Archive for marzo 15th, 2013

marzo 15, 2013

Non tutte le fumate sono bianche.

marzo 15, 2013

Youdem de merda.

“Io prendo 6 mila euro al mese. Credo sia nella media, paragonabile alle remunerazioni degli altri miei colleghi giornalisti”

(Chiara Geloni, direttrice Youdem, tv del Partito Democratico). lo vada a dire a tutti i giovani giornalisti che fanno grande la stampa di destra e di sinistra con dodici ore di lavoro al giorno e vengono pagate a cassette di frutta.

marzo 15, 2013

Eventi concatenati.

Eventi concatenati.

rijuana,
marzo 15, 2013

Meglio St. Moritz, o Courmayeur?

Nuovo numero di “Chi“. Da una mangnificà località montana in Svizzera, la deputata Pdl Daniela Santanché si interroga s’una questione storicamente intricata, un problema irrisolto del nostro Paese. Meglio St. Moritz, o Courmayeur?

 
 
marzo 15, 2013

La contraddizione di Fassina.

fassi bersi

Stefano Fassina, responsabile economico del PD, su “L’Unità” di ieri [link] ha analizzato le cause della sconfitta del centrosinistra in collegamento con i temi europei. Un’analisi convincente, in cui Fassina spiega che il voto a Grillo non è solo “anticasta”. Sono però le conclusioni a lasciare perplessi.

Continua a leggere »

marzo 15, 2013

Salute: Efsa, ortofrutta piu’ sicura in Europa. Primato Italia

Salute: Efsa, ortofrutta piu' sicura in Europa. Primato Italia

(ASCA) – Roma, 13 mar – Sono i produttori agricoli europei, insieme a norvegesi e islandesi, ad offrire gli alimenti piu’ sani ai loro consumatori. Lo rivela il Report Annuale sugli Agrofarmaci dell’Efsa, l’Autorita’ europea per la sicurezza alimentare.

Dal Rapporto, stilato a partire dai programmi nazionali di monitoraggio sugli agrofarmaci realizzati in tutti gli Stati membri, emerge, infatti, che su oltre 77 mila campioni prelevati su 500 diversi tipi di alimenti nel 97,2% dei casi sono stati rispettati i limiti fissati dalla normativa europea. L’Italia, inoltre, conquista il primato in Europa della sicurezza alimentare con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui superiori ai limiti consentiti (0,3%).

Soddisfazione di Agrofarma – Associazione nazionale imprese agrofarmaci che fa parte di Federchimica – che ricorda come ”l’ortofrutta italiana sia sottoposta a rigorose e continuative verifiche che permettono di garantire massimi standard di sicurezza alimentare; i risultati del report EFSA, infatti, confermano gli ultimi dati pubblicati dal Rapporto ufficiale Fitofarmaci del Ministero della Salute sulla presenza di residui nella frutta e verdura coltivati in Italia, dati che rilevavano come addirittura il 64,2%, due casi su tre, di frutta e verdura italiane siano del tutto privi di residui”.

marzo 15, 2013

Ricreati in Italia tessuti muscolari in laboratorio.

E’ nato in , si chiama X-MET (eX-vivo Muscle Engineered Tissue:  ingegnerizzato ex-vivo) e gia’ promette bene: non solo rappresenta un modello ideale per studiare la biologia  limitando l’utilizzo di modelli animali, ma si dimostra essere un buon “pezzo di ricambio” per rimpiazzare il danneggiato a causa di traumi o dimalattia. X-MET e’ il frutto di una ricerca tutta made in Italy, condotta da Antonio Musaro’ (Istituto Pasteur e Sapienza Universita’ diRoma) in collaborazione con Zaccaria Del Prete (dipartimento di ingegneria meccanica presso i laboratori dell’Universita’ romana). Il lavoro e’ pubblicato su Scientific Reports. xmet 300x237 Ricreati in Italia tessuti muscolari in laboratorio
Uno dei piu’ ambiziosi obiettivi della scienza medica di oggi e’ quello di sfruttare la “malleabilita’” delle   per rigenerare  persi o malfunzionanti.Nonostante i notevoli passi avanti fatti in questo campo, l’utilizzo delle  per ricostruire il   deteriorato incontra ancora molteplici difficolta’ – principalmente a causa delle ridotte chances di sopravvivenza che queste  hanno una volta introdotte nell’ da curare. L’ingegneria dei , nata anche per aggirare queste limitazioni, si occupa di costruire  ex-vivo a partire da biomateriali e  sia  sia non . Grazie ai progressi fatti in questo campo sono stati avviati i primi studi clinici per riparare  alla , alla cartilagine, ai vasi sanguigni e ai  epatico e renale. In campo internazionale si lavora per ingegnerizzare anche un , estremamente complesso, come quello  e, oggi, importanti risultati giungono dai ricercatori di Roma.
“Con il nostro lavoro – ha spiegato Antonio Musaro’ – abbiamo generato in vitro un  vascolarizzato, che abbiamo chiamato X-MET, in grado di ricapitolare la complessita’ morfologica, funzionale e molecolare del  in vivo”. Per costruire il in provetta i ricercatori hanno fatto ricorso a diversi “mattoni”.
Durante lo sviluppo, infatti, per poter generare in maniera corretta i , le  hanno bisogno di istruzioni ben precise che vengono fornite dall’ambiente circostante, formato dall’insieme delle  vicine. Per fare il , gli studiosi hanno percio’ utilizzato, insieme alle , un “cocktail” di  proprie del scheletrico.

marzo 15, 2013

Una visita inaspettata.

Avvistata megattera al largo di LampedusaAvvistata megattera al largo di Lampedusa

ROMA – Un avvistamento inaspettato ha sorpreso un gruppo di ricercatori che stanno svolgendo studi sui cetacei al largo dell’isola di Lampedusa. E’ stata infatti documentata la presenza di una megattera, una balena fino ad oggi considerata inconsueta nel Mediterraneo e la cui presenza e’ invece frequente nelle acque delle Hawaii e dell’Australia.

Ad avvistare la megattera sono stati gli studiosi dell’Istituto Tethys che, assieme all’Area marina protetta isole Pelagie e all’International Whaling Commission, stanno conducendo ricerche sulle balenottere comuni che in questa stagione vengono ad alimentarsi nelle acque intorno all’isola, grazie a un finanziamento del ministero dell’Ambiente.

La giovane megattera, lunga non piu’ di 8-9 metri contro i 14-15 degli adulti, e’ stata vista a circa 20 km a est sud-est dell’isola di Lampedusa, verso la secca di Levante.

marzo 15, 2013

Al via eco-incentivi auto.

Al via eco-incentivi autoAl via eco-incentivi auto

Partono gli eco-incentivi statali all’acquisto di vetture ‘verdi’. Si tratta di 120 milioni di euro per il triennio 2013-2015 previsti nella Legge Sviluppo dello scorso anno per promuovere la mobilità sostenibile, favorendo l’acquisto di veicoli – prevalentemente aziendali e per uso pubblico – elettrici, ibridi, a metano, a biometano, a Gpl, a biocombustibili, a idrogeno.

Insomma tutti quelli che rispettano il tetto massimo di 120 g/Km di emissioni di CO2. Per ogni singolo eco-veicolo il contributo previsto sarà pari al 20% del prezzo di acquisto, fino ad un massimo di 5 mila euro per quelli con emissioni di CO2 inferiori a 50 g/km.

I concessionari potranno quindi prenotare i contributi attraverso la piattaforma dedicata sul sitowww.bec.mise.gov.it, già a disposizione degli utenti dal 6 febbraio scorso. Dei 120 milioni di euro stanziati, 40 milioni sono relativi al 2013, 35 al 2014 e 45 al 2015. Il fondo previsto per il 2013 sarà suddiviso in due ulteriori importi: 4,5 milioni e 35,5 milioni.