Archive for settembre 21st, 2012

settembre 21, 2012

Non c’è!

Atreju 2012, Roma, Silvio non si presenta, ma in cambio l’onorevole pdl Ignazio La Russa delizia il pubblico con la sua idea di giornalismo, e quindi di democrazia.

settembre 21, 2012

Come volevasi dimostrare è rimasta.

Cose che possono succedere solo qui. Morale. La “Saga del Panino” si è chiusa. Magnificamente chiusa. È ora di andare a casa, Renata.

Marzo 2010, Renata Polverini conquista la Regione Lazio dopo aver corso un grosso rischio: è il caso delle liste elettorali presentate in ritardo – vicenda degna delle peggiori commedie all’italiana – dall’ex politico socialista Alfredo Milioni, che si giustifica così.

«Ero andato alla macchinetta a bere un tè, circolava una brutta influenza, c’erano problemi di dissenteria, mi hanno messo in croce per un panino … sono solo andato a mangiarmi un panino, non mi sembra grave, no?»
Settembre 2012, in Regione Lazio scoppia lo scandalo “spese pazze”, Renata Polverini danza sull’orlo del baratro. L’ex capogruppo e tesoriere Pdl Francone Fiorito detto “Er Batman” viene indagato per peculato. Vacanze, suv, feste, cene (anche al ristorante “Il covo dei briganti“), rimborsi per tutti quanti, un fiume di denaro pubblico scialacquato in maniera vergognosa. E da Bruno Vespa, Fiorito afferma:

«La spesa al Gs di Anagni? Non entro in un supermercato da oltre vent’anni e non faccio mai la spesa. Sarà stata la mia segretaria a comprarmi un panino … Va bene, va bene, vuol dire che verrò crocifisso per un panino ca’a porchetta …»

settembre 21, 2012

La decrescita è in atto. Si chiama povertà.

di Gabriele Pastrello – Joseph Halevi da il manifesto del 20 settembre 2012

C’è una genia che prospera su tutto lo spettro politico, italiano e mondiale: i lungoperiodisti. L’atteggiamento di chi posa a pensatore del futuro, disdegnando le misure raffazzonate o gli interventi di breve periodo. I lungoperiodisti di destra aborriscono l’inflazione e vogliono una crescita finanziariamente sana; quelli di sinistra sono preoccupati per gli sconvolgimenti causati dalla crescita incontrollata passata. I secondi hanno ragioni migliori dei primi, ma entrambi paiono ignorare che siamo in un periodo di crisi economica che sta già creando recessione e miseria, come sanno bene gli ammalati gravi greci che non possono più curarsi. I primi però non lo ignorano affatto, anzi. Hanno deciso che la crisi economica è un’occasione d’oro per una terapia di immiserimento di ampi strati di popolazione come la cura migliore. Per questo sono acerrimi nemici di Keynes.

Continua a leggere »

settembre 21, 2012

Sfruttate le ali.

settembre 21, 2012

Scoperta biotech a Milano: gene che aumenta del 20% la produttività del riso.

settembre 21, 2012

Autismo: al via il progetto pediatri veneti per diagnosi precoce.

autismo

12:04 am | Prende il via, a Vicenza, il Progetto ”I Bambini che non guardano e giocano da soli”, organizzato dalla Fimp (Federazione Medici Pediatri) del Veneto che punta all’intercettazione precoce…

21 settembre 2012 / Leggi tutto »

settembre 21, 2012

Piano risanamento ILVA bocciato dai custodi giudiziari.

ilva taranto inquinamento

Gli ingegneri Barbara Valenzano, Emanuela Laterza e Claudio Lofrumento, custodi giudiziari dell’ILVA, hanno bocciato il piano di investimenti immediati volto a risanare gli impianti messi sotto sequestro. La loro valutazione sugli interventi di bonifica avanzati dall’azienda per lo stabilimento, secondo le prime indiscrezioni trapelate, sarebbe infatti negativa. I custodi giudiziari ieri hanno espresso le loro remore al procuratore di Taranto Franco Sebastio ed ai pm dell’inchiesta per disastro ambientale a carico dei dirigenti ILVA.

La Procura dovrà ora esprimersi sia in merito al piano di risanamento che all’istanza con cui si chiede per l’ILVA la continuità produttiva, seppur minima, per permettere all’acciaieria di non finire fuori mercato e giustificare nuovi investimenti. Già oggi potremmo conoscere la decisione della Procura che appare quasi scontata: dal momento che il sequestro del 26 luglio scorso, come sottolineato nel decreto, è senza facoltà d’uso (non prevede produzione), sicuramente il parere sarà negativo.

Continua a leggere: Piano risanamento ILVA bocciato dai custodi giudiziari

settembre 21, 2012

In Sicilia prima centrale solare termodinamica al mondo.

Impianti di energia solare (Archivio) Impianti di energia solare (Archivio)

ROMA – Entro il 2015 sara’ operativa in Sicilia la prima centrale solare termica al mondo a sali fusi.

Una tecnologia tutta italiana – a lanciarla, fu il premio Nobel Carlo Rubbia, all’epoca presidente dell’ENEA – su cui l’Italia ha attualmente un vantaggio competitivo, e che i recenti decreti governativi sulle rinnovabili hanno scelto di sostenere. La centrale solare termodinamica e integrata a biomasse verra’ realizzata da Enel Green Power in provincia di Catania e fornira’ elettricita’ sufficiente per circa 40.000 famiglie.

Dell’innovativo impianto, che avra’ una potenza di 30 megawatt e costera’ circa 200 milioni di euro, se ne e’ parlato oggi al convegno ”Sicilia, l’Isola del Solare termodinamico.

Carta del Sole, un patto per l’energia tra territorio e industria”, organizzato da ANEST (Associazione Nazionale Energia Solare Termodinamica) e FRED Sicilia (Forum Regionale per l’Energia Distribuita) in partnership con Confindustria Sicilia e Fondazione Sicilia, e al quale ha partecipato, tra gli altri, il ministro dell’Ambiente Corrado Clini.

”Il solare termodinamico – ha detto il ministro Clini – e’ uno degli assi nella manica del sistema Italia. Brevetti e tecnologia, oltre a un altissimo indice di insolazione, ci forniscono incredibili condizioni di partenza per diventare il Paese europeo a piu’ alto sviluppo di questa tecnologia rinnovabile innovativa. Con la Carta del Sole si inaugura anche un altro modo, piu’ vicino alle esigenze dei cittadini e dei territori, per lo sviluppo di un’energia che completa il mix delle rinnovabili portando delle significative innovazioni che stiamo perseguendo attraverso non soltanto strumenti normativi ma, soprattutto, con incentivi di mercato o di tipo fiscale”.