Posts tagged ‘biotestamento’

agosto 3, 2011

Un nuovo caso “Eluana”

E’ ricoverata all’ospedale di Treviso. Il giudice ha firmato un decreto che concede la possibilità di rifiutare le cure.

Il giudice trevigiano Clarice Di Tullio ha firmato un decreto che concede a una donna di 48 anni, colpita da una gravissima malattia degenerativa, la possibilita’ di rifiutare le cure. Lo aveva chiesto qualche mese fa quando la sue condizioni erano peggiorate. La paziente aveva affidato le sue ultime volonta’ al marito che, sulla base del provvedimento, e’ stato nominato amministratore di sostegno con la facolta’ di far rispettare la scelta della moglie, ovvero il rifiuto di trattamenti medici cruciali.

Secondo quanto riporta oggi ‘Il Gazzettino’, la decisione del giudice e’ arrivata nel gennaio scorso, quando la paziente era stata ricoverata in gravi condizioni all’ospedale di Treviso. Nonostante il quadro clinico stesse precipitando, la donna aveva rifiutato sia la trasfusione, e’ testimone di Geova, sia la tracheostomia, cioe’ la tracheotomia permanente, che le avrebbe permesso di limitare il deficit respiratorio.

maggio 1, 2011

Il biotestamento di Silvio

Silvio inizia a mostrare chiari segni di cedimento.
Prossimo ad una fine inesorabile, si rivolge ai suoi vassalli …
febbraio 10, 2011

Beppino Englaro: «Dico no all’inferno di Eluana»

Dopo Eluana, prima del biotestamento. Il nove febbraio sono passati due anni dalla morte di sua figlia e tra due settimane avrà inizio alla Camera la discussione di una legge che si dice per il testamento biologico ma che in realtà imbocca la strada opposta. Beppino Englaro esce dal silenzio che si era imposto fino a ieri: per rispetto di Eluana, ma anche per non scendere a livello di chi (il governo, le associazioni cattoliche) ha organizzato, proprio quel giorno, una giornata per gli stati vegetativi, decisione non certo casuale soprattutto in vista della imminente discussione parlamentare.

«Chiariamo una volta per tutte: la mia non è una sfida ma la difesa di un diritto. In tutti questi anni la mia battaglia non è mai stata contro qualcuno, ma per qualcuno, in difesa di qualcuno. Io non voglio che gli altri la pensino come me, sono io che non voglio essere costretto a pensare come gli altri.”

gennaio 27, 2011

Biotestamento,l’amministratore di sostegno può fermare le cure non volute.

C’è un modo legale di far valere già da oggi il ‘biotestamento’: la volontà del malato può essere espressa dall'”amministratore di sostegno”, una sorta di tutore che, nel caso di perdita di coscienza, può a norma di legge impedire ai medici di procedere con la rianimazione o anche con alimentazione e idratazione artificiale. Lo ha stabilito il Tribunale di Firenze, che ha accolto il ricorso di un cittadino di 70 anni, in perfetta salute. Lo strumento dell’ordinamento giuridico per garantire la libertà di scelta è fornito dalla legge sull’amministrazione di sostegno (legge 9 gennaio 2004 n.6), che ha modificato , l’articolo 408 prevedendo l’istituzione dell’amministratore di sostegno.