Posts tagged ‘After the gold Rush’

settembre 19, 2010

Southern man – Neil Young – Buonanotte compagni.

Buonanotte presto perchè il lunedì la sveglia suona alle cinque. Anche Southern man fa parte dell’album after the gold rush. Anche questo è un classico del rock, con Nils Lofgren che suona il piano senza interruzione e le chitarre se la giocano alla grande. La canzone parla di razzismo nel Sud dell’America ed ebbe una risposta in “Sweet home Alabama” dei Lynyrd Skynyrd che gli risposero così “I hope Neil youngh will remember, the southern man don’t need him around anymore”Cioè “spero che Neil Youngh si ricordi che l’uomo del sud non ha più bisogno di lui.”

Alla fine però non è stato vero.

aprile 21, 2010

Buonanotte compagni.

La Russa, che parla di liberazione non si era mai visto.

Comunque a proposito di rock che è una cosa più seria di La Russa, Neil Youngh nel settembre 1970 si prese una vacanza da Crosby, Stills e Nash e costituì una band formata con Ralfh Molina alla batteria, Billy Talbot aa basso e Nils Lofgren al piano. Chiusi nella cantina di Youngh incidono tredic canzoni che dovevano essere la colonna sonora di un film. Il film non è mia nato però rimase l’album. Finisce Woodstock e ognuno va per la propria strada. After the gold Rush, questo l’album di cui stiamo parlando è un album oscuro pieno di solitudine, introspezione e dolore. La sua semplicità lo ha reso immortale.

After The Gold Rush è l’album che segue il fortunato Deja Vu con i Crosby, Stills, Nash & Young e impose il Neil Young che rimarrà negli anni seguenti nell’immaginario collettivo (anche grazie al successivo album Harvest).

Musica acustica, canto quasi agonizzante con la voce che sembra quasi si possa spezzare da un momento all’altro, testi enigmatici e introspettivi, melodia intrisa di malinconia, pacatezza, dolcezza, ma anche inquietante e vagamente aggressiva.

Ma vi è anche il Neil Young elettrico e rock, già conosciuto nell’album precedente Everybody Knows This Is Nowhere, in When You Dance You Can Really Love e soprattutto nell’arcinota Southern Man, rabbiosa e l’unico pezzo politico dell’album, in cui Young canta della situazione dei neri nel Sud degli USA.