Posts tagged ‘avvenire’

settembre 23, 2010

Vittorio Feltri verso la radiazione.

Linciaggi sui giornali. Lettere anonime spacciate per documenti giudiziari come quella che è costata il posto all’ex direttore di Avvenire e una sospensione di sei mesi a Vittorio Feltri. Ma non è finita. Ci sono anche servizi che ledono la privacy, diffusi al pubblico come scoop giornalistici. E’ il “metodo Boffo” che si fa sistema. Per screditare gli avversari politici e non solo. E’ l’ultimo assalto alla democrazia da parte di Berlusconi e della sua stampa armata che alza sempre più il tiro. E dopo il caso del giudice Raimondo Mesiano per il quale il giornalista Claudio Brachino è stato sospeso due mesi e l’ex direttore del giornale dei vescovi, oggi mira al presidente della Camera Gianfranco Fini. L’ultimo colpo menato dagli aziendalissimi cronisti di Libero e de Il Giornale è un documento che dimostrerebbe come Giancarlo Tulliani sia il reale proprietario dell’appartamento di Montecarlo. La notizia rimbalza dal governo di Saint Lucia in Italia attraverso due giornali online di Santo Domingo. Proprio nel giorno in cui alla Camera si discute sull’utilizzo delle intercettazioni per il caso dell’ex sottosegretario Nicola Cosentino, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. E subito volano gli stracci. Con i finiani che ieri gridavano a una porcata organizzata da settori dei servizi segreti  e che oggi ribadiscono il concetto con un editoriale del direttore del Secolo d’Italia, Flavia Perina. I berluscones, però, non si fermano. Vanno avanti e rilanciano. Con lo stesso Feltri che nell’editoriale di ieri scriveva: “Fini non ha detto la verità, ecco la prova”. Mentre Maurizio Belpietro dalle colonne di Libero arriva a pubblicare la foto del presidente della Camera nudo e coperto solo da una metaforica foglia di fico.

aprile 14, 2010

L’Avvenire dimentica le dichiarazioni di Bertone

Guarda caso, l’unico quotidiano a non riportare le dichiarazioni di Bertone è quello della Conferenza Episcopale Italiana:

avvenirebert

febbraio 20, 2010

La CEI contro Emma Bonino

Attorno al dibattito politico si sta imponendo uno strano modo di ragionare. Chi è al centro di uno scandalo, e in questi mesi non sono certo mancati gli eventi di dubbio gusto, tenta di dispensare morale a chi concettualmente potrebbe essergli contro.

Malgrado quanto successo a Dino Boffo, direttore dell’Avvenire costretto a dimettersi grazie ad una probabile segnalazione fatta dal direttore dell’Osservatore Romano a Vittorio Feltri, la CEI (Conferenza Episcopale Italiana) attacca duramente Emma Bonino.

Ci sta che alla chiesa le posizioni laiche, e contemporanee, dell’esponente radicale non piacciano. Quel che colpisce è il distinguo che viene fatto dalla candidata del Partito Democratico e quella del Popolo delle Libertà.Certo che a noi cattolici questa gerarchia di preti affaristi chiede davvero troppo.