Posts tagged ‘Bolzano’

marzo 23, 2012

Tre mani e una testa di cazzo.

Ecco a voi il manifesto con cui l’Onorevole Biancofiore ha tappezzato tutta Bolzano, per promuovere la propria corrente in vista del congresso Pdl in Alto Adige. Regina della gaffe – è lei che ha inventato “l’amantide religiosa” – fedelissima berlusconiana, deputata a Roma ed assenteista cronica al Comune di Bolzano, eccola nell’immagine che sta facendo il giro della rete. In molti oggi hanno sostenuto che tale manifesto fosse il frutto di uno scriteriato utilizzo di photoshop – pure io! – con la Biancofiore che inseriva nel terzetto “local” il plastico di Silvio, dimenticandosi però di togliere dalla foto due “mani sinistre” uguali, le sue, poggiate sulle spalle dell’ex Premier e del candidato Vezzali. Tra accostamenti con piovre e divinità – la Dea Kalì la più gettonata – ci sono cascati L’Espresso, L’Alto Adige, Dagospia, il sito in lingua tedesca Stol.it e molti altri, tant’è che se ne è occupata pure l’Ansa. Persino all’interno dello stesso Pdl hanno cavalcato il caso, pensando fosse una buona occasione per attaccare Biancofiore e relativa corrente. Ma l’immagine è autentica, dopo 20 anni di B. dovevamo capirlo subito: tutto sembra così finto, che in realtà è vero. Ecco qui.

marzo 25, 2011

E a Bolzano studiano la geotermia.

L’attenzione causata dall’incidente nucleare in Giappone ha spinto la Giunta provinciale altoatesina rinnovare il proprio impegno per l’energia alternativa e rinnovabile. Accanto alle fonti gia’ note, si e’ aperta una discussione circa l’opportunita’ di puntare anche sulla geotermia: i dubbi sull’utilizzabilita’ o meno di questa risorsa in Alto Adige verranno fugati da una ricerca.

Per dare una risposta ai dubbi ancora presenti, la Giunta provinciale ha deciso di incaricare la Ripartizione innovazione di effettuare un’analisi e una ricerca completa. ”Vale la pena studiare a fondo la questione – ha detto il governatore Durnwalder – per capire se la geotermia e’ una fonte energetica che anche in Alto Adige si puo’ sfruttare in maniera efficiente dal punto di vista ambientale ed economico”.

ottobre 1, 2010

Comuni virtuosi.

In base alle rilevazioni di Legambiente, Torre San Giorgio (CN), Vipiteno (BZ), Senigallia (AN) e Bolzano sono i comuni italiani piu’ solari d’Italia.
A Vipiteno, ad esempio, il mix di pannelli solari termici, pannelli fotovoltaici, impianti idroelettrici, eolici e biomassa, soddisfa sia il fabbisogno elettrico che termico di tutte le famiglie residenti.
A Senigallia e a Bolzano il regolamento edilizio impone l’installazione di solare termico e solare fotovoltaico in tutte le nuove costruzioni e nelle ristrutturazioni.
Secondo Edoardo Zanchini, responsabile Energia di Legambiente, “Torre San Giorgio, Vipiteno, Senigallia e Bolzano rappresentano la prova di come gia’ oggi sia possibile avviare una vera e propria rivoluzione energetica incentrata sulle fonti rinnovabili”.
(Fonte: Legambiente)