Archive for gennaio 9th, 2013

gennaio 9, 2013

Monti bocciato in Europa: l’IMU è iniqua.

IMU ISTRUZIONI

Il professore bocciato a casa sua: in Europa. L’Imu è una tassa iniqua e impoverisce gli italiani. A dirlo non siamo più noi, poveri sudditi vessati dall’ossessione per l’austerità di un sovrano eletto per diritto divino, ma il Rapporto Ue 2012 su Occupazione e sviluppi sociali, “Le tasse sulla proprietà aumentano la povertà in Italia”.

LEGGI TUTTO…

gennaio 9, 2013

Rivoluzione Civile: Ingroia e l’incontro segreto con Giovanni Favia.


La risposta definitiva di Giovanni Favia è attesa per oggi: si candiderà o no con Rivoluzione Civile accettando l’offerta di Antonio Ingroia? Il fatto che solo pochi giorni fa il ribelle del Movimento 5 Stelle espulso da Beppe Grillo dicesse di stare lavorando solo “con le persone scontente del Movimento” non deve ingannare. Ci torniamo più avanti.

Ieri l’ex pm e Favia si sono incontrati in un bar della Galleria Alberto Sordi a due passi da Montecitorio: l’offerta è di quelle difficili da rifiutare, un posto da capolista per l’Emilia Romagna. Ma dell’incontro “segreto” – o comunque di altre occasioni in cui si sono visti – Ingroia ha già parlato a Radio 24:

“Ci sono stati dei colloqui aperti. Con Favia si è parlato nei giorni scorsi. Ma il fatto che si parli e che ci sia una interlocuzione non significa che si arrivi alla candidatura. Con il Movimento 5 Stelle abbiamo in comune alcune battaglie e quindi è normale che possa esserci un momento di convergenza con chi dentro al movimento non c’è più”

Continua a leggere: Rivoluzione Civile: Ingroia e l’incontro segreto con Giovanni Favia

gennaio 9, 2013

Gente senza vergogna nè dignità.


Nel giorno che segue la presentazione delle liste PD per le prossime elezioni, è il fresco capolista nelle Marche Enrico Letta a tendere ben più che una mano a Mario Monti e al polo centrista che si riconosce nel premier:

Puntiamo a vincere le elezioni e dopo chiederemo al centro e ai montiani di sostenere il governo Bersani

Una mossa piuttosto inconsueta in campagna elettorale, quando si tende a polarizzare le preferenze piuttosto che mettere in conto alleanze (che peraltro vengono date già per certe, ad esempio da Giulio Tremonti che scommette su un governo Bersani-Monti). In ogni caso una dichiarazione che fa subito pensare a un’ammissione di debolezza da parte del PD.

Continua a leggere: Elezioni 2013 – Enrico Letta: «Se vinciamo, chiederemo l’appoggio di Monti»

gennaio 9, 2013

..e ora? Robert Doisneau.

gennaio 9, 2013

Steve MC Curry. Grandi fotografi.

gennaio 9, 2013

Un grande.

Il Messaggero, Perugia.

[via]

. 10 * COMMENTI

Tag:
gennaio 9, 2013

Lo chiamavano Psiconano.

Prima ha fatto rinforzare la poltrona di Barbara D’Urso con una specie di pannello di compensato, su Canale 5, poi ha fatto abbassare la temperatura nello studio di Giletti, a Domenica In, tipo oltretomba, per evitare di squagliarsi. Ora va da Lilli Gruber, ad Otto e Mezzo, ed eccolo pretendere una paccata di cuscini che non vi dico, per guadagnare qualche centimetro, lui che dice, “sono alto uno e settantuno“.

 

 

[grazie a @scacorte]
gennaio 9, 2013

Geniale!

Dal “Nuovo Quotidiano di Puglia“.

 

[via]
gennaio 9, 2013

Ue, italiani i piu’ preoccupati da inquinamento.

Ue, italiani i piu' preoccupati da inquinamento Ue, italiani i piu’ preoccupati da inquinamento

BRUXELLES – I piu’ preoccupati per l’emergenza smog nell’Unione europea sono gli italiani: l’81% ritiene che la qualita’ dell’aria sia peggiorata negli ultimi dieci anni, contro una media Ue del 56%. E’ quanto emerge dall’ultimo sondaggio Eurobarometro, secondo cui quasi 4 europei su 5 pensano che l’Ue debba proporre nuove misure per affrontare l’allarme. Sotto accusa sono le emissioni di veicoli (96%), industria (92%), e trasporti internazionali (92%) e l’incapacita’ delle amministrazioni di fronteggiare il problema: il 72% degli europei non e’ soddisfatto degli interventi finora adottati.

gennaio 9, 2013

Campania, la carica degli impresentabili (e degli inquisiti) nelle liste Pdl.

Cosentino, Landolfi, Nespoli, Papa, Laboccetta, Stasi, Milanese. Sono alcuni dei nomi che affolleranno le liste del Popolo della Libertà in vista della prossima tornata elettorale. In comune, oltre all’appartenenza politica hanno i guai con la giustizia e la ricerca di una riconferma. Nella regione in cui il partito è commissariato dall’ex ministro della Giustizia Nitto Palma.

Rinviato a giudizio per camorra, o inquisito per bancarotta fraudolenta. Oppure in attesa di sentenza per reati contro la pubblica amministrazione. Nessuno di questi è un impedimento a un posto nelle liste del Pdl in Campania (o dentro il centrodestra in generale, per esempio con Grande Sud). Tra Camera e Senato, c’è spazio. E’ il partito in cui l’unico criterio di incandidabilità pare essere quello dell’età e della lunghezza del mandato: rischi di stare fuori solo se hai più di 65 anni o sei hai collezionato più di 15 anni di esperienza parlamentare. Deroghe a parte.

Insomma, l’unico indagato campano che quasi certamente non tornerà in Parlamento dovrebbe essere il corpulento senatore-giornalista napoletano Sergio De Gregorio: in qualità di ex socio del faccendiere Valter Lavitola ha sul groppone una richiesta di arresto per i 23 milioni di euro di finanziamenti illeciti al quotidiano ‘L’Avanti’. Il suo nome non ricorre nelle trattative per la composizione delle liste, il suo movimento personale ‘Italiani nel mondo’ pare dissolto tra le disavventure economiche e le inchieste. Sarebbe l’eccezione che conferma la regola.