Nina Zilli – L’uomo che amava le donne.

Se la musica leggera italiana nella sua migliore espressione è melodia, passione e sentimento, Nina Zilli ha tutto quello che serve per guidare la fila delle interpreti femminili. In più, Nina ha quella affascinante e insidiosa sensualità, che tra mille parole d’amore e rime baciate, le fa dire in L’inverno all’improvviso: “Se mi sfiori come un piano, io dimentico che tu sei soltanto un altro uomo, una luce che andrà giù”. Che bella cosa da sentirsi dire da una donna! Poi ci sono i paragoni inevitabili con la migliore cantante italiana di tutti i tempi, Mina, di cui riprende non solo i vocalizzi e le orchestrazioni (da sentire in Non qui o La casa sull’albero), ma anche l’intensità romantica, e le influenze del soul americano (Piangono le viole e le mille citazioni delle regine della black music in Un’altra estate e Lasciatemi dormire), che rimane il grande amore di Nina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: