Archive for luglio 3rd, 2012

luglio 3, 2012

Dopo la riforma della sanità in America ci prova anche Monti in Italia.

 

Spending review: tagli alla Sanità.

luglio 3, 2012

Monti disegna la nuova Europa.

Reality Check

Reality Check

luglio 3, 2012

Due poltrone is meglio che uan.

Pubblicato da
luglio 3, 2012

Tumori ai polmoni: nuove speranze in campo farmacologico. Va regolamentato l’accesso alle cure.

al , uno spiraglio di luce nella . Almeno per quello ””, che colpisce anche chi non ha mai fumato: ci sono farmaci intelligenti, i farmaci a bersaglio molecolare che agiscono sulla mutazione genetica. Una compressa da prendere a casa, per una migliore qualita’ di vita e piu’ possibilita’ di sopravvivenza. Alcuni sono gia’ pratica clinica, altri stanno per arrivare, altri ancora sono in fase avanzata di studio. Una buona notizia se non fosse che in Italia sono ancora pochi i Centri che fanno diagnosi genetica e troppo pochi i pazienti che accedono a queste terapie. Tutto sta nella fortuna – perche’ di fortuna si tratta – di aver bussato alla porta giusta. Pazienti di serie A e di serie B.

Inconsapevoli di esserlo.

Una fotografia piena di luci – le scoperte della Ricerca – e di ombre – le disparita’ di accesso alle cure – quella dell’oncologia toracica nel nostro Paese scattata in occasione della Conferenza stampa di presentazione della 3* Conferenza Internazionale di Oncologia Toracica (CIOT) da Cesare Gridelli, presidente della Conferenza, e da Filippo de Marinis , presidente dell’Associazione Italiana di Oncologia Toracica (AIOT), istituzione che ha promosso l’evento.

luglio 3, 2012

Fumo: anche i padri con l’abitudine del fumo al momento del concepimento, trasmettono parti di DNA danneggiato.

Le donne che fumano durante la gravidanza mettono a rischio la salute del proprio figlio. Ora una nuova ricerca rivela che anche i padri che erano fumatori al momento del concepimento possono trasmettere danneggiato, aumentando il rischio per i figli di tra cui il . I ricercatori dell’University of Bradford in Gran Bretagna hanno scoperto che dei marker di danni al contenuto nello sperma o nel sangue del padre al tempo del concepimento si ritrovano anche nel della prole.

luglio 3, 2012

Legambiente fa il monitoraggio dei laghi.

Legambiente, al via monitoraggio acque lacustri Legambiente, al via monitoraggio acque lacustri

ROMA – Analisi delle acque, monitoraggio del territorio e informazione ai cittadini: parte la Goletta dei laghi di Legambiente, che anche quest’anno torna a controllare l’ecosistema lacustre italiano. Fino al 31 luglio saranno 17 i laghi messi sotto esame per denunciare casi di abusivismo, consumo del suolo e scarichi illegali. Il monitoraggio scientifico e naturalistico coinvolgerà 11 Regioni e circa 300 comuni. Si inizierà dalla Lombardia con i laghi d’Iseo e di Como per proseguire in Piemonte, Veneto e Trentino Alto Adige con il lago Maggiore e il Garda.

Sarà poi la volta del lago dell’Accesa in Toscana, del Trasimeno e del Piediluco in Umbria, del lago di Fiastra nelle Marche e dello Scanno in Abruzzo, passando quindi ai laghi di Cecita e di Ariamacina, l’Arvo e l’Ampollino in Calabria. In Sicilia si terrà un focus sui laghi regionali. In chiusura, i laghi laziali di Albano, Bolsena e Bracciano.

luglio 3, 2012

Beati i pesci.

(ANSA) – SYDNEY, 3 LUG – Uno studio australiano indica che i pesci possono adattarsi da una generazione all’altra, meglio di quanto finora creduto, ai piu’ intensi effetti sugli oceani delle emissioni di gas serra: il riscaldamento delle acque e la loro acidificazione. E’ quanto emerge dalla ricerca pubblicata sulla rivista Nature Climate Change e condotta dai biologi marini dell’universita’ australiana James Cook, di Townsville.

I biologi hanno studiato i pesci pagliaccio (Amphiprion percula, la variopinta specie immortalata nel film ‘Alla Ricerca di Nemo’) nei quali la capacità di adattarsi viene trasmessa dai genitori ai figli.

Gli oceani assorbono circa un quarto delle emissioni di CO2 nell’atmosfera e numerosi studi negli ultimi anni hanno mostrato le conseguenze negative di riscaldamento e acidifcazione delle acque su diversi organismi marini, tuttavia e’ stata raramente esaminata la maniera in cui una specie si puo’ adattare da una generazione all’altra, scrive il biologo marino Philip Munday, che ha guidato la ricerca. Negli esperimenti, condotti in un acquario, i ricercatori hanno costituito tre gruppi di pesci pagliaccio, sottomessi nel primo gruppo alle concentrazioni attuali di CO2 e gli altri due a concentrazioni piu’ alte. E li hanno lasciati riprodurre.