Coronavirus USA: cosa si nasconde dietro le proteste anti-lockdown?

di  Violetta Silvestri

Coronavirus USA: cosa si nasconde dietro le proteste anti-lockdown?

La sfida politica è tutta concentrata su due concetti chiave, in netto contrasto: mantenere prudenza da una parte – soprattutto per la precarietà sanitaria – e accelerare la ripresa delle attività e delle libertà dall’altra.

Una vera battaglia si sta scatenando all’interno della grande potenza economica, ben rappresentata dalle proteste anti-lockdown iniziate – e ancora attive – in alcuni Stati USA.

Cosa vogliono i cittadini scesi in strada? Tornare a lavorare, uscire di casa, aprire aziende e negozi. Proprio come desidera Donald Trump. Non a caso, le manifestazioni contro il blocco stanno sempre più diventando un sostegno alla campagna per la rielezione del presidente repubblicano. Cosa nascondono realmente?

LEGGI ANCHE 

Negli USA c’è chi non teme il coronavirus. Nonostante i 2.000 morti al giorno

Proteste anti-lockdown negli USA: campagna elettorale pro-Trump?

Non è proprio un caso che le proteste anti-lockdown che si stanno diffondendo negli USA stiano avvenendo in tutti gli Stati chiave per le elezioni presidenziali di novembre.

Secondo Reuters, in Michigan, gli organizzatori della manifestazione della scorsa settimana contro l’ordine di restare a casa del governatore democratico Gretchen Whitmer sono tutti coinvolti nella campagna a sostegno di Trump.

In altri Stati incerti sull’esito del voto, come Pennsylvania, Wisconsin e Carolina del Nord, i legislatori repubblicani, i leader di partito e gli alleati del presidente in carica hanno incoraggiato i loro seguaci sui social media a unirsi alle proteste, spesso organizzate da attivisti conservatori – come il Tea Party – e gruppi a favore dei diritti alle armi.

Nel Wisconsin, dove Trump vinto con meno di un punto percentuale nel 2016, Stephen Moore, membro del consiglio del presidente per riaprire l’economia e consigliere economico esterno della Casa Bianca, ha esortato le persone a partecipare a una manifestazione anti-lockdown.

Alla protesta di lunedì a Harrisburg, la capitale dello Stato della Pennsylvania, diversi parlamentari repubblicani si sono rivolti alla folla, prendendo in prestito gli slogan preferiti di Trump.

Riapriamo l’economia. Facciamo di nuovo grande la Pennsylvania”, ha dichiarato il senatore repubblicano Doug Mastriano.

E ancora, nel Wisconsin, i repubblicani hanno fatto causa per bloccare l’ordine del governatore democratico che estende l’obbligo di restare a casa fino al 26 maggio.

In questo scenario, occorre ribadire che Donald Trump non ha mai nascosto la sua simpatia – e il suo appoggio – al movimento anti-lockdown che si sta creando.

Persone responsabili, che vogliono tornare a lavorare: così le ha etichettate il presidente, incitandole attraverso discutibili slogan su twitter. E non sono mancate critiche contro l’eccessivo rigore imposto dai governatori democratici.

Nonostante il piano di riapertura proposto con le linee guida dalla Casa Bianca cerchino di mantenere la prudenza, è evidente che Trump scalpita per ritornare alla normalità. E i cittadini in piazza lo stanno galvanizzando, preparando la sua campagna elettorale.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: