Archive for aprile 2nd, 2013

aprile 2, 2013

Pesce d’aprile.

… E voi lo avete fatto il pesce d’aprile ??
aprile 2, 2013

Le lontane radici della disuguaglianza italiana.

povertc3a0

Il viaggio nelle idee sbagliate che infestano l’economia – quelle che Paul Krugman chiama “idee scarafaggio” – ci porta alla disuguaglianza. Un fenomeno che dura da vent’anni.

di Pier Giorgio Ardeni, da Sbilanciamoci.info

Continua a leggere »

aprile 2, 2013

Pesce a tavola: strumento per decretare il grado di contaminazione.

Da quando è iniziata la saga della di nel 2012, alcuni di noi hanno deciso di mangiare più pesce e frutti di mare, dopo tutto si dice che siano più salutari. Tuttavia, oggi questo potrebbe non essere più vero. Sebbene la legge dell’UE permetta ai consumatori di conoscere da dove arriva il pesce che acquistano al supermercato, molti ristoranti non hanno alcun obbligo di rivelare la provenienza del pesce che servono in tavola. frutti mare 270x300 Pesce a tavola: strumento per decretare il grado di contaminazione

In particolare, sono disponibili solo informazioni limitate sugli agenti del pesce per i quali le autorità non hanno fissato un limite massimo. Tra questi ci sono contaminanti prioritari come le biotossine provenienti da fioriture nocive di alghe e rifiuti marini. Per migliorare la sicurezza del pesce per i consumatori e ridurre i rischi per la , il progetto mira a valutare le questioni di sicurezza legate principalmente a contaminanti prioritari non regolati e a valutarne le conseguenze per la pubblica.

Il pesce e i sono alimenti nutrienti che dovrebbero preferibilmente far parte di una dieta sana. Il problema è che tutti i pesci e i dei nostri mari contengono vari tipi di agenti . Gli inorganici con il maggiore potenziale di tossicità vanno dall’antimonio, l’arsenico e il cadmio, fino al piombo, il , il e i solfiti (usati per la lavorazione dei gamberi). Tra gli organici ci sono i bifenili policlorurati, le diossine, diversi insetticidi di idrocarburi clorurati e alcuni contaminanti legati alla lavorazione (nitrosammine e forse prodotti di clorurazione). Anche i contaminanti legati all’industria dell’acquacoltura rappresentano un rischio notevole per i consumatori.

aprile 2, 2013

Ultrasuoni per “bombardare” i tumori ossei.

Si chiama (Focused Ultrasound Surger), a , ed è un’attrezzatura del valore di 1.250.000 euro che da dicembre è utilizzata all’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna per il trattamento sperimentale con di alcuni osteoarticolari: primitivi dello scheletro e metastasi di altre . Focused Ultrasound Surgery 300x225 Ultrasuoni per bombardare i tumori ossei   Nuovo Rizzoli   La presentazione è avvenuta durante l’inaugurazione della ristrutturazione dell’ospedale che ne anche ha ampliato anche la superficie.Tremila metri quadrati di nuova costruzione e quattromila di ristrutturazione pesante, per un totale di 18 milioni di euro di investimento, che hanno cambiato volto all’Ala Moderna dell’Istituto Ortopedico Rizzoli, il cosiddetto Monoblocco che dagli anni ’50 affianca la sede storica di San Michele in Bosco.

aprile 2, 2013

Raccolti fusti acciaio quanto 12 tour Eiffel.

In 2011 raccolti fusti acciaio quanto peso 12 tour Eiffel In 2011 raccolti fusti acciaio quanto peso 12 tour Eiffel

ROMA- I fusti metallici impiegati per contenere oli, vernici, prodotti chimici e alimentari sono i piu’ riciclati in Italia.

Dalla raccolta nel 2011 sono state recuperate 84.000 tonnellate di acciaio – pari al peso di 12 Tour Eiffel o 2.100 vagoni Frecciarossa – e 9.000 tonnellate di fusti industriali rigenerati (quelli che dopo un ciclo di operazioni sono stati resi nuovamente utilizzabili), consentendo un risparmio diretto di 159.600 tonnellate di minerali di ferro, 50.400 tonnellate di carbone, 1.352 terajoule di energia e 150.360 tonnellate di CO2, equivalenti a 8.400.000 alberi che crescono ogni anno nella foresta pluviale.

E’ quanto emerge da un’analisi del consorzio nazionale per il riciclo e il recupero di imballaggi in acciaio Ricrea che opera in Italia attraverso una rete di oltre 100 operatori. Se nel corso di un anno viene riciclato il 76% dell’acciaio – risultato che colloca il nostro Paese fra i migliori d’Europa – la percentuale sale addirittura al 90% se si restringe il campo ai soli contenitori industriali, spiega il consorzio.

aprile 2, 2013

Scienza o fantascienza?

Scoperti microrganismi per convertire CO2 in combustibile Scoperti microrganismi per convertire CO2 in combustibile

ROMA – Sviluppato un microrganismo geneticamente modificato in grado di convertire il CO2 atmosferico in combustibile. Principale autore dello sviluppo del microrganismo, riferisce la University of Georgia, e’ stato Michael Adams, professore ricercatore di biochimica e biologia molecolare presso l’Universita’ USA. Attraverso lo studio del modo in cui le foglie convertono l’ossido di carbonio CO2, il team di ricercatori di Michael Adams ha sviluppato una metodologia per selezionare il CO2 presente nell’atmosfera e trasformarlo in prodotti industriali, tra cui il carburante. Il metodo segue il percorso della fotosintesi attraverso cui le piante utilizzano la luce solare, per trasformare acqua e anidride carbonica in zuccheri, e se ne servono per produrre energia. I ricercatori hanno creato un microrganismo, manipolando il materiale genetico, per imitare il processo. Per lo studio sono partiti dal ”Pyrococcus furiosus” un microrganismo che si nutre di carboidrati nelle acque surriscaldate dell’oceano vicine a sfiati geotermici.