Archive for gennaio 3rd, 2013

gennaio 3, 2013

la patente.

Avete visto? Il mondo non è finito! Anche questo 21 dicembre 2012 è passato (…) La terra non è rotolata fuori dalla sua orbita, il Polo Nord non è scivolato sull’Antartide, il Sole non ci ha arrostito, nessun asteroide ci ha preso di mira! Noi ve l’avevamo detto, e l’abbiamo ripetuto fin dal 1997, ben lontani da tutti gli speculatori e i menagramo che sfruttano le paure irrazionali della gente.”

Dopo aver terrorizzato il proprio pubblico, per anni, con ogni tipo di profezia e catastrofe – tipo “Maya: 100 giorni alla fine del mondo?” – ecco il nuovo editoriale di Roberto Giacobbo, su “Voyager“, rivista ufficiale del programma televisivo di Rai 2.

 

[clicca per ingrandire]
gennaio 3, 2013

Il deleterio modello tedesco e i luoghi comuni sul welfare.

400euro

Weimar, marzo 2012: “Cercasi commessa a 400 euro” – foto di V.Giacché

Il sistema di welfare non è nato per accompagnare la flessibilità e la moderazione salariale, come molti fan del “modello tedesco” sembrerebbero suggerire. Ecco perché sarebbe suicida per i progressisti italiani riproporre fuori tempo massimo (e senza risorse) le ricette di moda negli anni ’90.

di Guido Iodice e Daniela Palma – Keynes Blog, da MicroMega on line

Continua a leggere »

gennaio 3, 2013

Essere in leggero sovrappeso allunga la vita.

Essere in leggero sovrappeso allunga la vita

Fanno tutti un gran parlare dei chili di troppo, bisogna dimagrire ad ogni costo ma, arriva un contrordine, essere in leggero sovrappeso allunga la vita. Insomma, non sarebbe poi così dannoso per la salute, almeno così racconta uno studio che, di sicuro, renderà felici gli appassionati dei piaceri della tavola.Continua a leggere

gennaio 3, 2013

Banaba, gymnema e peperoncino per la pancia gonfia da stress.

Banaba, gymnema e peperoncino per la pancia gonfia da stress

Vivere sempre in tensione è uno dei motivi che fanno ingrassare sull’addome, banaba, gymnema e peperoncino per la pancia gonfia da stress, potrebbero essere i rimedi ideali per ridurre il grasso addominale e le maniglie dell’amore favoriti proprio da stress e dall’eccesso di dolci.Continua a leggere

gennaio 3, 2013

Si può vivere di baratto.

Una sfida bella e buona alle logiche capitalistiche dell’accumulo e del consumo a ogni costo quella lanciata dalla portoghese Andresa Salgueiro lo scorso gennaio: sopravvivere per 11 mesi e 11 giorni con appena 1111 euro. Trentasei anni, psicopedagogista con un passato di formatrice negli hotel a quattro e cinque stelle, Andresa ha rivoluzionato la propria esistenza decidendo di vivere per quasi un anno con una cifra che talvolta non basta in un mese, specialmente in un Paese come il Portogallo nel quale la pressione fiscale si è fatta, in seguito alla crisi, altissima.

Continua a leggere: 11 mesi e 11 giorni con 1111 euro in tasca. Dal Portogallo la storia di Andresa: vivere di baratto è possibile

gennaio 3, 2013

In vacanza a costo zero in B&B con il baratto per tutto l’anno.

Ricordate l’iniziativa di soggiornare in un B&B con il baratto? Era riservata alla terza settimana di novembre. Ebbene considerato il grande successo avuto si è pensato di estenderla a tutto l’anno.

Il coordinamento degli oltre 800 B&B disposti a accettare ospiti non a pagamento avviene attraverso il sito BarattoBB che mette in contatto i turisti e gestori di Bed&breakfast che accettano il baratto in cambio del soggiorno in tutta Italia e per tutto l’anno.

Continua a leggere: In vacanza a costo zero in B&B con il baratto per tutto l’anno

gennaio 3, 2013

laska: arenata la piattaforma Shell Kulluk.

La piattaforma per trivellazioni petrolifere della Royal Dutch Shell, Kulluk, si è arenata il 1 gennaio scorso davanti al Parco Nazionale Kodiak, in Alaska, Stati Uniti, con a bordo circa 600mila litri di carburante: pioniera delle nuove attività estrattive artiche la Kulluk misura 81m di diametro, la piattaforma era agganciata ad due rimorchiatori, diretta a Seattle per lavori di manutenzione.

A causa delle condizioni meteo proibitive (onde gelide di 11 metri soffiate da venti a 110km/h) i cavi di traino si sono letteralmente spezzati facendo temere il peggio anche ai 18 operai a bordo della piattaforma, tratti in salvo dagli elicotteri dei soccorsi tempestivamente intervenuti: ora l’incubo è di una nuova Deepwater Horizon, anche se le autorità statunitensi (che monitorano costantemente la situazione) tendono ad allontanare gli allarmismi:

Tutti coloro che sono coinvolti nelle operazioni di salvataggio hanno un obiettivo: recuperare la piattaforma Kulluk senza causare danni all’ambiente

ha dichiarato l’ammiraglio Thomas Stebo, portavoce della Guardia Costiera dell’Alaska.

Continua a leggere: Alaska: arenata la piattaforma Shell Kulluk

gennaio 3, 2013

Grattacieli ‘serra’ per una nuova agricoltura.

La torre di Linkoping: come sara' una volta ultimata la costruzione La torre di Linkoping: come sara’ una volta ultimata la costruzione

ROMA – Una nuova era sta per aprirsi per l’agricoltura con i ”grattacieli serra”, il primo dei quali e’ gia’ in costruzione in Svezia. Il nuovo sistema di ‘agricoltura urbana’ riduce drasticamente la superficie di terreno occupato e non ha bisogno di terra rendendo la coltivazione piu’ economica, sostenibile ed in grado di soddisfare la crescente domanda di una popolazione mondiale sempre piu’ urbanizzata a scapito delle terre coltivabili. Oltre alla struttura di 54 metri di altezza in Svezia in grado di produrre una vasta gamma di verdure a foglia verde, sono molti i progetti di questo tipo nel mondo.

Si stima che entro il 2050 – con circa due miliardi di individui in piu’ rispetto ad oggi – oltre l’80% della popolazione mondiale risiedera’ nei centri urbani. Una crescita notevole che suscita non poche preoccupazioni anche dal punto di vista alimentare. Secondo la Fao infatti ”entro il 2020 sara’ disponibile solo la meta’ dei terreni arabili procapite che c’erano nel 1960”; area che si dimezzera’ ancora entro il 2050 se non migliorera’ la qualita’ del suolo e del suo sfruttamento.

gennaio 3, 2013

Sea Shepherd chiede una nave all’Australia contro caccia balene.

Sea Shepherd contro caccia balene chiede nave Australia Sea Shepherd contro caccia balene chiede nave Australia

SYDNEY – Il fondatore del gruppo ambientalista radicale Sea Shepherd, Paul Watson, comandante della flotta di protesta che come ogni estate australe si prepara a ostacolare le baleniere giapponesi nell’Oceano antartico, ha chiesto al governo laburista australiano di mandare una motovedetta della Dogana per mantenere la pace in caso di scontri fra le due flotte.

‘’Sarebbe un gesto di responsabilita’ mandare una nave per sorvegliare sulla situazione e mantenere la pace’’, ha detto Watson a bordo della Steve Irwin, ammiraglia della flotta di protesta di quattro navi, attrezzate con gommoni, un elicottero, tre droni e un equipaggio di oltre 100. ‘’I giapponesi sono sempre piu’ disperati. Hanno perso una quantita’ enorme di denaro. Credo che quest’anno saranno piu’ aggressivi che mai’’, ha aggiunto.

Anche l’opposizione conservatrice ha chiesto al governo di mandare una nave di sorveglianza, avvertendo del rischio di gravi lesioni o morte, o di perdite inquinanti in mare nel caso di collisione. La campagna di Sea Shepherd di impedire l’uccisione di anche una sola balena ha ‘’aumentato la posta’’ quest’anno, ha detto il ministro ombra per l’Ambiente, Greg Hunt. Watson e’ ricercato dall’Interpol su richiesta del Giappone per danni alla sua flotta e ostruzione di attivita’ commerciale, per un episodio del 2010, quando un attivista di Sea Shepherd abbordo’ una baleniera per tentare di ‘arrestare’ il comandante per reati ambientali. E’ anche ricercato dal Costarica per un incidente legato a una campagna contro la pesca degli squali.

gennaio 3, 2013

Acqua avvelenata: il caso Lazio

 

Archivio Archivio

ROMA – Un’esposizione prolungata all’arsenico tramite acqua potabile e cibo puo’ causare cancro, lesioni cutanee, malattie cardiovascolari, danni al sistema nervoso e diabete. L’allarme arriva dall’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms) e riguarda l’Italia da vicino, e in particolare il Lazio. Dal primo gennaio, infatti, i sindaci di alcune province di Viterbo hanno dovuto vietare l’uso potabile dell’acqua del rubinetto. Un provvedimento che colpisce una quarantina di comuni e quasi 300mila persone nella Tuscia.

Il contenuto di arsenico e fluoruro e’ presente infatti in quantita’ superiori ai limiti di legge, che sarebbero di 10 microgrammi al litro per l’arsenico e 1,5 microgrammi per il fluoruro. Una situazione che non e’ certo una novita’, visto che e’ dal 2001 che regioni e territori chiedono deroghe alla legge.

Il problema e’ che il termine concesso per la terza e ultima deroga e’ scaduto il 31 dicembre 2012 e i lavori di adeguamento probabilmente non termineranno prima del 2014, dice Legambiente.

Cosi’ dal primo gennaio sono scattate le ordinanze dei sindaci che, secondo le indicazioni dell’Istituto superiore di Sanita’, vietano di bere l’acqua del rubinetto, di usarla per cucinare, lavarsi i denti e fare la doccia a persone con patologie cutanee.