Archive for dicembre 21st, 2012

dicembre 21, 2012

Come perdere consensi.

L’onorevole Rosy Bindi è alla quinta legislatura, ha superato i tre mandati parlamentari, e quindi, stando alle regole del Partito Democratico, sarebbe incandidabile. Ma ha chiesto la deroga alla direzione nazionale, ottenendola, e quindi è pronta alla legislatura numero sei. Pensare che nel 1994 era una delle più agguerrite sostenitrici del rinnovamento all’interno della propria crew, il Partito Popolare Italiano. Riportiamo integralmente un’Ansa di 18 anni fa:
++ PPI: ROSY BINDI, ”VALE PER TUTTI LIMITE TRE LEGISLATURE”
(ANSA) – ROMA, 2 FEB – Rosy Bindi non transige sul rinnovamento della classe politica e dei candidati del Ppi: ”Il limite delle tre legislature – ha detto conversando con un giornalista – deve valere per tutti, anche per De Mita. Ci vuole una regola certa per selezionare le candidature. E’ quello che stanno chiedendo tutti i coordinatori regionali e che io sto applicando nel Veneto. Quindi il limite delle legislature – ha aggiunto – vale anche per Carlo Fracanzani che di legislature ne ha sette. Lo ringrazio per il contributo che ha dato al partito, lo ammiro per non essere rimasto invischiato in Tangentopoli, nonostante la carica di ministro per le Partecipazioni statali ricoperta in un periodo ad alto rischio. Adesso, pero’, gli chiedo un atto di generosita’”.
Lei invece si candidera’ alle politiche? ”Vedremo. Sono una parlamentare europea. Io mi candido se Martinazzoli me lo chiede. Ma il problema non e’ personale. La gente ci chiede un forte rinnovamento e mi dice: ‘per carita’, non candidate sempre le stesse facce’. Se vogliamo essere credibili – ha concluso il coordinatore popolare del Veneto – dobbiamo presentare una nuova classe dirigente”. ++ (ANSA)
dicembre 21, 2012

Libero Stato, in libera Chiesa.

Il presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco, ha appena celebrato la tradizionale messa di Natale per i parlamentari, chiesa di Santa Maria Sopra Minerva, Roma. Presente, la crema della politica italiana. Onorevoli, Senatori, Ministri. Prostrazione politica, inchini elettorali, trance mistica. Ecco le immagini migliori, materiale prezioso, della serie, scene da fine Repubblica, pregando Iddio di esserci, pure la prossima volta.
dicembre 21, 2012

Forse ha ragione Dell’Utri.

Messa natalizia per i parlamentari, preghiere elettorali, suppliche istituzionali, celebra in esclusiva il Cardinal Bagnasco. Le immagini, le avete viste. Ma questa sequenza fotografica, beh, fate voi.

 

 

[Foto di Umberto Pizzi, via Formiche.net]
dicembre 21, 2012

La politica der “Monnezza”

In estrema sintesi. Cose che succedono in Regione Piemonte. Scrive il Corriere della Sera. L’esponente della maggioranza di centrodestra Michele Giovine è stato sospeso a causa di una condanna – primo e secondo grado – per le firme false presentate per certificare la sua lista, “Pensionati per Cota“.

Una lista che, con oltre 27 mila voti raccolti, ha contribuito in modo determinante all’elezione del leghista Roberto Cota alla guida del Piemonte nel 2010.

Quindi, Michele Giovine è fuori. Chi gli subentra? Sara Franchino, prima dei non eletti. Chi è Sara Franchino? La sua fidanzata. Ripeto, la sua fidanzata. E non è finita qui. Ora la Regione Piemonte – lì funziona così – dovrà continuare a sborsare due stipendi, dimezzato per Giovine, ovviamente intero per la Franchino. In casa continuerà ad entrare una cifra che supera abbondantemente i 10 mila euro netti al mese. Bingo.

 

dicembre 21, 2012

Pensieri in libertà.

REGALI DI NATALE

Vecchio, grasso, mezzo orbo e diabetico,
ma ancora potenzialmente pericoloso …
dicembre 21, 2012

Qualcuno non vuol capire.

Dottore mi salvi di Enzo Scarton
dicembre 21, 2012

Tempi moderni.

babbo-natale-renna-2

dicembre 21, 2012

Chiesa ingrata.

dicembre 21, 2012

Sanità, scuola e retorica della “razionalizzazione”.

davanzatidi Guglielmo Forges Davanzati, da Micromegaonline

Per “razionalizzazione” si intende un’operazione di politica economica finalizzata a rendere più efficiente il funzionamento di un sistema economico, attraverso il contenimento (o l’azzeramento) degli sprechi. Il termine è talmente abusato nel dibattito italiano da renderlo sostanzialmente vuoto e, al tempo stesso, da renderlo socialmente accettato, dal momento che è difficile immaginare che un cittadino dotato di buon senso possa invocare politiche che incentivino prassi inefficienti. Va però rilevato – cosa ben nota agli addetti ai lavori – che, in Italia, con la massima intensità negli ultimi anni, per razionalizzazione si intende, di fatto, un’azione unicamente finalizzata a ridurre la spesa pubblica, che prescinde del tutto da considerazioni relative all’efficienza ed è unicamente motivata con l’obiettivo di accumulare avanzi primari.

Continua a leggere »

dicembre 21, 2012

I modelli economici sbagliati alla base della crisi.

Un modello sbagliato: il “punto di vista del Tesoro”

Alla base delle politiche di austerità ci sono modelli economici che prevedono effetti positivi o nulli dei tagli della spesa pubblica sul Prodotto interno lordo. Ma la profonda crisi in cui è sprofondata l’Europa ha dimostrato che le cose stanno in modo molto diverso. Per quanto tempo ancora pagheremo le conseguenze di questi errori teorici?Continua a leggere »

di Riccardo Realfonzo, da Il Sole 24 Ore, 20 dicembre 2012