Posts tagged ‘cardiomiociti’

dicembre 18, 2012

Cellule cardiache, i cardiomiociti, trasformate in orologio biologico.

cardiomiociti

01:45 am | L’iniezione di un gene è in grado di riprogrammare le cellule del muscolo cardiaco (i «cardiomiociti») allo stadio staminale e di trasformarle in nuove cellule battenti perfettamente funzionanti come le cellule battenti…

18 dicembre 2012 / Leggi tutto

giugno 2, 2012

Cellule staminali: in arrivo una ‘cura’ per la remissione dopo un infarto.

Nuovi farmaci, frutto della ricerca sulle   , per stimolare la proliferazione delle  .

 

E’ l’obiettivo di Mark Mercola, del Burnham Institute di San Diego che, durante il congresso ”Frontiers in Cardiac and Vascular Regeneration”, organizzato dall’(International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology) a Trieste, ha fatto il punto sulle sue ricerche.

Mercola, esperto di embriologia del cuore, ovvero lo studio dei meccanismi con cui il cuore si forma durante lo sviluppo embrionale, sta cercando nuovi farmaci per stimolare una rigenerazione cardiaca. Una ricerca eseguita con dei metodi robotizzati ad alta processivita’ in grado di fare lo screening di milioni di composti chimici. Il suo laboratorio, infatti, e’ uno dei centri riconosciuti dall’NIH americano per la ricerca di nuovi farmaci utilizzando queste tecnologie robotizzate.

 

”Mi sono interessato della rigenerazione del cuore dell’adulto – ha spiegato Mercola – ma per studiare questo processo e’ importante capire come si forma il cuorenell’embrione.L’idea e’ di riattivare le   per stimolare di nuovo i dopo un  ma visto che non si sa come far proliferare le  nel cuore di una persona adulta studiamo le   nell’embrione oppure quelle derivate dal tessuto di persone adulte e riprogrammate per ricreare le come quelle  ”.

giugno 10, 2011

Infarto: sogno quasi realizzato, pillola che ripara il cuore. Al massimo un decennio

Potrebbe mancare al massimo un decennio prima che sia disponibile sul mercato una pillola in grado di ‘ringiovanire’ il dopo che ha subito un attacco cardiaco.

 

Il farmaco, che solo 5 anni fa si pensava fosse impossibile da realizzare, e’ stato sviluppato da un gruppo di scienziati della University College di Londra che si sta occupando di perfezionarlo, come riporta un articolo pubblicato sulla rivista Nature. Grazie a questa pillola i ricercatori sperano di poter ricostruire i muscoli e i intorno al , in modo di ridurre significativamente i danni a lungo termine di un e di conseguenza migliorare la qualita’ della vita di molti pazienti. La pillola indurrebbe le cellule che si trovano nel a trasformarsi in cardiomiciti che vanno, quindi, a riparare i danni subiti dall’organo. La sperimentazione umana, hanno riferito i ricercatori, potrebbe iniziare fra pochi anni. Per il momento i test sui topolini hanno dimostrato che il farmaco migliora del 25 per cento le prestazioni del .