poi, evidentemente, sfociando al mare hanno indotto i medesimi disastri ambientali lungo la costa e il tratto di mare prospicente.(ecoblog) Caldoro dirà che i soliti magistrati comunisti si accaniscono contro dei buoni cittadini. Vediamo.

marzo 30, 2010

Regionali 2010 campania: i consiglieri eletti a Caserta.

CENTRODESTRA
CONSIGLIERI ELETTI A CASERTA
Angelo Polverino 21.335 (PDL)
Daniela Nugnes 18.202 (PDL)
Paolo Romano 17.995 (PDL)
Pasquale De Lucia 8.575 (UDC)
Massimo Grimaldi 10.847 (MPA, PSI, ALTRI)

CENTROSINISTA

CONSIGLIERI ELETTI A CASERTA
Enrico Fabozzi 11.546 (PD)
Nicola Caputo 11.375 (PD)
Eduardo Giordano 5.859 (IDV)
Gennaro Oliviero 9.515 (SINISTRA E LIBERTA’)