Archive for marzo 16th, 2012

marzo 16, 2012

Ostaggi di politici e banchieri – Intervista a Clara Sanchez.

A tu per tu con l’autrice di “La voce invisibile del vento” (Garzanti – http://bit.ly/wjcLXS)
Meriteremmo politici migliori. Oggi siamo ostaggio delle banche, e il denaro manipola la nostra vita.

marzo 16, 2012

Anche i comunisti votano Hollande.

Jacques Desallangre  désire passer le relais à Frédéric Alliot.

Jacques Desallangre désire passer le relais à Frédéric Alliot.

 

AISNE – Elu au Palais Bourbon depuis quinze ans, Jacques Desallangre (Parti de Gauche, membre du Front de Gauche), député de la 4e circonscription, a annoncé son soutien à François Hollande dès le 1er tour au détriment de Jean-Luc Mélenchon.

« J’ai été vingt ans au PS, je l’ai quitté parce que le débat de Maastricht nous séparait. Je ne trahis pas mes convictions en votant socialiste. Et je n’ai jamais eu ma carte au PC. Dans les sondages le président sortant vient de passer devant le candidat socialiste, je pense que ce dernier doit engranger le maximum de voix dès le 1er tour pour préparer le second. C’est un vote utile. »

marzo 16, 2012

Arrestato Geroge Clooney.

George Clooney arrestato e ammanettato a Washington mentre stava partecipando a una protesta contro il presidente Omar el Bashir, accusato di bloccare gli aiuti umanitari.
Da noi in Italia non hanno mai arrestato un VIP o un politico, nemmeno quando è stato scovato con le mani nel sacco: oggi sono venute fuori le rivelazioni dell’architetto Leuci nell’inchiesta in cui è indagato il presidente leghista del consiglio regionale lombardo Boni: “Per montare affari immobiliari era necessario passare da lui. Il denaro andava mandato ai politici e diviso tra Forza Italia e Lega Nord”. Mazzette e tangenti di decine di migliaia di euro, ma per i politici nostrani mai un giorno di carcere, sempre lasciati liberi di continuare a rubare, in piena libertà.
marzo 16, 2012

Meno male che ci ha pensato Hitler.

A. Hitler e Papa Pio XII

Caspita questi chierici! Non la mandano certo a dire. E così è stato addirittura per il Banchiere del Papa, il presidente della banca Vaticana (IOR) Ettore Gotti Tedeschi.
Gotti Tedeschi, infatti, mentre interviene alla presentazione di un libro di Tremonti (la casta, si sa, sostiene la casta) pensa bene di gelare la platea on un inquietante storiella su Hitler in Paradiso (e se lo dicono loro…).
E i motivi per cui Hitler rivendica il suo diritto al Paradiso è che avrebbe salvato il lavoro e l’occupazione con la guerra, mandando sei milioni di persone a fabbricar cannoni e altre sei a fare la guerra e a espropriare le ricchezze con cui fabbricare i cannoni! La storiella, secondo il banchiere, ci ammonisce al fatto che “la guerra fa bene all’economia”. Agghiacciante!
Ma non dovrebbero essere l’Istituto che promuove la pace e l’amore nel mondo!?
E, visto che siamo in piena crisi e in crescita della disoccupazione, a quali e quante altre guerre dobbiamo prepararci!!?
Qui il video delle incredibili dichiarazioni di Ettore Gotti Tedeschi: fonte video.repubblica.it

marzo 16, 2012

Gratta e vinci.

marzo 16, 2012

La supercazzola.


Braccobaldo show. Scusate la fiducia.

marzo 16, 2012

Parlare difficile per non far capire.

Viva l'Italia di Enzo Scarton

Etichette:

marzo 16, 2012

La paccata.

marzo 16, 2012

PACCO E CONTROPACCO.

Ormai il ricatto al lavoratore sembra diventato lo sport nazionale.
Vuoi mangiare ?
Allora zitto e subisci !!
marzo 16, 2012

I flavonoidi sono alleati del cuore, ma anche poco consumati.

 

La ricerca scientifica suggerisce i benefici per e arterie di una dieta ricca di , composti chimici naturali di cui sono ricchi i . Ma un’indagine condotta su oltre 7.500 connazionali rileva che nei piatti degli italiani i scarseggiano: nella Penisola si beve tanto ma poco tè, che rispetto alla ‘tazzina’ contiene concentrazioni maggiori di sostanze amiche della salute cardiovascolare. Ma la bocciatura più pesante arriva sul fronte del consumo di frutta e : oggi l’alimentazione-tipo degli italiani è lontana dalle ‘dosi’ ideali raccomandate dagli specialisti.

 

Da qui l’appello degli esperti: riscoprire l”abc’ della dieta mediterranea.
Ai sono state riconosciute virtù antinfiammatorie e . In particolare, i risultati di uno studio pubblicato a inizio anno sull”American Journal of Clinical Nutrition’ indicano che a un alto apporto di nella dieta corrisponde un minore rischio di gravi . Partendo da questa nuova conferma, l’Osservatorio nutrizionale Grana Padano ha cercato di ‘misurare’ il consumo pro-capite di in Italia, sondando le abitudini di 7.645 over 18, 4.681 donne e 2.964 uomini.
Gli alimenti mediamente più ricchi di – ricordano gli specialisti in una nota – sono tè, , frutta (soprattutto gli agrumi), , olio d’oliva e . Ebbene, dall’indagine è emerso che il tè viene consumato dal 30% circa della popolazione, più dalle femmine che dai maschi (32% contro 25,5%). Sicuramente maggiore è il consumo di , bevuto regolarmente dall’80% della popolazione senza differenza tra i sessi, mentre il è consumato dal 55% e specialmente dagli uomini (65% contro 48%). Per quanto riguarda la frutta, e in particolare gli agrumi, la mangia il 60% della popolazione.