Dalla e il mare.

E’ morto Lucio Dalla ed è necessario ricordarlo anche per il suo impegno ambientalista: Dalla amava il mare e si definiva figlio del mare e amava le isole Tremiti che frequentava da almeno 50 anni. Non esitò un minuto, quando seppe della possibilità che il mare prospiciente le sue amate isole sarebbe stato violato da trivelle in cerca di petrolio, a impegnarsi in prima persona con i mezzi che aveva a sua disposizione: la sua musica e la notorietà.

Com’è Profondo il mare, forse uno dei suoi pezzi più belli nasce nel 1977 come omaggio proprio al mare delle Tremiti. Dunque lo scorso 30 giugno con Francesco De Gregori tenne un concerto per convincere Stefania Prestigiacomo l’allora ministro per l’Ambiente a non concedere le autorizzazioni alle trivellazioni.

Alla manifestazione del 7 maggio (in alto il video del suo intervento al No Oil Day a Termoli) disse:

E’ una follia: stanno uccidendo il mare. Mai avrei pensato di trovarmi di fronte a gente che preferisce trivellare piuttosto che salvaguardare questo straordinario paesaggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: