Archive for aprile 3rd, 2012

aprile 3, 2012

Nina Zilli – L’uomo che amava le donne.

Se la musica leggera italiana nella sua migliore espressione è melodia, passione e sentimento, Nina Zilli ha tutto quello che serve per guidare la fila delle interpreti femminili. In più, Nina ha quella affascinante e insidiosa sensualità, che tra mille parole d’amore e rime baciate, le fa dire in L’inverno all’improvviso: “Se mi sfiori come un piano, io dimentico che tu sei soltanto un altro uomo, una luce che andrà giù”. Che bella cosa da sentirsi dire da una donna! Poi ci sono i paragoni inevitabili con la migliore cantante italiana di tutti i tempi, Mina, di cui riprende non solo i vocalizzi e le orchestrazioni (da sentire in Non qui o La casa sull’albero), ma anche l’intensità romantica, e le influenze del soul americano (Piangono le viole e le mille citazioni delle regine della black music in Un’altra estate e Lasciatemi dormire), che rimane il grande amore di Nina.

aprile 3, 2012

L’Italia è fuori dalla crisi.

L’Inps le aveva appena tagliato la pensione, da 800 a 600 euro. Lei era convinta che non ce l’avrebbe fatta a vivere e piuttosto che chiedere aiuti a familiari e conoscenti ha preferito togliersi la vita. La triste storia arriva da Gela, in provincia di Caltanissetta. L’anziana, Nunzia C., 78 anni, dopo aver ricevuto qualche mese fa la notizia del taglio della pensione – secondo quanto riferito dalla famiglia alle forze dell’ordine – è caduta in uno stato depressivo sempre più profondo, fino al tragico gesto. Questa mattina alle 10 ha aperto la porta finestra del terrazzo dell’appartamento in cui viveva con i figli al quarto piano in via Amilcare, si è buttata di sotto ed è rovinata al suolo dopo un volo di 12 metri. Inutili i soccorsi.

aprile 3, 2012

Attenti agli indagati.

Claudio Messora Byoblu Byoblu.com Mafia 'ndrangheta Commissione Antimafia Elezioni
articolo di Valerio Valentini per Byoblu.com

Alle ultime elezioni regionali e amministrative emergono candidati ed eletti in liste gremite di persone che non sono certo degne di rappresentare nessuno. La disinvoltura nella formazione delle liste è molto più allarmante di quella che noi abbiamo immaginato”. È l’ottobre del 2010, e a parlare così non è Beppe Grillo, ma Beppe Pisanu. Il Presidente della Commissione parlamentare Antimafia se la prende soprattutto con le prefetture, che sono gli enti preposti per legge ad effettuare accertamenti sugli eletti dei vari partiti nelle varie elezioni. Non, però, sui candidati. Per cercare di limitare il numero degli “indegni”, il 18 febbraio del 2010 la stessa Commissione aveva adottato il codice di autoregolamentazione, con il quale i partiti si impegnavano solennemente a non candidare persone rinviate a giudizio, o condannate in primo grado, per una serie di reati ritenuti gravi: mafia, terrorismo, traffico d’armi e di rifiuti, estorsione, usura e via dicendo.

LEGGI TUTTO…

aprile 3, 2012

La vera opposizione.

Eccoli lì, per la prima volta assieme, dalla stessa parte della barricata (e dello studio), in perfetta sintonia, acerrimi nemici del Governo Monti. L’unica, vera opposizione.

Daniela Santanché. Matteo Salvini. Domenico Scilipoti. Paura.

 

aprile 3, 2012

la riforma si farà: eia eia alalà!


Lavoro, Monti spiega la riforma ai cinesi “Concilia flessibilità e sicurezza“. Intanto c’è una disoccupazione record: a febbraio 9,3% tra i giovani il 31,9% non lavora.
Poi, stasera ho visto il bellissimo programma Presa Diretta sulla Libia.  Mi consta ricordare FORTE a tutti i gentili passanti e ripassanti che: c’era una volta un giornale, Liberazione, che denunciava prima di altri, con più forza di altri, il crimine dei respingimenti, del trattato con la Libia. Ora non c’è più.

aprile 3, 2012

Capitan Uncino non si faceva mancare niente.

Pubblicato da

aprile 3, 2012

Ladroni a casa nostra.

aprile 3, 2012

Le banche ci truffano.

Martin Schulz Kapò Kapo Banche Truffa Credito Credit Crunch BCE Tasso Debiti Sovrani Titoli di Stato Claudio Messora Byoblu Byoblu.com

Il meccanismo è semplice e ve l’ho raccontato molte volte, ma vale sempre la pena riassumere. Le banche hanno preso un miliardo di euro dalla BCE. Quelle italiane ne han presi 260 miliardi. Soldi buoni, che dovranno restituire al tasso vantaggioso dell’1% in tre anni. Con quei soldi avrebbero dovuto – idealmente – far ripartire l’economia. Quindi far credito alle aziende e fare mutui alle famiglie. Invece ci hanno comprato titoli di stato. Perché? Perché – vi dicono loro – così ci aiutano a non andare in default.

Balle! La risposta vera è: perché i soldi dello Stato sono sicuri, e su quei 260 miliardi ci fanno un tasso che va dal 4% al 7%. Se volevano aiutarci compravano i titoli di stato al tasso con il quale han preso soldi dalla BCE, che tanto non li hanno mica pagati. Prendendo soldi dal nulla e comprando BOT a tassi elevati, ci indebitano ricapitalizzandosi alle nostre spalle, mentre le pensioni se ne vanno, mentre il lavoro non c’è più, mentre tutto va a puttane. Ci indebitano: lo urlavo anche all’Ultima Parola, un paio di settimane fa (guarda il video).

aprile 3, 2012

Francois Hollande rimane in testa per le presidenziali.

Le candidat du Front de gauche Jean-Luc Mélenchon, le 27 mars 2012, à Lille. PHILIPPE HUGUEN / AFP

François Hollande reste en tête des intentions de vote, à 28,5%, devant Nicolas Sarkozy, stable à 27,5%, mais il perd deux points en quinze jours au profit de Jean-Luc Mélenchon qui, gagnant quatre points à 15%, prend la troisième place, selon un sondage LH2 pour Yahoo! publié dimanche 1er avril.

Au second tour, le candidat socialiste l’emporterait avec 54%, malgré un effritement d’un point, face au président sortant (46%).

Au premier tour, Marine Le Pen obtiendrait 13,5%, en baisse d’un point par rapport au précédent sondage LH2 publié le 18 mars et François Bayrou 12% (-0,5).

Viennent ensuite, très loin derrière, Eva Joly, à 2% (-0,5), Philippe Poutou, Nathalie Artaud et Nicolas Dupont-Aignan, à 0,5% chacun, et Jacques Cheminade (0%).

17% des sondés n’ont pas exprimé d’intention de vote au premier tour et 21% au second.

aprile 3, 2012

E il cinese se la ride!