Posts tagged ‘aia’

dicembre 28, 2013

Ilva: Bondi, in 2014 previsti 6-700 mln investimenti Aia.

Ilva, a TarantoIlva, a Taranto

Nel 2014 ”prevediamo 600-700 milioni di investimenti nell’Aia” che si potranno fare ”se ci saranno finanziamenti perché le nostre risorse non bastano”. Lo ha detto il commissario straordinario dell’Ilva Enrico Bondi in audizione in commissione Ambiente alla Camera sul decreto sulle emergenze ambientali.

Nel 2013, ha spiegato Bondi, l’Ilva ha prodotto ”sei milioni e 230 mila tonnellate, contro gli otto milioni e 248 mila del 2012, con una differenza nei ricavi di 41 euro a tonnellata. c’è stata una diminuzione del costo delle materie prime di 25 euro per tonnellata, che non compensa, e in più un incremento del costo per energia, manutenzione, prestazioni esterne, per 24 euro a tonnellata”.

La produzione, ha osservato ”ha frenato moltissimo” e ”nel mercato italiano i nostri concorrenti hanno esportato il 25% in più”. Comunque ”noi siamo in equilibrio finanziario, ma il conto economico è particolarmente pesante” anche se, ha sottolineato ”non è assolutamente aumentata l’esposizione con le banche” così come quella con i fornitori ”che resta a 35 giorni di scaduto, fisiologico”. Ma ”a gennaio non so se saremo ancora in grado di mantenere questa situazione”. c’è bisogno adesso ”di un provvedimento veloce – ha concluso – altrimenti in gennaio faticheremo a fare tutto quello che dobbiamo fare”.

novembre 6, 2012

Ilva, lo stato dell’arte in una Taranto dimenticata.

Il sequestro dell’area a caldo dell’Ilva, imposto dal 25 luglio scorso dalla Procura di Taranto, l’Aia firmata dal Ministero dell’Ambiente e il Piano di risanamento dell’azienda sono i tre elementi chiave attorno i quali ruota la soluzione, complessa e ancora in fase embrionale, del complicato rebus tarantino.

In questo quadro, la Procura continua a premere su Ilva per lo spegnimento dell’altoforno 5, l’impianto della discordia, quello additato come il più a rischio, cosa che l’azienda ha previsto non prima del luglio 2015, una tempistica che l’Aia (Autorizzazione Integrata Ambientale) ministeriale vorrebbe anticipata al luglio 2014 e che i magistrati auspicano entro e non oltre dicembre 2012.

Continua a leggere: Ilva, lo stato dell’arte in una Taranto dimenticata

Tag: , ,
ottobre 14, 2012

Ilva: Aia ‘rivoluzionaria’, Clini, stop produzione 8 mln ton.anno.

 

Correlati

Associate

ROMA – Un’Aia ”rivoluzionaria” quella che i tecnici del ministero dell’Ambiente hanno messo a punto per l’Ilva di Taranto. E’ questa la sensazione generale mentre il ministro Corrado Clini snocciola punto per punto le misure previste dalla nuova Autorizzazione integrata ambientale formalizzata dal gruppo Istruttore, e che ora – come precisa lo stesso ministro – attende soltanto il passaggio finale in Conferenza dei servizi, prevista per il 18 ottobre.

Il nuovo provvedimento – spiegato da Clini – che impone i limiti entro cui gli impianti dello stabilimento siderurgico possono operare, parte dalla riduzione della produzione annuale a 8 milioni di tonnellate di acciaio, mentre la produzione attuale e’ di circa 11,3 milioni di tonnellate (anche se l’Aia precedente, quella datata 4 agosto 2011, come ha precisato il ministro ne consente fino a 15). Poi c’e’ lo spegnimento e il rifacimento dell’Altoforno Afo5, quello piu’ importante per l’impianto tarantino, che da solo ‘divora’ oltre il 40% dell’intero ciclo. ”Quello che io auspico a fronte di questo documento – ha detto Clini -, e’ che l’azienda e la Procura e il Gip possano giungere a soluzioni non conflittuali; ci sono tutte le condizioni perche’ questo documento possa facilitare il percorso parallelo avviato dalla Procura di Taranto”.