Archive for febbraio 21st, 2013

febbraio 21, 2013

Ogni promessa è debito.

febbraio 21, 2013

Master and Commander.

MarcoMengoli-Master

“QUELLI CHE IL MASTER A TUTTI I COSTI … FARE PER FERMARE IL DECLINO (DEI MASTER INESISTENTI)
febbraio 21, 2013

Farla fuori dal vaso.

febbraio 21, 2013

Corse Clandestine – Ambrosoli in lieve vantaggio.

Ecco a voi l’ultima corsa di cavalli osservata da Notapolica.it. Vi segnaliamo che i nostri cronometristi sono stati impegnati nell’osservare il recente Gran Premio di Formula 1. Ecco i risultati http://www.sondaggibidimedia.com/search/label/Formula%201  )

Fan Ambrosol 39,2 secondi (+0,1)

Groom de Maron 38,9 secondi (+0,3)

febbraio 21, 2013

Se fosse una corsa all’ippodromo sarebbe fatta.

Ecco a voi l’ultima corsa di cavalli osservata da Notapolica.it. Vi segnaliamo che i nostri cronometristi sono stati impegnati nell’osservare il recente Gran Premio di Formula 1. Ecco i risultati http://www.sondaggibidimedia.com/search/label/Formula%201  )

 

Occhio ai colori!
Fan Idole 31 secondi (+0,2)
Gebrazac 3,8 secondi (-0,1)
Fan de le Garofan + Central Democratique 0,1 sec.

Totale scuderia Bien Comun 34,9 sec. (+0,1)


Varenne 19,7 secondi (-0,6)
Groom de Bootz 5,5 secondi (-0,5)
Hirosaka 1,7 secondi (-0,1)
Freres Tricolor 1,8 secondi (+0,3)
altri cavalli 0,7 (+0,7)

Totale scuderia Maison Libertè 29,4 sec. (-0,2)

Ipson de la Boccon 8,7 secondi (-1,2)
Ipson de Mormal 3 secondi (-)
Ipson de Tullien 0,2 secondi (-)

Totale scuderia di Mario de la Montaigne 11,9 sec. (-1,2)

Igor Brick 17 secondi (+1,4)

Galopin du Zacapa 3,6 secondi (-0,4)

 Non aux Declin 2,9 secondi (+0,5)

febbraio 21, 2013

Fuori di testa.

E dopo l’indimenticabile Franco Zotti, comunali 2012, ecco a voi Davide Amadeo, Regione Lombardia, altro candidato leghista che davvero.

 

febbraio 21, 2013

Manco parcheggiare in pace.

Accade a Lodi. Piazzi l’auto in un parcheggio delimitato da linea blu, paghi, e questo pubblico servizio in cambio cosa ti restituisce? Una ricevuta con un bel logo della Lega Nord, da esporre sul parabrezza.

 

 

[fonte: Repubblica]
febbraio 21, 2013

LUniversità di Siena smentisce il pornonano.

In questa campagna elettorale Silvio Berlusconi l’ha ripetuto continuamente, ad ogni intervista, e le interviste sono state più di un centinaio: “Ho mantenuto tutti gli impegni presi, lo dice persino l’Università di Siena, che non è di certo nostra amica: l’80% del contratto con gli italiani è stato rispettato“. A volte l’85%, a volte il 100%, a seconda della percentuale che gli veniva in mente.
Grazie a “La Zanzara” di Radio 24, ecco finalmente la versione della famosa “Università di Siena”.
“Sì, ho votato Pdl diverse volte ma questo non c’entra niente. Berlusconi dice delle inesattezze, delle balle. Non è vero che l’80 per cento del suo programma è stato realizzato. Noi prendiamo in considerazione solo i disegni di legge presentati, non quelli che vengono approvati“. Lo dice Maurizio Cotta, professore di Scienza Politica all’Università di Siena, e autore degli studi citati spesso dal Cavaliere in questi giorni. “Il nostro gruppo di lavoro – dice Cotta – ha preso in esame il programma del 2001 e ha verificato che sono state presentate iniziative del governo corrispondenti all’80 per cento del programma. Dunque è sbagliato dire che sono “realizzazioni”, sono solo “iniziative”. Il Cavaliere non può spacciare il nostro studio come sta facendo. Sono affermazioni, come si dice, ballistiche“. “Abbiamo analizzato – continua il professore – anche l’ultimo governo Berlusconi, quello del 2008, e su 125 promesse ne ha presentate in Parlamento solo il 42 per cento”.
febbraio 21, 2013

…e continuano a prenderci per il culo.

Il messaggio elettorale è comparso sia sul Giornale, che sul Corriere della Sera di oggi. Comunicato struggente, che ti smuove dentro: le elettrici del Pdl “sono donne, non bambole“. Perché “noi che votiamo Berlusconi abbiamo un cervello e abbiamo un corpo, eccome se li abbiamo!” … “ci rispettiamo e vogliamo rispetto, per questo votiamo convinte il Popolo della Libertà!“. Ecco, manco finito di leggere la pagina, si scopre che le tre donne della foto non son tre convinte sostenitrici del Pdl, bensì delle modelle professioniste, manco italiane, pescate da un archivio pubblicitario, e destinate a dei cataloghi.
[clicca sulle immagini per ingrandire – via]

<a href=’http://adv.publy.net/it/www/delivery/ck.php?n=aacc7974&cb=1625507671′ target=’_blank’><img alt=” border=’0′ src=’http://adv.publy.net/it/www/delivery/avw.php?zoneid=466&cb=1625507671&n=aacc7974’/></a>

febbraio 21, 2013

Sette punti per gli “Stati Uniti d’Europa”.

stati-uniti-europa
Riceviamo e molto volentieri pubblichiamo l’articolo del prof. Paolo Pini, ordinario di Economia politica all’Università di Ferrara [curriculum] sulla crisi europea e la possibile via d’uscita rappresentata dall’ipotesi federale degli “Stati Uniti d’Europa”. L’articolo del prof. Pini ha il pregio, non indifferente, di mettere in fila sette punti per creare un’Europa federale e marcatamente “keynesiana”, rispetto a programmi di partito spesso confusi o contraddittori.

Continua a leggere »