Posts tagged ‘cannabis terapeutica’

ottobre 2, 2012

la coltivazione della marijuana in Italia.

Il dibattito sulla cannabis terapeutica è ormai febbrile e l’argomento liberalizzazione dei farmaci cannabinoidi è ormai presente sui tavoli di molti amministratori regionali; l’ultima regione a dare il via libera ai farmaci derivati dalla cannabis è il Veneto verde Lega, che ha approvato all’unanimità in Commissione Sanità il provvedimento forse più “liberal” in Italia in materia di cannabis.

Sono oggi quattro le regioni in cui è possibile fare richiesta per ottenere infiorescenze di cannabis per alleviare le proprie sofferenze: Puglia, Toscana, Liguria (la cui legge regionale è tuttavia stata impugnata) e, appunto, Veneto; quest’ultima inoltre non si accontenterebbe di fornire ai malati farmaci cannabinoidi, ma punterebbe a creare una filiera di produzione nella zona di Rovigo.

Certo, il balzo in avanti è osteggiato sia dai soliti noti, propinatori da lustri di teorie proibizioniste assolutamente antiscientifiche, ma anche, nel caso ligure, dal Consiglio dei Ministri; stando ad una nota di Palazzo Chigi, il Cdm avrebbe impugnato

La legge Regione Liguria n. 26 del 3 agosto 2012 «Modalità di erogazione dei farmaci e delle preparazioni galeniche a base di cannabinoidi per finalità terapeutiche» in quanto contiene alcune disposizioni in contrasto con le norme statali di principio in materia di tutela della salute.

Continua a leggere: Cannabis terapeutica, la coltivazione della marijuana in Italia

settembre 30, 2012

ragazzi si fuma!

Cannabis terapeutica anche in Friuli Venezia Giulia?

Il Friuli Venezia Giulia segue l’esempio di Toscana e Puglia e potrebbe diventare la terza regione in Italia ad autorizzare la cannabis a scopi terapeutici.

Si tratta di una proposta a…Visualizza altro

Foto: Cannabis terapeutica anche in Friuli Venezia Giulia?

Il Friuli Venezia Giulia segue l’esempio di Toscana e Puglia e potrebbe diventare la terza regione in Italia ad autorizzare la cannabis a scopi terapeutici.

Si tratta di una proposta apparsa sul sito della Regione lo scorso 11 settembre, avanzata dalla consigliera regionale Annamaria Menosso e sostenuta, oltre che dal suo partito (PD), anche dall’Italia dei Valori e dalla lista Cittadini-Libertà Civica.

Il disegno prevederebbe un accordo tra la regione e un centro autorizzato alla produzione di cannabinoidi con fini terapeutici, individuato al momento nello stabilimento chimico-farmaceutico militare di Firenze, e la vendita di tali farmaci tramite una sola farmacia autorizzata dalla Regione.

Secondo la Menosso, l’introduzione dei farmaci derivati dalla cannabis non graverebbe affatto sul bilancio della regione Friuli Venezia Giulia, in quanto si utilizzerebbero le risorse già stanziate per l’acquisto dei farmaci tutt’ora utilizzati e che sarebbero sostituiti da quelli a base di cannabis. Sempre la Menosso ha inoltre aggiunto, durante un’intervista, che con questo disegno di legge si vuole allargare l’uso dei farmaci cannabinoidi, definire delle terapie specifiche ed agevoli per gli eventuali utenti e introdurre un iter più snello e semplice per l’acquisto, senza dover ricorrere alle importazioni di cannabis medicinale.

Il tema della legalizzazione della marijuana è di particolare attualità in questo periodo, in cui il dibattito si sta sviluppando sia a livello locale che nazionale, e in un momento in cui, rispetto al passato, risulta essere più facile procurarsi ad esempio semi da coltivare e accessori per il consumo direttamente su internet grazie agli headshop online. La Menesso ha comunque subito precisato che la proposta non ha nulla a che vedere con la legalizzazione delle droghe leggere a scopo ludico, e ne ha preso le distanze, sostenendo che i medicinali a base di principi attivi derivati da cannabinoidi devono essere utilizzati in seconda o terza istanza, solo dopo che le normali terapie non hanno portato alcun frutto.

In Italia al momento tali farmaci non sono vietati per alcun tipo di malattia o cura, ma possono essere prescritti solo su formula magistrale e sotto l’esclusiva responsabilità del medico, dopo aver ottenuto il nulla-osta dal malato. In sostanza, con questa proposta di legge si vuole dare la possibilità anche nella regione Friuli Venezia Giulia di prescrivere liberamente la cannabis terapeutica, soprattutto nelle cure palliative e come antidolorifici, niente che riguardi la legalizzazione della cannabis o il suo acquisto legale, dei quali si parlerà e si continuerà a parlare per molto.

http://bora.la/2012/09/24/cannabis-terapeutica-anche-in-friuli-venezia-giulia/