Posts tagged ‘Agenzia italiana del farmaco (Aifa)’

settembre 24, 2013

Aumento antidepressivi in armadietto italiani.

Aumento antidepressivi in armadietto italiani, +4,5% dal 2004 Aumento antidepressivi in armadietto italiani, +4,5% dal 2004

ROMA – Sempre più antidepressivi nell’armadietto dei medicinali degli italiani. L’uso di questi farmaci è infatti cresciuto costantemente nell’arco degli ultimi anni in Italia, facendo registrare un +4,5% rispetto al 2004. In generale, sono le donne a mostrare una prevalenza d’uso più alta per i farmaci del sistema nervoso centrale, che inizia ad aumentare in maniera costante a partire dalla fascia di età compresa tra i 35-44 anni. Anche la prevalenza della depressione è più alta nelle donne rispetto agli uomini ed aumenta in maniera rilevante all’aumentare dell’età. E’ il quadro che emerge dal Rapporto dell’Osservatorio sull’impiego dei medicinali (OsMed) dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa).

Le linee guida, rileva il rapporto, raccomandano un trattamento di almeno 6 mesi nei pazienti affetti da depressione, in virtù dell’alto rischio di recidiva, a cui si attribuisce gran parte dei costi economici e sociali della depressione. In realtà, studi hanno dimostrato che quasi il 50% dei pazienti sospende il trattamento con antidepressivi nei primi 3 mesi di terapia ed oltre il 70% nei primi 6 mesi.

“Alcuni recenti studi internazionali – sottolinea il direttore Generale dell’Aifa, Luca Pani – indicano che nel 2020 la depressione, dopo le malattie cardiovascolari, sarà la patologia responsabile della perdita del più elevato numero di anni di vita attiva e in buona salute.

giugno 19, 2013

NON USATE OZOPULMIN.

Tre dirigenti di una casa farmaceutica nazionale sono stati arrestati dai carabinieri del Nas di Latina con l’accusa di aver contraffatto un medicinale utilizzato per la cura di affezioni respiratorie di bambini e lattanti.

L’indagine è stata condotta con l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e l’Istituto Superiore di Sanità (ISS).
Gli arresti – informa il comando del Nas di Latina – sono stati eseguiti nelle prime ore della mattinata.
I tre dirigenti, accusati di aver «deliberatamente contraffatto un medicinale utilizzato anche per la cura di affezioni respiratorie di bambini e lattanti», sono ai domiciliari.

I NAS: “NON USATE OZOPULMIN” Controllate e non usate Ozopulmin, un farmaco in supposte per la tosse usato soprattutto per i bambini ma anche per gli adulti. È l’appello che arriva dal vicecomandante dei Nas, Antonio Diomeda, durante la conferenza stampa sull’operazione che ha portato all’arresto di tre dirigenti della casa farmaceutica Geymonat per avere messo in commercio tre lotti, pari a 35 mila confezioni, di questo prodotto con un principio attivo falso ed inefficace.

novembre 18, 2011

Pillola 5 giorni dopo: e’ in vendita, servira’ test gravidanza.

Da oggi è possibile acquistare in Italia la cosiddetta pillola dei cinque giorni dopo. E’ stato infatti pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 17 novembre il decreto – in vigore da oggi – del direttore generale dell’ Agenzia italiana del farmaco (Aifa), Guido Rasi. Previsto l’ inserimento del farmaco in fascia C, cioé a carico dell’utente, mentre la prescrizione del medicinale è subordinata alla presentazione di un test di gravidanza negativo, basato sul dosaggio dell’HCG beta.

Il farmaco, a base di ulipristal e in vendita con il nome commerciale di Ellaone, dovrà essere assunto entro 120 ore (5 giorni) da un rapporto sessuale non protetto o dal fallimento di altro metodo contraccettivo, e si potrà prendere solo dietro prescrizione medica, da rinnovare volta per volta.