Archive for novembre 17th, 2012

novembre 17, 2012

meno male che c’è Alfonso Marra.

Scrittore, avvocato, signoraggista spinto, già parlamentare europeo, già fraterno a Domenico Scilipoti, per pubblicizzare le sue fatiche letterarie ha ingaggiato personaggi del calibro di Ruby Rubacuori, Lele Mora, Manuela Arcuri, Sara Tommasi, Vittorio Sgarbi. Luigi Alfonso Marra è questo e purtroppo molto altro, e ora si candida alle primarie del Pdl: “Tutti sacrificheranno Berlusconi, lo rovineranno, io invece lo difenderò. E per questo potrei vincere“.

 

novembre 17, 2012

La furia del Celeste.

Ci siamo. E’ definitivamente sbroccato. Definitivamente. La7, Cristina Parodi Show, ospite Roberto Formigoni. Roba di poche ore fa. Si doveva parlare di Pdl ed elezioni in Lombardia. Invece la conduttrice, assieme ad alcuni giornalisti stranieri, ha osato fare alcune domande sulle vicende giudiziarie che negli ultimi mesi hanno devastato il Pirellone. La cosa sembrava finita lì. Ma una volta uscito dallo studio, Roberto Formigoni è impazzito. Ultimamente qualche sospetto sull’instabilità del Celeste, tra scandali, inchieste, FORmaglioni e topolini metropolitani, in realtà ce l’avevamo avuto. Ma qui è andato oltre, dire crisi di nervi è un eufemismo. Dietro le quinte del programma, davanti ad una decina di persone – sgomento generale – prima ha sfuriato contro lo staff della Parodi: “Avete fatto solo cagate!”. Poi ha inveito contro la propria addetta stampa, Gaia Carretta:
«Tu adesso stai qui e spacchi la faccia a Cristina Parodi e a questa banda e a questi giornalisti! … E se non lo fai, sei licenziata!».

The end.

novembre 17, 2012

L’unico che ha capito come stavano le cose.

Perché Sarkozy ce l’aveva con il Cavaliere? Perché rideva di lui? Perché lo relegava ai margini dei vertici internazionali? Ma soprattutto, perché l’allora Presidente francese decise di bombardare la Libia (non è stata una decisione solo sua, ma vabbé)? La risposta è già arrivata in Francia, e giunge direttamente da Silvio Berlusconi, in visita al centro sportivo del Milan. Non è una barzelletta, ma una delle più clamorose riscritture storiografiche del nostro ex Premier. Tutta colpa di quei manifesti giganti.
“Sarkozy ha provato invidia quando ha visto i miei manifesti giganti a Tripoli, c’ero io assieme a Gheddafi, manifesti messi in mio onore dopo la trionfale visita del colonnello  in Italia. Lì ha capito che la Francia avrebbe avuto meno influenza. Per questo Sarkozy ha bombardato la Libia”.
novembre 17, 2012

A cosa serve lo Stato?

Abbiamo sottotitolato per voi questo video dell’Istituto Roosevelt, il prestigioso think tank “liberal” americano, vicino al Partito Democratico di Obama. Forse potrà sembrare retorico, ma non negli USA dopo decenni di propaganda contro ogni intervento pubblico nell’economia. E del resto anche da noi ormai da anni impazzano i luoghi comuni contro lo Stato. Buona visione.

Nota: se i sottotitoli non compaiono automaticamente, cliccate sul bottone dei sottotitoli a destra.

novembre 17, 2012

Solo due anni fa.

Nel giugno di due anni fa un nutrito gruppo di economisti critici, su iniziativa di Bruno Bosco, Emiliano Brancaccio, Roberto Ciccone, Riccardo Realfonzo e Antonella Stirati, pubblica una lettera in cui si analizzano le cause della crisi, i pericoli che corre la moneta unica e le vie per uscirne. Sulla “lettera degli economisti” si accese all’epoca un vivace dibattito che vide contrapposti i firmatari a quelli che oggi sono i promotori del movimento “Fermare il declino”. 

A più di due anni di distanza il testo rimane attuale e premonitore, in particolare riguardo gli effetti controproducenti dell’austerità, la necessità di riformare la BCE, l’esigenza di una efficace regolamentazione bancaria.

Lo riproponiamo ai nostri lettori come materiale di riflessione.

novembre 17, 2012

e Obama resta a guardare.

 

novembre 17, 2012

A Malindi non è reato scoparsi una minirenne.

novembre 17, 2012

Piovono lacrimogeni. Cazzo!

Pubblicato da

novembre 17, 2012

Per la TV di stato una zoccola fa più notizia dei morti in palestina.

 

E’ sempre bello vedere come “Paula, l’amante di Petraeus” e il “flashmob del Gangnam” facciano più notizia dei morti in Palestina.Cecilia Strada.

novembre 17, 2012

Fermqa posizione dell’ONU sui fatti di Gaza.

 

L’Onu sull’escalation a Gaza.