Archive for luglio 16th, 2012

luglio 16, 2012

Si può anche ruttare.

In questa prima pagina capolavoro – cronaca locale di Vigevano – c’è tutto, ma proprio tutto sul partito guidato da Roberto Maroni e Umberto Bossi. Due titoli, non serve altro.

 

[Clicca per ingrandire – FonteVia]
Vigevano vieta le bestemmie in strada.
Proibito anche girare a torso nudo, sdraiarsi sulle panchine e portare i carrelli dei supermercati.
La Lega perdona Cavezzana dopo il rutto.
Il consigliere leghista Michele Cavazzana è stato perdonato dal Carroccio dopo il rutto che gli è scappato in consiglio comunuale mentre parlava il Sindaco della Lega.
luglio 16, 2012

Al peggio non c’è mai fine.

luglio 16, 2012

Il Padrino parte quarta.

Prima pagina del quotidiano tedesco Die Welt, uno dei più seri ed importanti del paese, di stampo conservatore. Il dilemma: come celebrare il ritorno in campo di B? Naturale, accostandolo al noto capo mafia cinematografico di Francis Ford Coppola, Don Vito Corleone, sempre per quella storia dell’autorevolezza.

“Il Padrino, parte quarta”.

[Clicca per ingrandire – Via: Il Post]
luglio 16, 2012

Austerità, una cattiva medicina per la Spagna.

Le drammatiche misure di austerità che si stanno applicando in Spagna sono “una chiara dimostrazione delle penalizzazioni che sono state imposte all’economia in cambio del salvataggio delle banche e della dilazione temporale accordata per riportare il deficit al 3% del Pil.”

Con queste parole dell’economista Santiago Sanchez Guiu dell’Università Carlo III di Madrid si esprime in un post sul blog “Free Exchange” dell’Economist parlando della catastrofe economica che sta travolgendo la Spagna. Continua a leggere »

luglio 16, 2012

Una bandiera insanguinata.

 

etc-i-028: Bloody Syria…

Pitch etc-i-028: Bloody Syria…

 

…with no end or relief in sight

luglio 16, 2012

Enrico Lecca.

“Preferisco che i voti vadano al Pdl piuttosto che disperdersi verso Grillo“. Parola del vicesegretario del Partito democratico Enrico Letta, messa nera su bianco in una intervista al Corriere della Sera. Il numero due del Pd traccia la rotta verso le elezioni della prossima primavera. Dove la parola d’ordine sembra essere “non prenderle”, che siano gli elettori, il Movimento 5 stelle, l’Europa o i mercati a darle. Guai a pensare che i voti del Pdl possano per sbaglio finire al Pd, Letta guarda solo ad arginare Grillo, con “un’alleanza guidata dal segretario Bersani, con ai lati Casini e Vendola“.
luglio 16, 2012

Non ha mai fatto un cazzo in vita sua.

Non ha mai fatto un’ora di lavoro in vita sua. Campa sulle nostre spalle da sempre: prima ministro, poi deputato, poi ancora deputato, poi responsabile economico della Margherita. Sì, quella stessa Margherita da cui sono spariti milioni di euro di rimborsi elettorali. Enrico Letta, vicesegretario del Pd, quello che ieri ha dichiarato “meglio votare Pdl che Grillo” è il classico nullafacente baciato dalla fortuna, catapultato direttamente ai vertici delle istituzioni anche grazie ai suoi rapporti con i poteri forti e le lobby finanziarie e alla parentela con il più noto Gianni Letta di cui è nipote. Ecco il suo curriculum redatto direttamente da lui sul suo blog. Fatevi un’idea.
Sono nato a Pisa, ho 45 anni. Sono stato uno dei più giovani ministri della Repubblica italiana: nel 1998 alle Politiche Comunitarie e poi all’Industria e al Commercio Estero con i governi D’Alema e Amato. Nel 2001, deputato, sono diventato responsabile economico della Margherita.
Dal 2006 al 2008 sono sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri nel secondo governo Prodi.
Nel 2007 mi sono candidato alle primarie per la segreteria del Partito Democratico ottenendo oltre l’11% dei consensi.
Nel 2008, di nuovo deputato, sono stato nominato responsabile Welfare del governo ombra del PD. Dopo le primarie del PD del 2009 sono diventato vicesegretario del partito e faccio parte della Direzione nazionale.
Dal 1993 sono segretario generale dell’Arel, l’Agenzia di Ricerche e Legislazione fondata negli anni ’70 da Nino Andreatta.
Dal 2005 sono vicepresidente di Aspen Institute Italia e nel luglio 2007 ho fondato, insieme ad altri amici, l’Associazione TrecentoSessanta.
luglio 16, 2012

La vendetta di Angelino.

luglio 16, 2012

Spiegazioni a posteriori.

Clicca per ingrandire vignette ed articolo.
Oggi su il Misfatto de Il Fatto Quotidiano anche la vignettaRevolucion” e un buon boxino pro “Mamma

luglio 16, 2012

PD convention