Posts tagged ‘antinuclearisti’

novembre 25, 2011

Scontri in Germania fra antinuclearisti e polizia.

 

scontri scorie nucleari Germania

Scontri in Germania tra un gruppo di antinuclearisti e le forze dell’ordine. L’oggetto della protesta è un treno carico di scorie proveniente dalla Francia. Le scorie sono di una centrale nucleare tedesca ed erano state inviate in un impianto di riprocessamento, situato nell’area settentrionale della Francia.

Sulla via del ritorno i convogli, diretti al centro di stoccaggio temporaneo di Gorleben, hanno però incontrato l’opposizione degli attivisti tedeschi. Episodi di contestazione simili si erano già verificati nei giorni scorsi sul versante francese del confine. Ricordiamo che la Germania ha manifestato l’intenzione di uscire dal nucleare entro il 2022.

aprile 26, 2011

In Francia e Germania in 140mila dicono no alle centrali nucleari.

Forse noi italiani siamo intontiti dai media, visto che sembriamo addormentati rispetto a una seria politica popolare contro le centrali nucleari. Diversamente da Germania e Francia che oggi, abbandonando ogni impegno con le festività pasquali, hanno deciso di manifestare contro le centrali nucleari e in oltre 140mila sono scesi in piazza per invitare i rispettivi governi a sospendere il programma nucleare. La manifestazione che ha coinvolto tedeschi e francesi è stata organizzata dall’associazione tedesca Ausgestrahlt e la partecipazione è stata enorme. A 24 ore dal terribile anniversario di Chernobyl l’appello degli antinuclearisti tedeschi e francesi è stato fortissimo: le centrali nucleari attualmente in attività in Francia e Germania devono essere chiuse e dismesse.

Francesi e tedeschi manifestano contro il nucleare civile
Fancesi e tedeschi manifestano contro il nucleare civile Fancesi e tedeschi manifestano contro il nucleare civile Fancesi e tedeschi manifestano contro il nucleare civile Fancesi e tedeschi manifestano contro il nucleare civile Fancesi e tedeschi manifestano contro il nucleare civile Fancesi e tedeschi manifestano contro il nucleare civile Fancesi e tedeschi manifestano contro il nucleare civile

Le azioni sono state suddivise in diverse aree: alla centrale nucleare di Biblis e Grafenrheinfeld si sono riunite 15mila persone; hanno manifestato in 17mila a Krümmel; in 10mila a Gundremmingen e in 20.000 a Grohnde; a Brunsbüttel erano in 6.000 in 8.000 a Neckarwestheim, a Esenshamm in 5200; a Phillipsburg in 3.000. Manifestazioni si sono avute anche a Brunswick dove si sono riuniti in 11.000, a Gronau in 10.000; a Lubmin in 2.000. Inoltre, circa 25.000 persone hanno manifestato a Fessenheim e a Cattenom in Francia.

marzo 13, 2011

Sicurezza nucleare e terremoto in Giappone: smentito Chicco Testa.

terremoto-giappone-e-nucleare-informazione-censurata-il-video

 

chicco testa smentito da lilli gruber a otto e mezzo su la7

Circa ventiquattro ore dopo l’esplosione della centrale nucleare di Fukushima Daiichi, conseguenza del tremendo terremoto seguito dallo tsunami che ha colpito ieri il Giappone, viene smentito dai fatti Chicco Testa, presidente del Forum nucleare italiano e intervistato appena ieri daLilli Gruber a Otto e mezzo su La7.

Testa con assoluta sicumera aveva dichiarato durante l’intervista di ieri, che nelle centrali nucleari i sistemi di sicurezza sono talmente affidabili che un incidente risulta essere una remota ipotesi. E riporta le sue informazioni, presumo date dalle stesse autorità Giapponesi, che saranno poi qualche ora dopo smentite dal botto. Da quel che sa lui sono intervenuti con i sistemi elettrogeni e che il reattore è stato messo in sicurezza:

Fino a adesso, in tutto il sistema energetico giapponese le centrali nucleari sono quelle che hanno retto e si sono arrestate.

Gianni Silvestrini direttore scientifico del Kyoto Club è l’altro ospite e avrà il duro compito di smontare le inutili faziosità di Testa e di provare a spiegare un po’ come stanno le cose, il che per un anti nuclearista è una doppia fatica. Chiarisce subito che in Giappone le autorità non hanno mai brillato per trasparenza e considerati i danni che ci sono stati anche a una diga e a una raffineria lo scenario non è dei più rassicuranti. Un incidente a una centrale nucleare è certamente più complesso e già nel 2007 in Giappone ci fu un incidente alla centrale nucleare di Kashiwazaki Kariwa fatto per cui restò ferma per un paio di anni.