Posts tagged ‘caffeina’

gennaio 13, 2014

ll caffè, sveglia-memoria di 24 ore per gli italiani.

Buone notizie per gli amanti dell’, ma anche del the e delle bibite a base di : oltre a dare una sferzata di energia, questa sostanza infatti regala ricordi di ferro. E l’effetto si ‘trascina’ fino a 24 ore dopo il consumo.
Lo assicurano i ricercatori della Johns Hopkins University, autori di una ricerca pubblicata su ‘Nature Neuroscience’.
Michael Yassa e il suo team di scienziati (che hanno iniziato lo studio all’Università della California prima di arrivare alla Johns Hopkins) hanno infatti evidenziato che la ha un effetto positivo sulla memoria a lungo termine: migliora alcuni tipi di ricordi, e questo almeno fino a 24 ore dopo. “Abbiamo sempre saputo che la ha effetti cognitivi, ma la capacità di fissare i ricordi rendendoli più resistenti e difficili da dimenticare non è mai stata esaminata in dettaglio negli esseri umani”, ha detto Yassa. Ebbene, i ricercatori possono “segnalare per la prima volta uno specifico effetto della sulla riduzione delle dimenticanze per più di 24 ore”.

novembre 11, 2012

La caffeina aiuta il cervello ad individuare le parole positive »

Scienza

luglio 14, 2012

Sarà un futuro d’inferno.

Il direttore del quotidiano online ‘Il Futurista’ Filippo Rossi, ideatore e animatore di Caffeina Cultura, in corso di svolgimento a Viterbo, e’ stato aggredito e con pugni e calci da un manipolo di militanti di CasaPound. L’aggressione e’ avvenuta all’1,30 nel quartiere medievale di San Pellegrino. Rossi e’ stato trasportato in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale cittadino, dove gli sono state riscontrate contusioni al volto guaribili in pochi giorni. Sono in corso indagini da parte della Dig

luglio 7, 2012

Caffeina e potenziamento muscolare: più forza anche nella terza età.

La  aiuta i ad essere più forti. E’ questo quanto è emerso durante il convegno della Society for Experimental Biology svoltosi nei giorni scorsi a Salisburgo (Austria), durante il quale sono stati presentanti i risultati di uno studio condotto all’Università di Coventry (Regno Unito). La scoperta, che si aggiunge all’effetto della caffeina sulla resistenza muscolare, potrebbe offrire una nuova strategia, basata sull’assunzione di questa sostanza stimolante, per aiutare i a mantenersi forti anche nella , riducendo, così, il rischio di cadute e di infortuni che possono pregiudicare significativamente la qualità della vita delle persone più anziane.

I ricercatori britannici si sono concentrati proprio sui differenti effetti della nelle diverse fasi della vita. Per farlo hanno utilizzato come modello due diversi dei topi, quello del diaframma e l’estensore lungo delle dita, testando le loro prestazioni prima e dopo il trattamento con . E’ stato, così, scoperto che questa sostanza aumenta soprattutto la forza dei adulti, mentre il suo effetto sul tessuto muscolare più giovane e

aprile 10, 2012

Cancro della pelle: caffeina e movimento fisico gli ottimi deterrenti.

Il connubio esercizio fisico e pare possa essere d’aiuto nel combattere il temuto, e oggi assai diffuso, della .

 
Se n’è parlato qualche giorno fa dell’aumento preoccupante dei casi di della (vedi articolo) dovuti a un’errata esposizione ai , e oggi un nuovo studio suggerisce che la combinata con l’attività fisica possa essere d’aiuto nel caso si sia vittime di questa . Sono i ricercatori del programma di prevenzione del della presso il Rutgers Ernest Mario School of Pharmacy di Piscataway, nel New Jersey, ad aver scoperto l’effetto combinato di ed esercizio fisico sullo sviluppo del della in modello animale.

marzo 10, 2012

Esercizio fisico: come modifica il DNA dei muscoli.

Attraverso una serie di modificazioni epigenetiche, l’attività fisica è in grado di stimolare l’ di alcuni all’interno delle cellule dei scheletrici che portano a un migliore adattamento allo sforzo. Una simile variazione si verifica anche con l’ingestione di .

Che l’ fisico faccia bene alla salute è un fatto noto e dimostrato innumerevoli volte. Difficile tuttavia immaginare che l’effetto positivo arrivi fino a un livello biologico fondamentale come quello genetico, come invece ha riscontrato una nuova ricerca – illustrata sulle pagine della rivista “Cell Metabolism” – che ha scoperto come anche pochi minuti di possano produrre, in persone inattive ma in buona salute, un cambiamento immediata del .

Ovviamente, il codice genetico codificato dalla delle cellule muscolari non cambia con l’: le modificazioni riguardano altri aspetti chimici e strutturali del e sembrano rappresentare i primi eventi di una riprogrammazione genetica dei che ha lo scopo di variare il metabolismo celluare e, in ultima istanza, aumentare la forza e la resistenza muscolare.

aprile 18, 2011

Niente caffè dopo un pasto al fast food.

Per chi segue un’alimentazione sana e per chi è a dieta il cibo dei fast food non è proprio indicato, anzi, sarebbe meglio evitarlo del tutto, però a volte non è possibile: vuoi perché ci vogliono andare i bambini, vuoi perché gli amici insistono per provare l’ultimo panino, a volte ci ritroviamo a pranzare con hot dog e patatine.

Cerchiamo almeno di contenere i danni: basta semplicemente di evitare di prendere il caffè subito dopo; a sostenerlo è uno studio condotto dall’Università di Guelph, in Canada, e pubblicato sul “Journal of Nutrition“. Secondo gli esperti infatti, dopo aver mangiato al fast food, i livelli di zuccheri nel sangue sono alti e si rischia di farli alzare ancora di più se si assume a fine pasto del caffè o una bevanda contente della caffeina.

Leggi tutto l’articolo

gennaio 29, 2011

SALUTE: ENERGY DRINK A BASE DI CAFFEINA, I 3 MOTIVI PER NON ABBASSARE LA GUARDIA

Le bevande energetiche ad alto contenuto di caffeina – anche quelle non contenenti alcol – possono comportare dei rischi per la salute: è quanto emerge da un commento pubblicato online sul Journal of American Medical Association (JAMA) da un gruppo di studiosi della University of Maryland School of Public Health guidati da Amelia Arria, e della Wake Forest University School of Medicine diretti da Mary Claire O’Brien. Informazioni corrette ed etichette chiare e complete, emerge dal commento, potrebbero aiutare i consumatori a non esagerare con le quantità. I ricercatori spiegano che il consumo delle bevande a base di caffeina è potenzialmente dannoso per 3 motivi in particolare. In primo luogo, la caffeina è associata a effetti avversi sulla salute in individui suscettibili “perciò la continua sensibilizzazione per evitare elevati livelli di consumo di caffeina è certamente giustificata”, scrivono i ricercatori. Tra gli adolescenti, per esempio, il consumo di caffeina è associato a pressione sanguigna elevata e a disturbi del sonno, mentre tra le donne in gravidanza un’elevata assunzione può provocare un maggior rischio di aborto tardivo e ridotto peso alla nascita.

agosto 24, 2010

Nessun legame tra tumori e caffe’.

Anche gli appassionati di sesso maschile potranno gustare una o più tazzine di caffè senza troppi pensieri. Una nuova revisione di dodici studi esclude infatti qualsiasi legame tra la bevanda e il rischio di cancro alla prostata. È quanto emerge da una vasta analisi condotta dal National Cancer Center di Goyang, in Corea, che ha esaminato la letteratura scientifica dedicata al consumo di caffeina, scoprendo che in molti casi le paure che circolano sui media e tra i consumatori sono infondate.

Colpa di dati statistici raccolti male, affermano i ricercatori coreani, poiché in almeno otto casi le interviste ai consumatori possono aver falsato i risultati, alimentando i timori. “Poiché molte persone ritengono che bere più caffè possa far male – spiegano gli autori dello studio ‘salva-caffè’ pubblicato sul Britsh Journal of Urology International – i pazienti affetti da carcinoma prostatico sono portati a sovrastimare il consumo reale”.Secondo il team coreano il caffè ha tuttavia così tanti effetti, non ancora del tutto chiari, che molti sono ancora sconosciuti e da scoprire. Sicuramente benefici e svantaggi non sono identici tra uomini e animali, variano in base alle condizioni di salute e possono essere associati in modo differente alle differenti fasi di una neoplasia. Quello che è sicuro, concludono gli esperti, è che nella tazzina ci sono decine di sostanze antiossidanti, molecole che aiutano le cellule a restare più giovani. (ASCA)

giugno 23, 2010

4 tazze di caffè al giorno abbassano il rischio di cancro alla bocca e alla faringe del 39%.

Buone notizie per tutti gli appassionati di caffè. Più se ne beve, più si protegge la bocca dalla possibilità di un tumore. Con quattro tazze di caffè al giorno il rischio di cancro della bocca e della faringe si abbassa del 39%.

Parola di Mia Hashibe, ricercatrice dell’università dello Utah, negli Usa, che ha individuato le virtù protettive dell’espresso analizzando i dati di circa 14.000 persone tra Europa, Asia e Stati Uniti.

Attenzione, però, i grandi numeri dello studio pubblicato sulla rivista Cancer Epidemiology, Biomarkers and Prevention vanno presi con le pinze se si soffre di pressione alta. In questo caso, spiegano gli specialisti, troppa caffeina può provocare sbalzi pressori e tachicardia.