Archive for aprile 30th, 2013

aprile 30, 2013

Un vero affare.

aprile 30, 2013

Subito in atto le misure per la crescita.

aprile 30, 2013

vince sempre lui.

aprile 30, 2013

Si fa presto a dire solidarietà.

Ecco la risposta del carabiniere Paolo Toscano ad un post di Maurizio Gasparri, su facebook. Sta facendo il giro del web.

 

 

– grazie Luca Aresu –
aprile 30, 2013

Tutti al mare.

Lo ha trovato il Corriere della Sera, che scrive:

aprile 30, 2013

Sono del Sud.

 

La nomina di Nunzia De Girolamo al ministero dell’Agricoltura sta creando un bel po’ di polemiche. Non solo perché sposata con l’onorevole Pd Francesco Boccia, fraterno del premier Letta, ma anche per il temutissimo discorso-competenze. Sarà adatta a ricoprire un simile ruolo? Quale il suo background? Intervistata dal Secolo XIX, prova a rassicurare i cittadini italiani. Nasce “in una famiglia di agricoltori“. Ah, e poi è “del Sud“. Ma tranquillli, deve “ancora studiare bene“.

Qualcuno parla di malumore nel Pdl per la sua nomina?
«Assolutamente no. Tutti sono rimasti contenti, si sono congratulati in tanti».

E ora quale sarà il suo obiettivo?
«Voglio che il ministero dell’Agricoltura divenga una vera e propria casa di vetro. Chiedo di confrontarmi con tutti, sia esponenti della maggioranza che dell’opposizione. Ascolterò suggerimenti, consigli. E soprattutto parlerò con il territorio. Per troppe volte il territorio è stato abbandonato dalla politica e dai ministri».

Lei quale compito si è dato?
«Io mi sono sempre occupato del tema dell’agricoltura. Nasco in una famiglia di agricoltori. E poi sono del sud, vorrei fare del bene alla mia terra. Il Mezzogiorno merita di essere rilanciato anche grazie all’agricoltura».

Già ha in mente quello che c’è da fare?
«Ancora devo studiare bene. E lo farò con umiltà e con impegno. Per ora mi godo questa nomina».

aprile 30, 2013

Il programma di Letta: di tutto, di meno.

letta-

Se ieri sullo scranno del Presidente del Consiglio ci fosse stato Angelino Alfano o Silvio Berlusconi, forse qualche voce in più si sarebbe alzata per dichiarare che il discorso tenuto dal premier alle Camere sembra più un libro dei sogni che un programma di governo. Invece su quella poltrona c’era Enrico Letta, sicché anche il Partito Democratico ha applaudito e ringraziato. Continua a leggere »

aprile 30, 2013

Salute: italiani piu’ longevi ma obesi. E psicofarmaci contro la crisi

 

Salute: italiani piu' longevi ma obesi. E psicofarmaci contro la crisi

 

(ASCA) – Roma, 29 apr – Malgrado la crisi e i cattivi stili di vita troppo spesso adottati, la sedentarieta’ o il consumo smodato di alcolici, la salute degli italiani sembra migliorare: e’ questo il ”paradosso degli italiani”, evidenziato anche dal trend in aumento della speranza di vita (dal 2007 al 2011 i maschi hanno guadagnato 0,7 anni e le femmine 0,5 anni), in particolare per gli uomini che riducono la distanza rispetto alle donne (trend in atto dal 1979). Lo rivela il rapporto Osservasalute, analisi dello stato di salute della popolazione e della qualita’ dell’assistenza sanitaria nelle Regioni italiane presentata oggi a Roma all’Universita’ Cattolica. Pubblicato dall’Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane che ha sede presso l’Universita’ Cattolica di Roma e coordinato da Walter Ricciardi, direttore del Dipartimento di Sanita’ Pubblica del Policlinico Gemelli di Roma, il Rapporto e’ frutto del lavoro di 184 esperti di sanita’ pubblica, clinici, demografi, epidemiologi, matematici, statistici ed economisti, distribuiti su tutto il territorio italiano, che operano presso Universita’ e numerose istituzioni pubbliche. […]

aprile 30, 2013

[ALT] Usa il buonsenso e pedala con il cuore.

 

logo alt onlus 300x205 [ALT] Usa il buonsenso e pedala con il cuoreIn Italia 1 bambino su 3 è in sovrappeso e  solo dodici bambini su 100 fanno attività fisica tutti i giorni. Il BMI medio dell’adulto è 26,5, tra i più alti d’Europa, record dato da stili di vita scorretti, principale causa dei 180 mila decessi che ogni anno si registrano per malattie cardio e cerebrovascolari. La situazione ha pesanti ripercussioni anche sui conti pubblici: ogni anno l’Europa spende 196 miliardi di euro per infarto, ictus , embolia, venose e arteriose. Contro l’epidemia moderna invita a pedalare.

MILANO, aprile 2013 – Sì alla prevenzione, sì all’attività fisica, sì alle sane abitudini di vita per salvare migliaia di vite ogni anno. Lo dice Associazione Lotta alla e alle Malattie Cardiovascolari attraverso un video realizzato in collaborazione con bikeMi, lungo le vie del centro storico di Milano

Pedala con il cuore”, questo è il tiolo dell’iniziativa nell’ambito della campagna Questa è scienza. Questo è buonsenso” intende promuovere l’utilizzo della bicicletta, come mezzo sostenibile e salutare per muoversi ogni giorno per andare a scuola e al lavoro.

Il consiglio di semplice buonsenso è sostenuto anche dai risultati di uno studio scientifico condotto a Odense, in Danimarca su 43 bambini delle scuole elementari che non utilizzavano abitualmente la bicicletta per andare a scuola. I bambini sono stati divisi in due gruppi: 20 hanno continuato ad andare a scuola con i mezzi abituali e 23 hanno iniziato ad andare a scuola in bicicletta.

In 8 settimane, i bambini che hanno cominciato ad usare la bicicletta per andare a scuola hanno avuto un miglioramento del 50%  dei parametri di  valutazione del rischio vascolare quali pressione, peso, glicemia e colesterolo.

Questo studio per la prima volta ha documentato  in modo scientifico  che l’uso della bicicletta comporta un miglioramento significativo dei parametri cardiometabolici nei bambini – sottolinea Lidia Rota Vender -. Andare a scuola camminando o pedalando  potrebbe risultare quindi una soluzione semplice ma efficace ai fattori di rischio per le malattie da . La migliore medicina è un’attività

fisica abituale  che non richiede investimenti di tempo e che potrebbe essere svolta da quasi tutta la popolazione, anche dai soggetti più pigri

In Italia 1 bambino su 3 è in sovrappeso e  solo dodici bambini su 100 fanno attività fisica tutti i giorni. Fra gli adulti 33 italiani su 100 non praticano alcuna, neppure informale, attività fisica, contro 6 tedeschi su 100 e 10 francesi su 100. Fra le donne non praticano attività fisica sufficiente 60 italiane su 100, contro 29 tedesche e 37 francesi su 100.

aprile 30, 2013

La crisi fa tagliare la spesa: per gli italiani meno carne e frutta.

Sempre meno vendite per carne, frutta, ortaggi e formaggi, 3,7 milioni di italiani vengono assistiti con pacchi alimentari e pasti gratuiti nelle mense

 

La crisi fa tagliare la spesa: per gli italiani meno carne e frutta

 

La crisi economica continua a ridurre la spesa degli italiani e dopo i beni voluttuari, da almeno un anno si è cominciato a tagliare anche sulla borsa della spesa. I dati del primo trimestre 2013 sul mercato interno sono un verdetto pesante per l’industria alimentare, per agricoltori e allevatori. Senza la forte crescita dell’export, probabilmente, accadrebbe quanto sta accadendo in altri comparti economici.

 

Il dato più eclatante è il -7% della carne bovina, probabilmente uno stop sul quale ha inciso, oltre alla crisi, anche lo scandalo della carne di cavallo. Ma il carrello della spesa degli italiani si è svuotato di un -4% di frutta, di un – 3% di ortaggi, di un – 7% di grana padano e di un – 3% di parmigiano reggiano.