Ciao dolce Franca

Il 9 marzo del 1973 a Milano, Franca Rame fu sequestrata da cinque fascisti, costretta a salire su un furgone, e qui venne torturata e violentata.
Alla notizia dell’avvenuto stupro, qualcuno a Milano gioì: era il generale Palumbo, comandante della divisione Pastrengo. “La notizia dello stupro della Rame in caserma fu accolta con euforia, il comandante era festante come se avesse fatto una bella operazione.
secondo la testimonianza di Nicolò Bozzo, che sarebbe diventato stretto collaboratore di Carlo Alberto Dalla Chiesa, e che all’epoca era in servizio alla Pastrengo.
Uno stupro su commissione, ordinato proprio dai Carabinieri.
Le sue colpe? Essere una Compagna, una di quelle che non chinava la testa e si sa, chi non piega la testa da sempre fastidio, ed essere una Donna, una gran bella Donna (altrimenti si sarebbero “limitati” alle sevizie e alle torture, di certo non l’avrebbero anche stuprata) e da qui la sua “punizione”, la più umiliante, avvilente, devastante esperienza che una donna possa vivere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: