Posts tagged ‘aretha franklin’

aprile 22, 2013

Sam Cooke – Feel it

Samuel Cook[1] (January 22, 1931 – December 11, 1964), known by his stage name Sam Cooke, was an American gospel, R&B, soul, and pop singer, songwriter, and entrepreneur. He is considered to be one of the pioneers and founders of soul music.[4] He is commonly known as the King of Soul for his distinctive vocal abilities and influence on the modern world of music. His contribution in pioneering soul music led to the rise of Aretha Franklin, Bobby Womack, Al Green, Curtis Mayfield, Stevie Wonder, Marvin Gaye, and popularized the likes of Otis Redding and James Brown.[5][6][7]

Cooke had 30 U.S. top 40 hits between 1957 and 1964, and a further three after his death. Major hits like “You Send Me“, “A Change Is Gonna Come“, “Cupid“, “Chain Gang“, “Wonderful World“, and “Twistin’ the Night Away” are some of his most popular songs. Cooke was also among the first modern black performers and composers to attend to the business side of his musical career. He founded both a record label and a publishing company as an extension of his careers as a singer and composer. He also took an active part in the American Civil Rights Movement.[8]

On December 11, 1964, Cooke was fatally shot by the manager of the Hacienda Motel in Los Angeles, California, at the age of 33. At the time, the courts ruled that Cooke was drunk and distressed, and that the manager had killed Cooke in what was later ruled a justifiable homicide. Since that time, the circumstances of his death have been widely questioned.

agosto 30, 2011

Aretha Franklin – Chain Of Fools – Buonanotte compagni.

Una forza del cielo si riconosce. Si riconosce qualcosa creato da Dio. E Aretha è un dono di Dio. Quando si tratta di esprimere se stessi attraverso il canto, non c’è nessuno che riesca a raggiungerla. Lei è la ragione per cui le donne vogliono cantare. Aretha ha tutto — la potenza, la tecnica. È onesta in tutto quello che dice. Tutto ciò che sta pensando o facendo, è tutto nella musica, da “Chain of Fools” a “Respect” alle sue esibizioni live. E ha una sicurezza totale; non vacilla mai.

Penso che sia la sua base gospel a darle quella sicurezza, perché nel gospel non si scherza, si è tutti concentrati sulla tecnica, lavora chi ha la voce. Per lei questo non è un gioco. Da bambina, ascoltavo la musica di Aretha perché mia madre metteva “Do Right Woman” e “Ain’t No Way” ogni santo giorno. Vedevo mia madre piangere quando ascoltava queste canzoni, e piangevo anch’io. Poi l’ho scoperta per conto mio con la colonna sonora di Sparkle. Devo avere ascoltato “Giving Him Something He Can Feel” per trenta volte di seguito; alla fine, ho collegato i puntini fino ad arrivare alla voce che mia madre ascoltava.

 

marzo 11, 2010

Buonanotte compagni con Aretha Franklin

Aretha Louise Franklin (Memphis, 25 marzo 1942) è una cantautrice e pianista statunitense, una delle icone della musica gospel, soul e R&B. È cresciuta a Detroit.

È soprannominata La Regina del Soul o Lady Soul[1][2] per la sua abilità di aggiungere una vena soul qualsiasi cosa canti e per le sue enormi abilità vocali. Lo Stato del Michigan ha ufficialmente dichiarato la sua voce una meraviglia della natura.

È molto nota per la sua vasta produzione di musica soul e R&B ma anche jazz, rock, blues, pop, hip hop, gospel e lirica che le hanno meritato ben 20 premi Grammy (otto dei quali vinti consecutivamente nella stessa categoria dal 1968 al 1975; in quel periodo il premio veniva chiamato The Aretha Award, ossia “Il premio Aretha”)[3].

Il 3 gennaio 1987 è stata la prima donna ad entrare a far parte della Rock and Roll Hall of Fame[4].

In una classifica stilata nel 2004 dalla famosa rivista Rolling Stone Aretha è stata classificata al quinto posto, che è anche il piazzamento più alto per una donna[5] tra i 100 artisti più grandi nella storia. Sempre da questa rivista è stata giudicata la più grande voce, maschile o femminile, di tutti i tempi[.