Posts tagged ‘animali’

novembre 23, 2012

Genetica: sono i telomeri l’oracolo del 2000, che predicono la durata della vita.

telomeri

I telomeri possono effettivamente predire la lunghezza della vita, almeno in un habitat selvatico. La ricerca degli studiosi della University of East Anglia e’ stata pubblicata sulla rivista…

23 novembre 2012 / Leggi tutto

maggio 6, 2012

Global warming: le piante che fioriscono velocemente…

 

Una ricerca condotta negli Stati Uniti e pubblicata sul sito web di Nature, evidenzia come il riscaldamento globale stia avendo un impatto significativo su centinaia di specie animali e vegetali in tutto il mondo, cambiando alcuni modelli di allevamento, di migrazione e di alimentazione.

Lo studio si basa su dati provenienti da studi del ciclo di vita delle piante e di esperimenti effettuati in quattro continenti e 1.634 specie. Si è riscontrato che alcuni esperimenti avevano sottovalutato la velocità della fioritura da 8,5 volte e le foglie che crescono di 4 volte.

Come risposta ai cambiamenti climatici le piante sono fiorite più velocemente di quanto gli scienziati avevano previsto, fenomeno che potrebbe avere effetti devastanti a catena sulla catena alimentare e sull’ecosistema.

L’aumento della concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera dalla combustione di combustibili fossili può influenzare il modo in cui le piante producono ossigeno, mentre temperature più elevate e precipitazioni variabili possono cambiarne il comportamento.

Predire la risposta delle specie al cambiamento climatico è una sfida importante in ecologia“, han detto i ricercatori della University of California di San Diego e numerose altre istituzioni statunitensi.

aprile 12, 2012

Un pò di leggerezza fa bene.

Animali in scatti particolari

Che gli animali siano spesso protagonisti di azioni e mosse particolarmente buffe lo sappiamo tutti.

Ecco una gallery con immagini curiose e particolari: uno scioiattolo che fissa una ghianda che vola, passerotti che si scuotono liberandosi dell’acqua e tanti altri ancora. La cosa più bella è l’esatto istante in cui sono state scattate le immagini.

Talmente particolati e perfetta da sembrare quasi modificate. Eppure…

Animali in scatti particolari

Animali in scatti particolariAnimali in scatti particolariAnimali in scatti particolariAnimali in scatti particolari

Continua a leggere: Animali immortalati da scatti spettacolari

settembre 7, 2011

Alternativa alla sperimentazione su animali: cellule umane coltivate in laboratorio.

La legislazione europea limita la sugli in campo cosmetico e le aziende sono alla ricerca di sistemi alternativi per garantire la sicurezza dei prodotti.

 

 

La legislazione europea limita la sugli in campo farmaceutico e cosmetico e le aziende sono sempre più alla ricerca di sistemi alternativi per garantire la sicurezza dei loro prodotti.

Una ricerca in corso di stampa sulla rivista on line BMC Genomics dimostra che la risposta di cellule umane coltivate in laboratorio può essere utilizzata per classificare le sostanze chimiche, ai fini dello sviluppo di una da contatto, come sensibilizzanti o non-sensibilizzanti, e può anche prevedere l’intensità dell’eventuale risposta allergica, fornendo una alternativa alla animale in questo ambito.

gennaio 13, 2011

Reazioni di rigetto: a Padova si e’ trovato il gene responsabile.

Un gruppo di ricercatori dell’Universita’ di Padova diretto dal professor Gino Gerosa, direttore della cardiochirurgia, ha messo a punto il primo test al mondo per riconoscere sui tessuti molli degli animali la presenza dell’antigene alfa-gal che, se presente nei tessuti o negli organi trapiantati nell’uomo, e’ responsabile di reazione iperacute di rigetto.

 

La ricerca e’ stata pubblicata sull’ultimo numero di ”Acta Biomaterialia”. Una volta individuata la presenza dell’antigene alfa-gal, i ricercatori hanno messo a punto una tecnica che permette l’eliminazione dell’antigene da diversi tessuti animali, quali il pericardio o le valvole di maiale, rendendoli cosi’ utilizzabili nell’uomo ed evitando il rigetto iperacuto.

dicembre 26, 2010

La LAV contro i botti di Capodanno.

La LAV chiede di vietare i botti di Capodanno pericolosi per gli uomini ma anche per gli animali che hanno un udito molto più sviluppato del nostro.

Ilaria Innocenti responsabile LAV settore cani e gatti:

“Ogni anno sono tantissime le segnalazioni di cani smarriti dopo Capodanno e numerosissimi gli ingressi nei canili, soprattutto di cani e gatti investiti dalle automobili, oltre, purtroppo, agli animali morti in seguito alla fuga dovuta al panico che si scatena in loro a seguito delle esplosioni”.

La LAV ha stilato una lista di consigli pratici per proteggere gli animali in caso di botti, petardi & Co:

  • non lasciate che i cani affrontino in solitudine le loro paure e togliete ogni oggetto contro il quale, sbattendo, potrebbero procurarsi ferite;
  • evitate di lasciarli all’aperto: la paura fa compiere loro gesti imprevedibili, il primo dei quali è la fuga;
  • non teneteli legati alla catena perché potrebbero strangolarsi;
  • non lasciateli sul balcone perché potrebbero gettarsi nel vuoto;
  • dotateli di tutti gli elementi identificativi possibili (oltre al microchip, medaglietta con un recapito);
  • se si nascondono in un luogo della casa, lasciateli tranquilli: considerano sicuro il loro rifugio;
  • cercate di minimizzare l’effetto dei botti tenendo accese radio o TV;
  • prestate attenzione anche agli animali in gabbia e non teneteli sui balconi;
  • nei casi di animali anziani, cardiopatici e/o particolarmente sensibili allo stress dei rumori rivolgersi con anticipo al proprio veterinario di fiducia;
  • se l’animale scompare presentate subito una denuncia di smarrimento.
giugno 5, 2010

Cellule staminali: UE sviluppa un metodo di coltura rivoluzionario.

Ricercatori finanziati dall’UE hanno sviluppato un metodo rivoluzionario per la coltura di grandi quantità di cellule staminali embrionali umane, in condizioni completamente controllate chimicamente, senza bisogno di altre cellule o sostanze animali. I ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia, guidati dal professor Karl Tryggvason, hanno collaborato con l’Harvard Stem Cell Institute negli Stati Uniti in questa impresa pionieristica, che consentirà lo sviluppo di vari tipi di cellule da utilizzare per il trattamento delle malattie.

Lo studio, pubblicato su Nature Biotechnology, è stato in parte sostenuto dal progetto ESTOOLS (“Platforms for biomedical discovery with human ES cells”), finanziato nell’ambito dell’area tematica “Scienze della vita, genomica e biotecnologie per la salute” del Sesto programma quadro (6° PQ). Il progetto integrato, che coinvolge 10 paesi ed è composto da 21 gruppi di ricerca, è dedicato alla ricerca etica sulle cellule staminali embrionali supportata da una solida formazione.

Le cellule staminali funzionano come un sistema interno di riparazione perché possono dividersi illimitatamente per ricostituire le altre cellule e possono rigenerarsi anche dopo un lungo periodo di inattività. Nell’intestino e nel midollo osseo, ad esempio, le cellule staminali si dividono regolarmente per riparare e sostituire i tessuti consumati o danneggiati.(http://www.liquidarea.com/)

aprile 23, 2010

Ridere in silenzio fa bene.

aprile 22, 2010

Affittasi galline per superare la crisi.

Il racconto di come da un’idea e da una gallina nasca un’impresa ci giunge dalla segnalazione di un lettore, via ilmediterraneo . Tutto comincia a Pamplona, in Navarra, quando il 35enne Eduardo Otxoa, decide di dar forma alla sua idea con l’aiuto del Politecnico di Madrid: affittare galline.

Sono bastati un capitale di 12 euro ed un sito Internet perché l’idea si trasformasse in 6 mesi in un business creativo e redditizio, mentre in Spagna molte aziende tradizionali fanno i conti con la crisi. Sul sito Alquilaunagallina Eduardo affitta galline a domicilio, a portata di click, con un investimento di 63 euro per il primo mese, che corrisponde al valore di una gallina che viene consegnata a domicilio con la sua gabbia, l’acquaio, la semenza, la garanzia di un uovo fresco al giorno. In più, la gallina è in prova per il primo mese: trascorsi i 30 giorni, l’affittuario può continuare a tenere la gallina in affitto pagando la rata o far valere l’opzione d’acquisto per 186 euro.(ecoblog)

Dopo aver provato le galline e aver avuto la possibilità di avere una o più uova fresche al giorno il 90% dei clienti ha deciso di comprare la gallina: in sei mesi Eduardo Otxoa ha venduto 400 galline e ne ha affittate 60. In 6 mesi l’imprenditore ha guadagnato quasi 30.000 euro ed ha creato una rete di distribuzione internazionale. Il prossimo obiettivo è raggiungere mezzo milione di dollari, fatturato di un’impresa simile in Australia. Ci riuscirà? Intanto una cosa è certa: una gallina al giorno, toglie la crisi di torno.(ecoblog)

aprile 21, 2010

Caccia no limits: si spara fino al 10 febbraio.

 

 Che il partito delle doppiette non avrebbe avuto una vittoria piena lo si era intuito già dall’altro ieri quando, durante la discussione alla Camera dei Deputati della legge Comunitaria contenente il famoso articolo 43 (che avrebbe permesso alle Regioni di allungare a piacere il calendario venatorio), si era creata una prima spaccatura nella maggioranza.

Il risultato è stato un “subemendamento”, parola poco gradevole ma in questo caso di discreta importanza: le Regioni potranno prorogare il calendario venatorio, previa acquisizione del parere dell’Ispra, non oltre la prima decade di febbraio.

La proroga, inoltre, non potrà essere generica ma dovrà essere autorizzata per ogni specie per la quale ogni Regione farà richiesta.