Archive for gennaio 27th, 2013

gennaio 27, 2013

Dimagrire con lo sport, ma troppo fa male “Bastano 30 minuti due volte a settimana”

Sul fitness e i suoi benefici viene ogni giorno scritto e detto di tutto: che allunga la vita, che rinforza il cervello, che migliora l’umore, che purifica il corpo dalle tossine. In un certo senso, è tutto vero. Lo è nella misura in cui gli esercizi vengano fatto con criterio, sotto la guida di un istruttore e dopo controlli medici che certifichino uno stato di buona salute. Lo è nella misura in cui non si esageri. Perché troppo sport, avverte la scienza, fa male, e questa realtà, vera come i suoi benefici, non viene divulgata altrettanto frequentemente, forse per non scoraggiare del tutto i pigri, già poco inclini a staccarsi da computer e auto e andare a correre.

Gli effetti di un’eccessiva attività fisica si ripercuotono sul cuore in primis, sovraccaricandolo e indebolendolo prima del tempo. E non è vero che chi fa sport ogni giorno dimagrisce più velocemente di chi lo pratica due volte a settimana. Lo jogging, ha spiegato pochi giorni fa in un articolo Gretchen Reynolds, esperta di salute del New York Times, per quanto rientri nell’olimpo delle attività che producono molti benefici e pochi effetti collaterali, è bene praticarlo al massimo tre volte a settimana e per non più di un’ora.

gennaio 27, 2013

Nel mondo epidemia diabete, 4,6 mln morti l’anno.

Nel mondo epidemia diabete, 4,6 mln morti l'anno  – Piu’ di 4,6 milioni di vittime nel solo 2011, 366 milioni di pazienti accertati piu’ quasi 200 milioni che non sanno di avere la malattia, una spesa sanitaria che e’ l’11% del totale mondiale. I numeri del diabete parlano di una vera e propria epidemia in corso, destinata a peggiorare a causa degli stili di vita sbagliati al punto che secondo le previsioni nel 2030 i malati saranno 552 milioni.

OLTRE 3,5 MLN ITALIANI COLPITI, NODO COSTI: gli italiani affetti da diabete sono oltre 3,5 mln e ogni anno nel nostro paese 27mila persone muoiono per patologie correlate al diabete.
Secondo le previsioni, nel 2030 i pazienti in Italia saranno oltre 5 mln. Questa ‘epidemia’ costa al nostro Servizio sanitario nazionale circa 10 mld di euro l’anno: il 7% della spesa e’ dato dai farmaci, mentre il resto e’ costituito dalla spesa per i ricoveri ospedalieri (68%) e per il trattamento delle complicanze (25%).

gennaio 27, 2013

Rifiuti di Roma, via ai primi carichi nel Lazio e ai controlli del Noe: presidio a Colfelice.

Questa mattina i primi bastimenti carichi di rifiuti urbani provenienti da Roma sono arrivati agli impianti di Albano e Viterbo, sotto l’attenta “scorta” e il controllo dei Carabinieri del Noe (Nucleo Operativo Ecologico), come deciso soltanto ieri dal ministro Corrado Clini (una decisione certamente non sorprendente).

La decisione del ministro di impiegare il Noe per controllare gli impianti laziali destinati a fronteggiare e sostenere in parte l’emergenza rifiuti che attanaglia la Capitale assicurerebbe l’applicazione delle misure contenute nel decreto sui rifiuti di Roma: in particolare i Carabinieri dovranno accertare che le informazioni relative alla capacità di trattamento degli impianti di destinazione, inviate dalle autorità al ministero, siano corrette e complete.

Continua a leggere: Rifiuti di Roma, via ai primi carichi nel Lazio e ai controlli del Noe: presidio a Colfelice

gennaio 27, 2013

Slow food: 14 punti per una nuova politica alimentare in Italia.

 

L’associazione Slow Food entra pienamente nella campagna elettorale con quattordici proposte per una nuova politica alimentare in Italia.

Per troppo tempo l’agricoltura è stata considerata solo come un settore produttivo marginale, ma ora finalmente sta diventando uno degli snodi centrali in tema di ecologia, salute pubblica, occupazione, tutela dei diritti e, più in generale, qualità della vita.

Slow Food parla in modo innovativo di politiche alimentari anziché di politiche agricole: ovvero di un insieme di interventi organici e interconnessi: ambiente, agricoltura, educazione, salute, economia, giustizia, sviluppo, industria, beni culturali. Non esiste confine: se si fa politica per il cibo e per l’agricoltura, si fa politica su tutto e per tutti.

Questi 14 punti sono il primo abbozzo per la definizione della sovranità alimentare nel nostro paese. Le proposte sono tanto semplici, quanto radicali.

Continua a leggere: Slow food: 14 punti per una nuova politica alimentare in Italia

gennaio 27, 2013

Veloci e green: le elettriche del Poli di Torino che sfrecciano a emissioni zero.

La Squadra Corse del Politecnico di Torino è la più green d’Italia e una delle migliori nel campionato di Formula SAE, una competizione ingegneristica tra team di studenti provenienti dalle migliori università del mondo, nata nel 1981 su idea della Society of Automotive Engineers. Attualmente questa challenge conta nove eventi ufficiali e altri non ufficiali ai quali partecipano oltre 400 università.

Fino al 2011 il team ha gareggiato con un motore a combustione ma da quest’anno è passato ad un’alimentazione full electric, piazzandosi 7° su 70 team internazionali. Oltre a essere il miglior team italiano la Squadra Corse del “Poli” torinese è anche l’unica, nel nostro Paese, a competere con un veicolo totalmente elettrico.

Continua a leggere: Veloci e green: le elettriche del Poli di Torino che sfrecciano a emissioni zero

gennaio 27, 2013

Il giorno della memoria.

gennaio 27, 2013

Il peggiore Berlusconi ed il magnifico Duce.

   – Per tanti versi Mussolini aveva fatto bene ma “il fatto delle leggi razziali è stata la peggiore colpa”. Lo ha detto Silvio Berlusconi alla Giornata della Memoria a Milano. L’Italia ‘non ha le stesse responsabilità della Germania’ ma ‘ci fu una connivenza che all’inizio non fu completamente consapevole’.

Ci risiamo con Mussolini brav’uomo. Berlusconi  dimostra ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, quanto sia mascalzone. La valutazione politica di Mussolini lo ha fatto la storia  e da quella storia è nata la Costituzione repubblicana. Se le colpe di Mussolini fossero state solo quello di aver approvato le  le ggi razziali, non staremmo qui a parlarne, ma se un personaggio screditato come Berlusconi pretende di fare una analisi storico-politica del fascismo con due semplici frasi ad effetto, per raggranellare qualche voto a destra allora dobbiamo concludere che effettivamente la nostra democrazia è in pericolo, perchè questa gente può ritornare al potere ed avvelenare ancora la vita democratica con le propie idee che nascondono comportamenti gravi e il più delle volte illeciti.Il fascismo fu una dittatura atroce che abolì la democrazia, le libere elezioni, i partiti e la libertà di opinione e di stampa. Le cose buone non le ricordo.