Posts tagged ‘assenteismo parlamentare’

giugno 7, 2013

E domani portate la giustificazione.

Tre mesi, 100 giorni di legislatura: un primo bilancio degli assenteisti seriali, ora possiamo farlo. Peraltro molti di essi non sono nuovi a questo genere di comportamenti. E allora ecco i parlamentari che hanno superato il 90% di assenze. Tra i peggiori, anche stavolta, spiccano entrambi gli avvocati di Berlusconi, Longo e Ghedini, e la sua assistente personale, Maria Rosaria Rossi, detta “la badante”. Ci sono pure Monti, Bossi e Verdini. Ah, Stefano Quintanelli ci scrive che ha avuto un grave incidente stradale: è vivo per miracolo, si sta rimettendo (2-3 mesi per vederlo camminare) e gli auguriamo ogni bene.
Annunci
maggio 26, 2013

Però parla bene.

 

Il senatore Giulio Tremonti, dopo due mesi e mezzo di legislatura, ha già maturato un bel 94% di assenze, stando ai dati ufficiali del Senato. Fece lo stesso durante l’anno di Mario Monti, e ora continua a saltare voti e sedute. Ma allora ci si chiede, dove sarà mai finito il nostro ex ministro dell’Economia? Al Corriere della Sera ha dichiarato:

“Che fine ho fatto? Sono spesso all’estero, a cercare materiale per il libro che scriverò”.

Ah ecco.

maggio 18, 2013

Ghedini il meno presente.

     La legislatura numero sedici è terminata, e quelli di Openpolis hanno tirato le somme di 5 anni di attività parlamentare. Il dossier completo, in formato .pdf, lo trovate qui. Tra i tantissimi dati interessanti rilevati, riportiamo quelli relativi ad assenze ed improduttività, i grandi classici. Spiccano i nomi di Verdini, del mitologico Gaglione, di Bersani, Barbareschi, Bonino, Ciarrapico, Dell’Utri, ma soprattutto di Niccolò Ghedini, ai vertici di entrambe le classifiche. Chissà che altro aveva da fare.
marzo 20, 2012

Gaglione? Presente!

Cardiochirurgo, barese, ex Pd, ora gruppo Misto. Ultima dichiarazione dei redditi: 579 mila euro, in ascesa rispetto all’anno precedente, che il centro di cardiologia rende bene. Stiamo parlando dell’Onorevole Gaglione, recordman planetario dell’assenteismo parlamentare. Sua moglie gli dice sempre “di dimettersi”, ma lui preferisce restare, anche se non si sente “apposto”, quando ogni mese, da Roma, arrivano circa 12 mila euro tra “stipendio, rimborsi e indennità”. Oggi ha dichiarato:

Da quanto tempo non vado in parlamento? No. Calma, sto andando sempre in Parlamento. Su base mensile, ho una presenza del 100% delle sedute … Da quando c’è Monti, è cambiato qualcosa … E’ il miracolo di Monti.

 le votazioni ci dicono che Gaglione nell’ultimo mese è stato presente solo 4 volte su 164, il 2,4% del totale. “Dati alla mano, è ancora un assenteista cronico”, la conferma di Openpolis. Vabbé, ma dal novembre 2011? Sarà pur cambiato qualcosa – come dice Gaglione – dall’arrivo del “miracolo Monti” … Sì: zero interventi in aula, zero missioni e zero emendamenti presentati, ed un aumento delle presenze – tenetevi forte – dello 0,23%, dal 6,44 al 6,67%. In pratica si fa vedere una volta in più ogni 434 votazioni. Ce la sta mettendo tutta.
marzo 6, 2012

Assenti ingiustificati.

In teoria si discute di un cambiamento che avrà effetti enormi sul paese: una modifica Costituzionale che sancisca il principio del pareggio di bilancio in ogni finanziaria, in ogni congiuntura storica, è un passaggio deciso a livello europeo ma molto discusso e molto discutibile. Un passaggio che potrebbe costringere a tagliare in maniera drammatica la spesa sociale.
Eppure sarà perchè è lunedi, sarà perchè il Parlamento si sente esautorato dal governo dei tecnici, sarà perchè la barca della legislatura affonda e tutti i deputati sono impegnati nelle trattative per salvare la propria carriera politica, ma a Montecitorio non c’è proprio nessuno!
E’ incredibile, ma lunedì 5 marzo è un giorno record nella storia della Repubblica: su 630 aventi diritto (e anche aventi dovere!) in aula ci sono solo nove deputati! E a un certo punto diventano sei, lo 0,9% del totale, davanti a un Buttiglione direttore dei lavori che pronuncia le classiche parole “onorevoli colleghi” in una situazione grottesca, davanti a un’aula vuota in cui sono presenti solo i commessi…
agosto 2, 2011

Poi non lamentatevi se la gente s’incazza.

Ciriaco De Mita, 83 anni, Parlamentare Europeo Udc – 20 mila euro lordi al mese, 34 mila euro mensili di costo per i cittadini – è in assoluto uno tra i deputati più assenteisti del Continente (715° su 736). Oddio, anche lui ha i suoi buoni motivi …

No no no io do subito la mia spiegazione … non è vero che la mia valutazione relativa alle presenze è “scarsissimo”, altrimenti dovrei subire la decurtazione dell’indennità, e non c’è! … vuol dire che la mia presenza è “sufficiente” … ma ecco quali sono le circostanze: i mezzi di trasporto dall’Italia a Strasburgo sono di una difficoltà rara, normalmente bisogna prendere due voli, c’è un solo volo diretto da Roma che parte il lunedì e rientra il mercoledì … la seduta che diventa oggetto di statistica si chiude il giovedì a mezzogiorno … se io salto … se mi fermassi fino a mezzogiorno sarei costretto a fare un giro per Parigi e poi rientrare a Roma …