Posts tagged ‘associazione mafiosa’

ottobre 16, 2013

la Padania mafiosa.

Stemma_di_Sedriano.jpg

Sedriano è il primo comune della Lombardia ad esser stato sciolto dal potere centrale per infiltrazioni mafiose. La cittadina si trova nella provincia di Milano, vicino a Magenta. Il sindaco di Sedriano era stato arrestato un anno e mezzo fa per corruzione e associazione mafiosa. Insieme a lui erano stato fermati anche esponenti vicini all’amministrazione comunale, ma la maggioranza della cittadina della Provincia di Milano si era opposta alle dimissioni, così da impedire lo scioglimento del Comune. Come ricorda il sito de il Fatto Quotidiano, il 10 ottobre 2012 era stato arrestato il sindaco Alfredo Celeste, eletto nel 2009 in una lista del Popolo della Libertà, insieme al padre ed il marito di due consiglieri comunali. ” Si tratta di Eugenio Costantino, titolare di “compro oro” e padre della giovane consigliera 27enne Teresa, presunto boss della ‘ndrangheta operante nel milanese; e del medico chirurgo del pavese Silvio Marco Scalambra, marito della consigliera comunale e capogruppo Pdl Silvia Stella Fagnani, accusato di essere collettore di voti delle cosche. Secondo i magistrati, i due sarebbero stati complici di un ‘do ut des’, “asservendo a fini corruttivi il Sindaco di Sedriano” che, come risulta dalle intercettazioni riportate nell’ordinanza di custodia cautelare, sognava un posto in Senato.

settembre 30, 2010

L’Espresso: Renato Schifani indagato per concorso esterno associazione mafiosa.

Il presidente del Senato Renato Schifani è indagato dalla procura di Palermo per concorso esterno in associazione mafiosa. Lo scrive il settimanale L’Espresso nel numero che sarà in edicola domani. Si tratta – precisa il settimanale – di un «atto dovuto» dopo alcune dichiarazioni ai magistrati di Gaspare Spatuzza e del pentito Francesco Campanella. Il fascicolo che riguarda il presidente del Senato, sostiene sempre L’Espresso, è stato aperto pochi mesi fa e gli interrogatori in corso hanno come oggetto il suo passato di avvocato civilista, i suoi rapporti con gli uomini dei Graviano e il suo presunto ruolo di collegamento fra lo stragista di Brancaccio e Dell’Utri nel periodo che ha preceduto la nascita di Forza Italia.

Secondo le dichiarazioni di Spatuzza, Schifani avrebbe incontrato in diverse occasioni, all’inizio degli anni ’90, il boss Filippo Graviano nel capannone dell’imprenditore Pippo Cosenza, che il presidente del Senato assisteva all’epoca nella sua qualità di avvocato civilista. Di questi presunti rapporti Spatuzza aveva già parlato con i pm di Firenze; dichiarazioni depositate dalla procura generale nel processo d’appello in cui Marcello Dell’Utri è stato condannato a sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa.

Nemmeno durante il fascismo al governo c’erano personaggi tanto imbarazzanti!|