Posts tagged ‘associazione nazionale magistrati’

maggio 4, 2013

Lui di P2 se ne intende.

Pornonano

[18 Apr.] «L’Associazione Nazionale Magistrati è come la P2, agisce segretamente, tenendo nascosti i nomi dei loro associati.»
 (Silvio Berlusconi, il Pornonano Piduista)

ottobre 3, 2010

Chi alimenta il clima di odio?

“Queste invettive contribuiscono solo ad alimentare un clima di tensione che nuoce al Paese e si trascurano del tutto le reali emergenze del sistema giudiziario”. Lo afferma l’Associazione nazionale magistrati a proposito delle esternazioni del premier sulla giustizia. “Addirittura, oggi, secondo Berlusconi l’intera magistratura italiana, fino alle Sezioni Unite della Corte di Cassazione, sarebbe parte di un’associazione a delinquere diretta a sovvertire l’ordinamento democratico dello Stato. E’ paradossale – prosegue l’Anm – che una carica dello Stato compia un’opera di delegittimazione e discredito di tale portata nei confronti di un’istituzione che, invece, dovrebbe essere supportata nell’azione di contrasto alle diverse forme di criminalità”.Una risposta contraria alle accuse di Berlusconi giunge anche da Oreste Dominioni, presidente dell’Unione delle camere penali italiane (in congresso da oggi a Palermo), “La mia risposta alla domanda se esista un’associazione a  delinquere in magistratura è negativa”. Dominioni precisa che “tutt’altra cosa è un’analisi che possa far  rilevare che ci sono correnti o meglio raggruppamenti che si  cimentano tra loro per legare plurime iniziative giudiziarie”, ragione per qui “c’è bisogno – conclude il leader dei penalisti- di riforme per rimediare situazioni di oggettivo squilibrio  nell’attività politica e giudiziaria”.

 

febbraio 27, 2010

Processo Mills, Berlusconi non ci sta.

Una cosa è certa: il nostro presidente del Consiglio è un corruttore di testimoni e malgrado una sentenza salomonica della Corte di Cassazione Berlusconi non ci sta ed attacca la magistratura”faremo una riforma della giustizia importante e cercheremo di eliminare questa terribile patologia: qualche volta – ha detto Silvio Berlusconi nel corso della cena elettorale in favore di Roberto Cota – si dice la corruzione, le organizzazioni criminali… secondo me questa (la magistratura politicizzata, ndr) è la patologia più grave della nostra democrazia”.Gli risponde gianfranco Fini che afferma;”Non siamo in uno stato di polizia” e questo lo dimostra l’alto tasso di “evasione nel nostro paese”.”E’ intollerabile questa escalation di insulti e aggressioni nei confronti dei magistrati italiani”. Risponde l’Associazione nazionale magistrati e chiede alle ”istituzioni di reagire”. ”Nel giorno in cui un servitore dello Stato viene ucciso in Afghanistan da terroristi talebani, l’offesa rivolta ai magistrati italiani dal presidente del Consiglio brucia se possibile di piu”, dice il segretario Giuseppe Cascini. Gli Italiani per bene devono rispondere con lò’unico strumento serio che è nelle loro mani e che non gli è stato tolto; con il votp. Fermiamo Berlusconi e la sua cricca del malaffare.

ottobre 19, 2009

Una vera canagliata

Nel blog di Bobo Craxi, è comparso un post che paragona l’annunciato stato di agitazione dell’associazione Nazionale Magistrati con il comunicato dei nuclei Comunisti combattenti che contengono minacce contro Berlusconi, Fini e Bossi. Il pezzo dimostra ancora una volta se ce ne fosse stato bisogno da che parte sta o è meglio dire da che parte è sempre stato Bobo Craxi e il neo partito che si è precipitato a fondare non appena si è palesata l’ipotesi di un partito della sinistra.
Accostare la magistratura ai terroristi è una operazione scorretta e pericolosa. La magistratura è un potere dello Sato che nella lotta al terrorismo di ogni colore politico ed alla criminalità organizzata ha dato tutto il suo impegno e molti sono i magistrati che sono caduti nell’adempimento del loro dovere. I magistrati da sempre difendono lo Stato di diritto che la destra populistica- plebiscitaria di Berlusconi e Bossi, non perde occasione di calpestare. Questo stato di diritto si fonda sulla divisione dei poteri, mentre l’attuale governo da una parte esautora il Parlamento sovrano e dall’altra minaccia la magistratura, raccogliendo tutto il potere attorno all’esecutivo.
Il terrorismo invece è un movimento che fa della tensione e dell’eversione la regola del proprio agire. Dalla strage di Piazza Fontana ad oggi essi sono comparsi, stano a dirsi, sempre quando la sinistra tentava di organizzare una resistenza politica all’interno delle regole democratiche.
Delegittimare la magistratura è diventato uno sport molto praticato, negli ultimi tempi, ma non è uno sport che ci trova consenzienti. I socialisti sanno bene cosa è la magistratura e cosa sono i terroristi e non ci faremo incantare dalle sirene del figlio di un signore che invece di sedersi sullo scranno degli imputati ha preferito fuggire all’estero.
Beppe Sarno