Posts tagged ‘balene spiaggiate’

giugno 15, 2012

Un bel gesto.

Funerale per una balena spiaggiata

Storia triste ma con immagini toccanti.

Siamo a White Rock , città del Canada, e molta gente si è riunita sulla spiaggia dopo la notizia di una balena spiaggiata. Un evento purtroppo che spesso non riesce ad avere un lieto fine e che è accaduto proprio la scorsa notte, il 12 giugno.

L’animale si è trovato nel luogo proprio nel momento della bassa marea e non è più riuscito a tornare al largo. La popolazione del posto ha quindi voluto celebrare un piccolo funerale intimo. Tra curiosi e ufficiali della polizia, c’è qualcuno che si è commosso e non è riuscito a trattenere le lacrime.

Funerale per una balena spiaggiata

Funerale per una balena spiaggiataFunerale per una balena spiaggiataFunerale per una balena spiaggiata

Continua a leggere: Funerale per la balena spiaggiata in Canada

febbraio 22, 2011

Nuova Zelanda, terremoto magnitudo 6.3 e 107 balene spiaggiate. Eventi correlati?

E’ notizia di ieri lo spiaggiamento di 107 balene sul bagnasciuga di Cavalier Creek, Isola di Stewart in Nuova Zelanda. Di oggi invece la notizia del terribile terremoto di magnitudo 6.3 che ha toccato Christchurch seconda città neozelandese. Se i due eventi possano essere o meno collegati sarà la scienza a dovercelo dire, di certo è una coincidenza.

Secondo Jim Berkland, geologo, gli spiaggiamenti delle balene sarebbero da correlarsi ai cambiamenti del campo magnetico, evento che si verificherebbe (gli studi sono ancora in corso) prima di un terremoto. A risentirne, fino a 1-2 giorni prima, sopratutto gli animali che si orientano per le loro migrazioni, ma anche cani e gatti.

Ha detto Brent Beaven responsabile del Department of Conservation che è giunto sulla spiaggia dopo essere stato allertato da due turisti:

Circa la metà delle balene erano ancora vive quando siamo arrivati. Tuttavia ci siamo subito resi conto che a causa della maea che stava calando, ci sarebbero servite 10-12 ore per rimetterle in mare. A causa del clima caldo e asciutto però i decessi sono stati più rapidi.

settembre 24, 2010

Ennesima strage di balene.

Ennesima strage di balene sulle coste della Nuova Zelanda: circa 75 cetacei si sono spiaggiate sulla sabbia della Spirits Bay, come al solito per motivi tutti da capire. E, ancora una volta, si è scatenata una corsa contro il tempo per salvarle. Ma è difficilissimo e due terzi dei cetacei sono già deceduti.

Ci stanno lavorando in oltre 150: ranger, volontari e persino i maori si sono dati da fare per salvare le ultime 24 balene sopravvissute.

Ma non è affatto facile: oltre al peso degli animali, infatti, i volontari hanno contro un forte vento con raffiche a 100 km l’ora e il mare grosso che schiaffeggia la spiaggia. Si sta cercando di avvicinare le balene ad un fiume che sfocia proprio vicino al luogo dello spiaggiamento.

Non basterà di certo, ma servirà a prendere tempo e a guadagnare qualche ora in attesa che si riesca a spostarle con i mezzi pesanti. In ogni caso, con 24 balene vive su 75, è già una strage.

dicembre 21, 2009

idee geniali.

Nel 1970 una balena ha spiaggiato morente sulle coste dello stato americano dell’Oregon. Posto davanti allo scomodo problema di come rimuovere la carcassa, il capo della protezione civile americana sceglie la via creativa e pensa: se riduciamo la balena in pezzi i gabbiani mangeranno i resti velocemente, ma siccome nessuno era disposto all’ingrato lavoro di spezzettamento, ha preso una decisione draconiana ed ha piazzato mezza tonnellata di dinamite sotto l’animale.
Il risultato è stato notevole: pezzi di animale putrefatti si sono dispersi per un raggio di mezzo chilometro; la puzza per decine di miglia; i gabbiani spaventati dalla detonazione se la sono data ad ali levate; nessuno è stato ferito, ma parecchie automobili parcheggiate hanno subito ingenti danni da carne di balena volante; inoltre quasi la metà della carcassa è rimasta intatta dopo l’esplosione.
Insomma, un disastro!