Posts tagged ‘algoritmo’

febbraio 27, 2012

Il CNR studia “l’intelligenza” di una muffa per sviluppare nuove strategie di rete.

 

Alcuni studi sperimentali hanno dimostrato che la , una mucillaginosa di colore giallastro che si nutre di spore e batteri, è in grado di compiere attività sorprendenti per un organismo così semplice, come trovare il cammino più corto in un labirinto.

 

Da questi esperimenti e dal modello matematico da essi ricavato, Vincenzo Bonifaci, dell’Istituto di analisi dei sistemi ed informatica ‘Antonio Ruberti’ del Consiglio nazionale delle ricerche di Roma (Iasi-Cnr) ha sviluppato un’analisi matematica che conferma come il ‘ragionamento’ della sia un ‘ naturale’, frutto di un’evoluzione di milioni di anni. “In questi esperimenti dell’università giapponese dell’Hokkaido, la è stata distribuita uniformemente sopra un labirinto dove sono stati collocati due fiocchi di avena, cibo di cui la è ghiotta. Col passare delle ore, la si ritrae dai percorsi che non portano al cibo, concentrando la massa su quello più corto”, premette Bonifaci.

settembre 11, 2010

Pediatria: nuovo test, cinque minuti per predire sviluppo cerebrale bambini.

Bastano 5 minuti per avere un’immagine dettagliata dello sviluppo cerebrale dei bambini, che puo’ far scoprire eventuali patologie come l’autismo. Lo afferma uno studio dell’Universita’ di San Louis, pubblicato dalla rivista Science. I ricercatori hanno sviluppato un algoritmo matematico che interpreta la risonanza magnetica del cervello, determinandone lo sviluppo e piazzandolo in una ‘curva’ che procede con l’eta’ simile a quella che si usa per l’altezza e il peso.Lo studio discende da una precedente ricerca, che ha dimostrato che nei bambini le connessioni tra le cellule cerebrali sono concentrate in regioni particolari: crescendo questi legami vengono persi in favore di connessioni a largo raggio. Il team ha effettuato l’analisi su 238 persone tra i 7 e i 30 anni, usando i dati per comporre la ‘curva’ con cui confrontare le analisi future. “Con questo metodo – ha spiegato Nico Dosenbach, uno degli autori – una singola misura ci puo’ dire a che punto e’ la maturazione funzionale di un cervello”.