Posts tagged ‘capodogli’

agosto 18, 2013

Avvistate 13 famiglie capodogli in Tirreno.

(Archivio) (Archivio)

ROMA – Tredici capodogli in un giorno solo, gruppi famigliari, cioè femmine con piccoli, avvistati poco oltre il confine meridionale del Santuario Pelagos, la zona di tutela per i mammiferi marini, che normalmente ospita gruppi di soli maschi. E’ questo il sorprendente risultato emerso da una sorveglianza aerea, conclusasi pochi giorni fa, per accertare lo stato delle popolazioni di cetacei nel Tirreno commissionato dal ministero italiano dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e dall’International Whaling Commission (Commissione Internazionale Baleniera), con la collaborazione dall’Istituto per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra) e condotto sotto la responsabilità scientifica di Simone Panigada dell’Istituto Tethys.

agosto 19, 2012

Nuovo Sos per il mediterraneo.

AMBIENTE: CAPODOGLIO E DELFINO A RISCHIO NEL MEDITERRANEO AMBIENTE: CAPODOGLIO E DELFINO A RISCHIO NEL MEDITERRANEO

(di Chiara Spegni)

Foca monaca, capodoglio, delfino comune: tre specie simbolo del Mediterraneo in lotta contro il rischio estinzione. A fare il punto sul loro stato di salute è l’ultimo rapporto dell’Unione mondiale per la conservazione della natura (Iucn) sui mammiferi marini della regione, al quale ha partecipato un gruppo di esperti italiani dell’Istituto Tethys. La foca monaca resiste, ma secondo lo studio Iucn ha il 50% di possibilità di estinguersi in natura nei prossimi dieci anni. E’ una specie ormai in “pericolo critico”: la sua popolazione del Mediterraneo oscilla fra i 350 e 450 individui divisi in diverse colonie, che non superano mai i 50 adulti.

dicembre 20, 2009

Morti per aver ingerito buste di plastica.

I capodogli spiaggiati a Peschici sono morti perché avevano ingerito di tutto di più. Buste di plastica, pezzi di corda, scatolette e contenitori di vari materiali sono stati trovati nello stomaco di quattro dei sette mammiferi ritrovati in località Foce Varano, sul Gargano, in Puglia. La scoperta è stata compiuta dal professore Giuseppe Nascetti, pro-rettore dell’università della Tuscia, ritenuto uno massimi esperiti mondiali di parassitologia ed ecologia marina, chiamato come esperto a valutare le cause dello spiaggiamento e della successiva morte dei cetacei.
Secondo il professor Nascetti, i capodogli potrebbero aver scambiato gli oggetti trovati nei loro stomaci per calamari, unico cibo di cui si nutrono. «Quello che sembrava il capobranco – spiega l’esperto – ne aveva lo stomaco colmo. Un po’ meno gli altri tre. Ma la morte di tutti e sette gli esemplari è riconducibile al fatto che i tre capodogli che non avevano ingerito oggetti di plastica abbiano seguito il capobranco andando come lui a morire sulla spiaggia. Un comportamento legato allo spirito gregario ai gruppi di giovani maschi». Questa storia dovrebbe farci riflettere.

dicembre 14, 2009

Buonanotte compagni.

Imagine è uno dei brani musicali più belli della storia della musica pop; la rivista Rolling Stone,  l’ha posizionata al terzo posto nella classifica dei migliori brani musicali di tutti i tempi.[1] L’ex presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter ha dichiarato che in molti paesi del mondo Imagine gode dello stesso rispetto che viene riservato agli inni nazionali.[2]

Il testo del brano viene solitamente letto in chiave pacifista, ma lo stesso Lennon ammise che i contenuti del testo di Imagine la avvicinano più al Manifesto del partito comunista che a un inno alla pace.[3] Lennon affermò che il brano era “anti-religioso, anti-nazionalista, anti-convenzionale e anti-capitalista, e viene accettato solo perché è coperto di zucchero”.[4] Yoko Ono disse che il messaggio di Imagine si poteva sintetizzare dicendo che “siamo tutti un solo paese, un solo mondo, un solo popolo”.[5

Imagine per un mondo migliore. E’ una parola!

Buonanotte a Di Pietroe Rosy Bindi. Loro sanno perchè.

Buonanotte agli abitanti dell’Aquila, anche se per loro non sarà una buona notte sotto la neve.

buona notte a quelle persone che hanno cercato di salvare i capodogli che si spiaggiavano.