Posts tagged ‘Berlusconi Piazza Brescia’

maggio 9, 2013

Auto blu.

– Non possiede un conto in banca, né tantomeno ha una carta di credito nel suo portafoglio. Vive con poco più che 20mila pesos al mese (800 euro) e non ha bisogno di una scorta, benché José Alberto “Pepe” Mujica Cordano, classe 1934, ricopra da due anni l’alta carica di presidente della Repubblica dell’Uruguay.

Non è un alieno o un ricco ed eccentrico miliardario prestato
alla politica. E non è nemmeno un esibizionista, Mujica, che poco reclamizza la sua austera condotta. È soltanto un esempio di buona politica che viene dal Sudamerica. Ogni mese dei 250mila pesos (circa 10 mila euro) del suo stipendio da Capo di Stato, Mujica trattiene per sé soltanto quegli 800 euro che in Uruguay equivalgono allo stipendio di un impiegato bancario. Il resto, il 90% dei suoi emolumenti, è devoluto al Fondo Raúl Sendic, un’istituzione che aiuta lo sviluppo delle zone più povere dell’Uruguay attraverso la costruzione di abitazioni con acqua e luce. Anche per questo e non solo per i suoi trascorsi, Pepe, come ama farsi chiamare dai premier stranieri in visita fino al fattorino, è amato e rispettato tanto quanto il nostro ex presidente Sandro Pertini con cui condivide il fatto di essere stato arrestato e imprigionato.

maggio 9, 2013

Notevole attitudine al crimine.

Silvio Berlusconi è stato condannato in appello nel processo per i diritti tv Mediaset. Confermata la sentenza del precedente grado di giudizio, che prevedeva la pena di 4 anni per frode fiscale. Confermati anche i 5 anni di interdizione dai pubblici uffici. Confermata anche la provvisionale di 10 milioni di euro a favore dell’Agenzia delle Entrate che dovra’ versare Silvio Berlusconi in solido con le altre tre persone condannate.
maggio 9, 2013

Attacco alla magistratura nel TG1.

Berlusconi appare in Tv in prima serata al TG1 e lancia il solito attacco alle toghe politicizzate, raccontando la solita favola del perseguitato dalla magistratura.

Berlusconi può dire quello che vuole ma non è normale che la televisione nazionale che è pubblica pagata col canone di tutti i cittadini gli consenta senza contraddittorio di mostrare la realtè virtuale che a lui conviene. Sono stanco di scandalizzarmi. Berlusconi se è stato condannato in primo ed in secondo grado significa che un principio di colpevolezza è chiaro e manifesto. I magistrati fanno il loro dovere non sono nè buoni, nè cattivi, ma svolgono la funzione che la legge loro riconosce. La televisione di stato se voleva intervistare Berlusconi bene avrebbe fatto ad intervistare il vicepresidente del CSM. Il problema alla fine sarà risolto dal Presidente della repubblica che si appresta a nominare Berlusconi senatore a vita.

Non me ne meraviglierei.

maggio 9, 2013

“Non commento vicende giudiziarie”.

https://i2.wp.com/www.unionesarda.it/foto/PreviewFoto/2013/04/20/d_alema_la_politica_in_panne_lui_porta_a_spasso_il_suo_cane-500-500-361639.jpgQuesto ha risposto Massimo D’Alema al cronista che gli chiedeva un commento sulla recente condanna di Berlusconi. Finchè ci sarà gente come D’Alema Berlusconi potrà dormire sonni tranquilli e continuare a gridare contro la magistratura politicizzata.