Posts tagged ‘cancun’

Maggio 5, 2012

Primo giro ‘solare’ del mondo, catamarano arriva a Montecarlo.

(ANSA) – ROMA, 4 MAG – Ci ha messo un po’ di piu’ dei proverbiali 80 giorni, ma il Turanor entrera’ comunque nel guinness dei primati: il catamarano ideato dall’ingegnere svizzero Raphael Domjan sara’ il primo ad aver fatto il giro completo del mondo spinto soltanto dall’energia solare.

L’arrivo e’ previsto oggi a Montecarlo, dove la spedizione di Domjan e altri cinque membri dell’equipaggio e’ iniziata il 27 settembre 2010, 584 giorni fa. Nei suoi 53 mila chilometri di viaggio la barca, che deve il suo nome al Signore degli Anelli, ha toccato tra gli altri i porti di Cancun, San Francisco, Tonga, Brisbane, Manila, Singapore, Abu Dhabi. Per celebrare l’arrivo del catamarano solare e’ previsto un intero weekend di festeggiamenti nel porto del principato di Monaco.

La barca, lunga 31 metri e larga 15, e’ costata 24 milioni di dollari, ed e’ stata spinta da 537 metri quadrati di pannelli solari capaci di spingerla fino a una velocita’ massima di 15 nodi (27 chilometri all’ora). Nell’ultimo post del diario di bordo Domjan, che ha 39 anni, non ha nascosto un po’ di malinconia: ”Quando siamo partiti – scrive – non vedevo l’ora di rivedere le mie montagne, ma ora sono triste pensando che devo ricominciare la vita a terra. Spero che questa impresa spinga scienziati e ingegneri a progettare soluzioni sempre piu’ innovative per salvare l’ambiente”.

ottobre 2, 2010

Prove di intesa per Cancun.

Parte il 4 ottobre a Tianjin, in Cina, il quarto round del 2010 di negoziati sul clima in ambito della Convenzione Onu sui cambiamenti climatici. Una cinque giorni di prove d’intesa, fino al 9 ottobre, tra i governi del mondo per preparare nel miglior modo possibile il campo alla Conferenza mondiale sui cambiamenti climatici (la sedicesima Conferenza delle parti, Cop16) che si terrà tra due mesi a Cancun, in Messico.

L’appuntamento cinese è un banco di prova decisivo per i delegati dei diversi Paesi (circa 2.500 rappresentanti di oltre 160 nazioni) che lavoreranno in parallelo su due binari distinti. Il primo gruppo (Awg-Lca) ha il compito di fornire una soluzione globale a lungo termine. Il secondo gruppo (Awg-Kp) invece lavora sugli ulteriori impegni da attuare nel post-Kyoto, cioé oltre il 2012, concentrandosi in particolare sugli impegni di riduzione delle emissioni di gas serra dei 37 Paesi industrializzati che hanno ratificato il Protocollo.

Nel corso dell’anno, osserva il segretario esecutivo Unfccc, Christiana Figueres, “i governi sono stati convergenti sulla necessità di istituire un’azione per il clima globale. A Tianjin, si dovrà ridurre il numero di opzioni sul tavolo, e capire cosa è realizzabile a Cancun”.

Speriamo che non si faccia la fine di Copenhaghen.