Archive for gennaio 27th, 2013

gennaio 27, 2013

La fiat non fa danni solo in Italia.

Michał Olszewski – Eppure Franciszek Gierot sperava di potere evitare questo scenario. Siamo nel ristorante Corona, accanto alla fabbrica, a prendere un tè. Le previsioni meteo sono in sintonia con il momento: vento violento e neve mischiata a pioggia che batte sui vetri. Le nuvole sono così basse che si ha l’impressione di poterle toccare con la mano. A quanto pare l’anno comincia veramente male.

Gierot ha lasciato nella sua macchina (una Lancia Delta nera) una busta bianca proveniente dall’ufficio della direzione a Bielsko-Biała. La busta contiene la lista dei futuri licenziati tra i membri del sindacato Agosto 80, che dirige. Liste simili sono arrivate ai responsabili di tutte le altre organizzazioni sindacali della fabbrica Fiat a Tychy. Gierot sa già quello che succederà.

Le cifre parlano da sole. Fino a poco tempo fa lo stabilimento produceva ogni giorni 2.300 veicoli, cioè un veicolo nuovo lasciava la linea d’assemblaggio ogni 37 secondi. Nel 2012 questa cifra è scesa a 1.600 e nel 2013 sarà portata a mille. Questo significa che una catena di montaggio dovrà essere soppressa: 1.450 dei 4.900 lavoratori perderanno il loro posto di lavoro.

gennaio 27, 2013

Una scuola su due non ha il certificato di agibilità.

Una scuola su due non ha il certificato di agibilità

In Italia una scuola su due non ha il certificato di agibilità, 22 milioni di cittadini e 5,5 milioni di edifici sono esposti a un elevato rischio sismico. Sono i dati comunicati dal presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, Gian Vito Graziano, poco prima dell’inizio dei lavori del convegno “Fenomeni naturali e catastrofi attese: il difficile ruolo della prevenzione in Italia”, organizzato dal Consiglio Nazionale nell’auditorium dell’Universita Gabriela D’Annunzio di Chieti.

“Attendiamo risposte, soprattutto dai candidati premier. L’unico ad averci risposto, finora, è Nencini del Psi, attendiamo quelle di Monti, Bersani, Berlusconi”, ha dichiarato Graziano, nell’auspicare che nei “programmi elettorali di partiti e movimenti trovi spazio il rischio sismico e idrogeologico dell’Italia”.

gennaio 27, 2013

Un grande Moni Ovadia.



Moni Ovadia, scrittore e attore

Moni Ovadia, scrittore e attore

Come ogni anno il 27 gennaio si celebra la Giornata della Memoria per commemorare le vittime del nazismo, dell’Olocausto e in onore di coloro che hanno messo a rischio la propria vita per proteggere i perseguitati. Lo scrittore, compositore, attore e drammaturgo Moni Ovadia critica, però, il modo in cui viene ricordata questa giornata: “Nel nel corso del tempo ha assunto tratti molti retorici e anche di falsa coscienza”. Moni Ovadia ha poi aggiunto che “la Giornata della Memoria non deve essere un’occasione per manifestare la falsa coscienza e non può essere usata in modo strumentale. Ci deve ricordare la tragedia universale della violenza contro l’uomo e non solo contro gli ebrei. Se non riscopriamo questo aspetto, la Giornata della Memoria si indebolirà progressivamente e perderà il suo grande, immenso valore”.

“Certi politici italiani disinvolti vanno ad Auschwitz definendosi israeliani. Perchè non ricordano con la stessa enfasi anche i rom dal momento che ne furono sterminati 500mila? E perchè non solidarizzano con i portatori di handicap visto che ne furono uccisi 300mila? Primo Levi – ricorda Ovadia- non ha scritto ‘Se questo è un ebreo’, ma ‘Se questo è un uomo’”.

“Ovadi ha poi voluto aggiungere: “Io sono ebreo e ho il dovere di ricordare ciò che ha subito la mia gente. Ma proprio perchè questo è stato un massacro di esseri umani, tra cui ebrei, rom e antifascisti, si devono ricordare tutti, soprattutto quelli piu’ scomodi. Ora e’ diventato molto di moda, in Occidente, fare i carini con gli ebrei ma non con i rom. Dobbiamo ricordare – ribadisce Ovadia- tutti i popoli che hanno subito violenza. In questo senso, il destino degli ebrei vale per quello di tutte le minoranze”.

gennaio 27, 2013

Il giorno della memoria di noi meridionali.

gennaio 27, 2013

Auschwitz – La Canzone Del Bambino Nel Vento – F. Guccini e I Nomadi…

gennaio 27, 2013

Sondaggio Swg per Agorà: Torna a crescere Italia Bene Comune, a scapito del Centrodestra. Brusco calo per la Lista Monti, mentre si rafforza il M5S. Il Centrosinistra in vantaggio in tutte le regioni, ad eccezione di Lombardia, Sicilia e Veneto.

gennaio 27, 2013

Migliorare il look.

Dottore mi salvi di Enzo Scarton
gennaio 27, 2013

Le cose buone di Mussolini.

gennaio 27, 2013

… e si è pure addormentato.

gennaio 27, 2013

Fascismo e Mussolini, Formigoni difende Berlusconi.

   Roberto Formigoni a braccetto con il Cavaliere (nero) Silvio Berlusconi. Nella polemica su fascismo e leggi razziali, si è infilato anche il Celeste ex governatore della Lombardia. Ai margini ella commemorazione della Giornata della memoria a Milano, Formigoni si è speso in difesa del leader del Pdl: le parole di Silvio Berlusconi sul fascismo e sulle leggi razziali «andrebbero contestualizzate», ha dichiarato l’ex presidente della Regione.  Formigoni ha argomentato così la sua posizione:«le leggi razziali», ha  detto, «sono state un momento drammatico che non era nella natura degli italiani, e quindi è stata una violenza imposta agli italiani».

Ricordatevelo quando andrete a votare.