Posts tagged ‘Benedetto XVI’

febbraio 11, 2013

Ma forse lo abbiamo sottovalutato.

papa-dimissioni-biani-1

Benedetto lascia. Il discorso è un filino più complesso di una vignetta. Interessante il ragionare partendo (comunque sia andata) dall’umanità e “relatività” del Papato.  A prescindere da tutto, la svolta è indubbia.

febbraio 11, 2013

Come Celestino V°.

Un Papa che lascia il pontificato è un evento molto raro nella storia della Chiesa. Il caso più famoso è quello di Celestino V: Pietro da Morrone, sacerdote, condusse vita eremitica. Diede vita all’Ordine dei ‘Fratelli dello Spirito Santo’, denominati poi ‘Celestini’, approvato da Urbano IV, e fondò vari eremi. Eletto papa quasi ottantenne, dopo due anni di conclave, il 5 luglio 1294, fu incoronato ad Aquila (oggi L’Aquila) il 29 agosto nella Basilica di Santa Maria di Collemaggio, dove è sepolto. Prese il nome di Celestino V e, uomo santo e pio, si trovò di fronte ad interessi politici ed economici e a ingerenze anche di Carlo d’Angiò.

Accortosi delle manovre legate alla sua persona, dopo 4 mesi rinunciò alla carica, il 13 dicembre 1294, morendo poco dopo in isolamento coatto nel castello di Fumone. Giudicato severamente da Dante come “colui che per viltade fece il gran rifiuto“, oggi si parla di lui come di un uomo di straordinaria fede e forza d’animo, esempio di umiltà e di buon senso.

Il secondo caso che la storia ricorda è quello di Gregorio XII, papa dal Papa dal 19 dicembre 1406 al 4 luglio 1415. Veneziano, una volta eletto si impegnò a porre fine al “grande scisma” fra i pontefici di Roma e quelli di Avignone. Ma ogni tentativo risultò vano. Solo il concilio di Costanza (1414-1417) vi riuscì. Gregorio XII rinunciò al pontificato e si ritirò a Recanati. Nel 1417, dopo la sua morte, il suo successore lo nominò Pontefice Emerito di Roma.

Da documenti d’archivio di fonte ecclesiastica, relativi alla Seconda Guerra Mondiale, sembra inoltre che Papa Pio XII (1876-1958) avesse scritto un documento segreto dove affermava che doveva essere considerato dimissionario nel caso in cui fosse stato rapito dai nazisti su ordine di Hitler. Eugenio Pacelli era stato informato di un piano del dittatore tedesco per arrestarlo e portarlo in una piccola località in Germania.

gennaio 17, 2013

Il Vaticano si trasferisce in Russia.

Gerard Depardieu prende la cittadinanza russa
per pagare meno tasse,
grazie a quel gran pezzo di …
galantuomo di Vladimir.
E l’idea sembra aver preso piede …
gennaio 12, 2013

Chi è più spregevole?

Regione Lazio, ecco il presidente uscente Renata Polverini, in udienza privata con il Papa.

gennaio 6, 2013

Pronto?!

Mario Monti e consorte alla Messa del Papa, primissima fila. Ad un certo punto il presidente del Consiglio prende, e risponde al cellulare. Lo sguardo della moglie vale il prezzo del biglietto.

novembre 29, 2012

Preti dissidenti a congresso: vogliono la fine del celibato.


Austria, Irlanda, Stati Uniti, Germania. Il 2013 sarà un anno cruciale per un movimento tutto interno alla Chiesa che sta facendo parlare il…Visualizza altro

Così forse si potrà debellare la piaga della pedofilia.

ottobre 8, 2012

Diciotto mesi senza cameriere.

agosto 25, 2012

Ascoltaci o Signore!

luglio 5, 2012

Cerchiamo di essere pratici.

giugno 24, 2012

‘Non fate offerte al Papa’

don Vitaliano si è rivolto ai fedeli, una sessantina di persone in tutto, mostrando loro la locandina che promuove la “Giornata della Pietà del Papa” e poi ha detto: “Invece di dare i soldi al Vaticano devolveremo quanto raccolto oggi a persone in difficoltà della nostra comunità, magari a Giovanni”. Un nome che tutti a Mercogliano conoscono: fu lui, Giovanni Barbieri, imprenditore della zona disperato per la sua azienda in crisi, a presentarsi in Banca lo scorso 25 maggio, con due bottiglie incendiarie in mano, intenzionato a dare fuoco ai locali del’istituto. Poco prima di compiere l’insano gesto aveva inviato un sms proprio a don Vitaliano: “non voglio fare male a nessuno”, c’era scritto.