Posts tagged ‘Auto ibride’

dicembre 21, 2010

Opel Ampera auto elettrica con generatore a benzina (ma non è ibrida).

Oper ampera

Tra un mesetto a Detroit si terrà il NAIAS, il Salone internazionale dell’automobile. Molte delle novità riguarderanno le auto elettriche che copiose saranno sul mercato appunto tra la prima metà del 2011 e il 2012. Tra le novità la Opel Ampera E-REV (in vendita dall’ultimo trimestre 2011) ossia auto sì elettrica ma con motore termico a benzina, ma non è un ibrida. Le nuove versioni della Chevrolet Volt (per il mercato americano e prodotta proprio a Detroit) e Opel Ampera (per il mercato europeo) saranno in vendita dal 2015.
Opel Ampera

A proposito del motore a benzina, spiega Opel:

Il generatore a benzina funge invece da fonte secondaria, generando energia elettrica quando la batteria è scarica ed assicura un’autonomia di oltre 500 km.

novembre 4, 2010

Toyota: inaugurato il riciclaggio del nichel nelle batterie delle ibride.

Toyota Prius 10th Anniversary

Toyota ha annunciato di aver avviato un interessante programma di riciclaggio tramite la sua controllata Toyota Chemical Engineering. La casa giapponese afferma di essere pronta a lanciare “il primo programma industriale al mondo” per il riciclaggio del nichel contenuto nelle batterie al nichel idruro (le NiMh che montano la Prius e le ibride Lexus, per capirci) per riutilizzarlo in altre batterie NiMh di nuova fabbricazione.

Finora, le batterie recuperate dalla rete delle concessionarie e dalle strutture di rottamazione delle auto erano soggette a un trattamento di riduzione, ed il residuo veniva semplicemente riciclato come materiale grezzo destinato alla produzione di acciaio inox.

Oggi, grazie allo sviluppo di una tecnica ad alta precisione di classificazione ed estrazione del nichel, i materiali possono essere avviati direttamente al processo di raffinazione, per poi trovare una seconda vita proprio all’interno di un’altra batteria.
Per realizzare il processo, Toyota ha creato un call center dedicato ai clienti dei suoi modelli ibridi, allo scopo di contribuire al recupero delle batterie, e ha costruito avanzate strutture di riciclaggio per la produzione di massa di accumulatori “rigenerati”.

luglio 29, 2010

Gran Bretagna, confermati i bonus alle auto elettriche e ibride dal 2011

La gran bretagna conferma per il 2011 gli incentivi alle auto elettriche e alle ibride David Cameron benedice le auto elettriche e conferma gli incentivi anche per le auto ibride da gennaio 2011 e che dureranno fino a marzo 2012. Lo ha annunciato il nuovo segretario ai trasporti Philip Hammond.
Dunque, agevolazioni per un massimo di 5000 sterline che pesaranno alle casse dello stato per 43milioni di sterline, circa 60 milioni di euro.

E per favorire la diffusione delle auto elettriche e degli ibridi plug-in sono state investite sostanziose risorse per mettere in piedi la rete di distribuzione. A Londra, Milton Keynes e nor est dell’Inghilterra saranno disponibili entro fine anno 11mila colonnine elettriche per la ricarica. A seguire sarà coperta poi l’intera Gran Bretagna.

E in Italia? Dovremo aspettare le auto a energia nucleare per avere gli incentivi?

giugno 24, 2010

Avanzano le auto elettriche.

E’ un vero e proprio boom quello delle auto elettriche nel mondo: secondo un rapporto stilato dal centro studi britannico J.D. Power quest’anno si sfiorerà il milione di esemplari venduti, ed entro il 2015 si arriverà a tre milioni di auto ‘verdi’ comprate in tutto il pianeta. I numeri forniti dalla compagnia parlano di una previsione di 940mila auto elettriche vendute nel 2010, con un balzo in avanti rispetto alle 732mila dello scorso anno. A fare la parte del leone sono le automobili ibride, il 98% del mercato, anche perché non necessitano di stop per essere ricaricate. Questo tipo di modelli continuerà a piacere molto agli Usa, che nel 2015 dovrebbero assorbire il 55% del mercato, ma anche all’Asia, con il solo Giappone che dovrebbe arrivare in 5 anni a un quarto del mercato. Per quanto riguarda le auto totalmente elettriche, per quest’anno se ne dovrebbero vendere appena 23mila nel mondo, ma il rapporto prevede un’espansione fino a 500mila fra 5 anni.

marzo 18, 2010

Sono davvero ecologiche le auto ibride?

autoLe auto ibride sono davvero ecologiche, e quanto? L’Union of Concerned Scientists le ha valutate e ha pubblicato una classifica che tiene conto sia del prezzo sia degli effettivi vantaggi per l’ambiente.

Vantaggi che talvolta non sono esattamente formidabili. Ad esempio, passando da una Toyota Matrix convenzionale a una Prius le emissioni di gas serra si riducono del 44%. Ma passando da una Saturn Aura a un Aura ibrida le emissioni di gas serra scendono solo del 10%.

La classifica dell’Union of Concerned Scientists tiene poi conto dell’impatto che i vantaggi ambientali delle auto ibride hanno sul portafoglio dell’acquirente. Rapporto costi-benefici, insomma.

In questo campo, gli scienziati hanno stabilito che un buon risultato è dato da una riduzione delle emissioni di gas serra pari (o superiore) al 27% abbinata ad un maggior costo dell’auto ibrida pari a 4.000 dollari.

I risultati peggiori sono quelli legati ai modelli che essi hanno ribattezzato “ibridi muscolari” e che mirano a fornire prestazioni particolarmente brillanti.

Ultimo aspetto della valutazione: verificare se il maggior costo delle auto ibride rispetto alle omologhe convenzionali è in parte legato a differenze di equipaggiamento che riguardano il lusso (tipo i sedili di cuoio) e non l’ambiente.

marzo 13, 2010

Nuovi standard Unece per auto elettriche,auto ibride e auto a idrogeno.

Nell’attesa Che le auto elettriche invadano Il Mercato dal 2011, Almeno questa è la promessa delle automobilistiche caso, l ‘UNECE (Commissione Economica delle Nazioni Unite per l’Europa) dovranno Rispettare per Essere OMOLOGATE rinnova Che gli standard. I nuovi parametri fanno riferimento uno Norme di sicurezza per auto elettriche, auto ibride E Auto a idrogeno.

L ‘Intesa firmata da 41 Paesi e riservata ai veicoli in grado di superare i 25 Km / h Tende a garantire conducente e passeggeri dal Rischio di scosse elettriche.

La modifica nel regolamento ECE / ONU n. 100, riflette il crescente interesse dei Produttori e Acquirenti di veicoli elettrici e ibridi e offre alle automobilistiche caso lo Strumento giuridico per immettere sul Mercato veicoli commerciali con standard ecologici, riducendo I costi ei Ritardi connessi con le approvazioni multiple in Diversi Paesi.