Archive for luglio 24th, 2012

luglio 24, 2012

Messaggio per la sinistra.

E’ tardi , e’ tardi , è tardi…..

E’ tardi , e’ tardi , è tardi…..

luglio 24, 2012

America: la siccità avanza.

Il disastro dell’agricoltura negli Usa condensato in 15 secondi. Fra poche righe arriva un video del Noaa statunitense (National Oceanic and Atmospheric Administration): mostra, con un’animazione ottenuta da dati satellitari, come si sono estese da gennaio alla metà di luglio le aree in cui la vegetazione è sotto stress o sta addirittura morendo.

Non è solo un problema americano. Gli Stati Uniti sono un colosso dell’agricoltura planetaria: viene dagli Usa la metà del mais esportato in tutto il mondo. Gli Usa sono inoltre il primo esportatore mondiale di grano e soia.

Se ai loro problemi si aggiungono le difficoltà dell’agricoltura anche in altri Paesi sempre a causa della siccità, il quadro è completo: ridotta produzione mondiale di cibo, rincaro dei generi alimentari. Ma il video del Noaa, già da solo, è piuttosto impressionante. Continua a leggere→

luglio 24, 2012

Casa: solo 12,7% immobili ha attestato energetico a norma.

(Archivio) (Archivio)

ROMA – Con il Dlgs 28/2011 è divenuto obbligatorio specificare su tutti gli annunci immobiliari la classe energetica di appartenenza di un’abitazione che va dalla migliore, la A, alla peggiore la G, ma, secondo quanto rilevato recentemente da una ricerca del sito Immobiliare.it, ”oggi solo il 12,7% degli immobili possiede un attestato a norma di legge”. E’ quanto sottolineano, in una nota, Officinae Verdi, joint venture tra Unicredit e Wwf (Fondazione), e Sacert che hanno sottoscritto una intesa per evitare certificazioni non qualificate sulle case in affitto o in vendita.

luglio 24, 2012

Cmcc, emissioni possono valere 6,7 mld all’anno.

(Archivio) (Archivio)

ROMA – Dalla lotta ai cambiamenti climatici possono giungere anche delle soluzioni anticrisi. Le emissioni possono, infatti, valere 6,7 miliardi di euro all’anno attraverso la riorganizzazione della modalita’ di assegnazione dei permessi di emissione del sistema Ets (Emission trading scheme). E la cosa riguarderebbe i Paesi indebitati dell’euro-zona, contribuendo a salvaguardare migliaia di posti di lavoro. A dirlo il Centro Euro Mediterraneo per i cambiamenti climatici (Cmcc) che cita l’ultimo studio pubblicato dalla London school of economics. Secondo il rapporto ”per tutelare le imprese e l’occupazione, nella fase di scambio 2013-2020, i settori a uso intensivo di carbonio” potrebbero ricevere ”delle quote di emissione gratuite”. Un intervento su determinate imprese e su assegnazioni generalizzate dei diversi settori ”potrebbe far guadagnare miliardi di euro all’anno e consentire ai Paesi dell’Unione europea di vendere i propri permessi”. Questa iniziativa ridurebbe ”la probabilita’ di una rilocalizzazione delle emissioni di CO2”.

luglio 24, 2012

Questa la chiamano democrazia.

Questa è la foto, con tanto di didascalia delle affermazioni di Alfano.  Questa foto è la dimostrazione che la verità cambia se si mostra l’atrocità di un regime e la sua violenza. Bene ha fatto Mentana a ricordare a chi ne aveva voglia le atrocità che i detentori del potere sono in grao di commettere sicuri dell’impunità che una classe politica corrotta è in grado di garantir loro.

Questa è la foto, con tanto di didascalia delle affermazioni di Alfano, fatta girare da NOI, dopo l'appello della famiglia di Stefano, puntualmente e più volte scomparsa dalla nostra pagina. Questa foto è la dimostrazione che la verità cambia se si mostra l'atrocità di un regime e la sua violenza.
luglio 24, 2012

800 euro al mese.

Un ex-presidente dell’Uruguay che vive con 800 euro al mese.

Onore e rispetto al Presidente Josè Mujica!!!

Vive con 800 euro al mese, ma non è una persona qualunque, anzi.

LA SUA STORIA – http://goo.gl/qcCWF

luglio 24, 2012

D’Alema difende Marchionne.

Presidio davanti Montecitorio di una delegazione di lavoratori dell’Irisbus Valle Ufita. Durante la protesta degli operai, che hanno contestato incatenandosi davanti alla Camera, passa Massimo D’Alema del Pd. “Non serve a nulla, tutto questo non serve a nulla” – rimprovera il deputato del Pd, mentre si confronta con alcune tute blu visibilmente indignate. “Non state facendo nulla neanche voi” – risponde uno dei lavoratori. Un altro ancora, incatenato, grida: “Marchionne ha deciso di chiudere il nostro stabilimento e voi non avete detto niente. Avete paura di Marchionne, ma lo volete mandare affan…“. D’Alema abbozza sorrisi imbarazzati e risponde: “Ma se lo mandiamo affanc…quello chiude e non lo vediamo più”. L’operaio rincara la dose: “Non facciamo la passerella, D’Alema. Noi non ce la facciamo più”. Il politico non ci sta e reagisce con stizza. “Io sono venuto a parlare con voi” – replica – “Non c’era nessuna campagna elettorale, non piglio voti da voi altri e quindi non faccio passerelle. Vengo perché m’interessa il problema, hai capito? E smettila di dire cazzate”. Alla fine del vivace confronto con gli operai della Irisbus, il deputato, sollecitato dall’On. Francesco Barbato (Idv), partecipa alla colletta necessaria a pagare il viaggio di ritorno della delegazione degli operai campani.

La risposta deve essere una sola ritorno alle partecipazioni statali e nazionalizzazione delle industrie in crisi con un piano di reindustrializzazione del paese. Per fare questo occorre una sinistra unita capace di essere forte opposizione e forza di governo democratico.