Posts tagged ‘Benjamin Maier’

aprile 5, 2020

PERCHÉ ITALIA E SPAGNA?

(Da La Vanguardia)

Con 15.300 e 11.700 morti, l’Italia e la Spagna hanno lasciato la regione cinese di Wuhan, l’origine della pandemia, per giorni, e guidano la triste classifica delle vittime del coronavirus nel mondo. Entrambi i paesi rappresentano il 44% dei decessi globali, mentre rappresentano solo l’1,4% della popolazione mondiale.

Perché il Covid-19 è stato feroce in questo angolo del Mediterraneo? Sfortuna Cattiva gestione? Ci sono fattori che spiegano la loro maggiore vulnerabilità rispetto ad altre aree? O l’Italia e la Spagna hanno semplicemente iniziato per prime un percorso che altri seguiranno in seguito?

Le domande sono sul tavolo degli esperti, che avvertono che è troppo presto per conclusioni perché si trovano ad affrontare un virus ancora molto sconosciuto. “Non siamo sicuri del perché, nemmeno se l’Italia e la Spagna sono state colpite più duramente rispetto al resto dei paesi europei”, afferma Leon Danon, epidemiologo dell’Università di Exeter e membro del team che consiglia il governo britannico.

Alcune ipotesi, tuttavia, prendono piede. Se c’è un elemento a cui i dati indicano costantemente, è che l’età è la chiave: il Covid-19 colpisce le persone anziane molto più fatalmente. La piramide demografica di Italia e Spagna, con una popolazione che invecchia, indica che sono più vulnerabili al virus. “La famosa dieta mediterranea e la longevità ti stanno giocando contro”, riassume Danon.

La demografia spiega qualcosa, ma non tutto. L’età media in Italia (45,9) e Spagna (44,9) è superiore a quella cinese (38,4) o britannica (40,5), ma non così tanto quella del sudcoreano (43,7) o del Tedesco (45,9).

La struttura sociale mediterranea, i costumi e le modalità di relazione hanno contribuito, afferma Àlex Arenas, professore di Informatica e Matematica all’Università di Rovira i Virgili. “Siamo una società molto familiare, in cui i nonni si prendono cura dei bambini dopo aver lasciato la scuola. E dobbiamo abbracciarci e baciarci, incontrare amici per un drink. È diverso nel nord Europa, per non parlare dei paesi asiatici, dove il contatto fisico è minimo e tutti indossano una maschera. ” Arenas censura il messaggio martellato per settimane dalle autorità, sconsigliato l’uso di maschere, che ha usato da gennaio: “Devi essere negligente o ignorante per dire che non funzionano. Quello che succede è che non ce ne sono abbastanza perché non è stato raccolto. Certo che funzionano. Non tanto per proteggerti, ma per gli altri se sei infetto e non lo sai ”.

Paolo Surico e Andrea Galeotti, professori di Economia alla London Business School, indicano uno studio del 2008 che analizza i contatti tra fasce di età in otto paesi europei per determinare il loro impatto sulla diffusione delle malattie infettive. La Spagna non viene fuori, ma l’Italia sì, ed è ragionevole credere che i dati sarebbero simili: gli anziani italiani hanno molti più contatti con i bambini e i giovani rispetto ai tedeschi.

Gli esperti avvertono che non è ancora chiaro se i due paesi del Mediterraneo vadano peggio o solo per primi.
È qualcosa che tutti gli epidemiologi nel mondo stanno cercando di costruire i loro modelli matematici, afferma Benjamin Maier, un ricercatore del Robert Koch Institute, che si occupa del controllo e della prevenzione delle malattie in Germania. “Sospetto che in Italia l’epidemia non sia stata rilevata per lungo tempo. Quando lo hanno scoperto, molte persone anziane erano già state infettate, probabilmente a causa di un maggiore mix tra fasce d’età – In Germania abbiamo avuto i segnali di allarme dell’Italia e la mia ipotesi è che le persone che hanno portato il virus delle gite sugli sci abbiano socializzato con persone della loro età e non con persone anziane. Quindi il numero di infezioni degli anziani era basso all’inizio, il che spiegherebbe, per ora, un basso tasso di mortalità “.

Il contatto tra giovani e anziani è rilevante alla luce dei dati che suggeriscono che i primi potrebbero essere grandi portatori del virus senza saperlo, essendo più asintomatici. Surico e Galeotti confrontano le statistiche in Italia o Corea del Sud. Il 29,9% dei coreani infetti ha tra i 20 ei 29 anni; in Italia sono del 3,7%. Al contrario, il 41,3% ha più di 70 anni, rispetto all’8,7% in Corea. Come, se si tratta dello stesso virus? La differenza è che l’Italia verifica solo i casi più gravi; La Corea ha messo a dura prova e non solo i malati.

Tutti gli esperti consultati concordano sul fatto che i test sono il fattore chiave che spiega la diffusione o il contenimento dell’epidemia. La Germania, che è iniziata a gennaio e che attualmente esegue 500.000 test a settimana, “ha un’immagine più chiara di altre parti dell’iceberg nascosto sott’acqua”, afferma Maier.

Arenas usa un’altra metafora: quella della foresta in fiamme. In Germania e Corea, i test hanno consentito di individuare tempestivamente gli scoppi dell’incendio. In Italia e in Spagna, d’altro canto, gli incendi sono stati bruciati in modo incontrollato fino a quando non vi è stata altra scelta che imporre misure di confinamento, firewall per spezzare le catene del contagio.

“Grazie a questi firewall, siamo riusciti gradualmente a contenere l’incendio. Ma brucia ancora – avverte Arenas. È ora di andare nella foresta e guardare un albero dopo l’altro, vedere quali sono già bruciati e non rappresentano alcun pericolo, e quali sono ancora in fiamme e minacciano alberi sani ”. Testare nel modo più massiccio possibile sarà l’unico modo per eliminare gradualmente le restrizioni, dice. Fino all’arrivo dei test, considera indispensabile imporre l’uso di profilassi fisica, maschera e guanti per il lavoro quotidiano quando il parto è rilassato.

Anche Surico e Galeotti vedono nei test l’unica via d’uscita. “All’opinione pubblica non viene detto abbastanza chiaramente che l’isolamento non è una soluzione, ma solo un rinvio del problema. Ci consente di risparmiare tempo, ma dobbiamo approfittarne ”, affermano gli economisti. Scommettono di fare test “in modo intelligente, con campioni statisticamente rappresentativi”.

Alcuni più duramente e altri meno, ma tutti concordano su qualcosa: la Spagna è stata lenta a reagire. “Ricordo di aver visto i numeri spagnoli all’inizio di marzo e di aver pensato: perché non stanno facendo nulla?”, Afferma Maier. “Il fatto che non sia stata intrapresa alcuna azione ha sicuramente contribuito alla rapida crescita e una volta che l’infezione è ovunque l’unico modo è di chiuderla”, riflette Danon.

Siamo stati due settimane avanti rispetto all’Italia, ma non siamo stati in grado di trarne vantaggio ”, si rammarica di Arenas, che sottolinea che in Asia non è passato molto tempo per imporre misure aggressive di isolamento sociale e controllo della mobilità. 30 morti in Cina furono sufficienti, mentre l’Italia aspettò 463 e la Spagna 200. La Germania impose una prima chiusura parziale con 28 morti.

Ma gli scienziati ritengono che Italia e Spagna saranno presto raggiunte. “Quello che vedremo negli Stati Uniti Sarà catastrofico “, prevede Arenas.

L'immagine può contenere: una o più persone