Archive for gennaio 28th, 2012

gennaio 28, 2012

Melanie Fiona – It Kills Me – Buonanotte compagni.

gennaio 28, 2012

Discurso en las Naciones Unidas de Ernesto Guevara en 1964.

Discurso dado en las Naciones Unidas por el Argentino Ernesto “Che” Guevara en representación del Gobierno de Cuba, donde toca los siguientes temas: “la revolución socialista como respuesta al imperialismos”, “la base de Guantánamo en Cuba”, etc. El discurso fue realizado en las Naciones Unidas en el año 1964. El che guevara, manifestó: Soy Cubano, soy Argentino y me siento un patriota de Latinoamérica.

gennaio 28, 2012

Auguri Giusi.

‎”Io non sono Down, sono Giusi!!”
Auguri alla prima laureata affetta da Sindrome di Down ♥

gennaio 28, 2012

SONNY BOY WILLIAMSON at BLUES GREATS

John Lee Williamson conosciuto come Sonny Boy Williamson I (Jackson, 30 marzo 1914Chicago, 1 giugno 1948) è stato un musicista statunitense blues proveniente dal Tennessee. È stato il più conosciuto e influente armonicista della sua generazione e veniva anche citato come “the father of modern blues harp”. Contribuì a rendere popolare nel genere blues l’utilizzo dell’armonica non più solo come strumento marginale, ma principale. Il suo stile ha influenzato armonicisti come Sonny Terry, Little Walter e Junior Wells e altri musicisti del calibro di Muddy Waters e Jimmy Rogers.

La sua prima registrazione, Good Morning, School Girl, risale al 1937 e divenne subito una hit. Williamson iniziò ad essere molto popolare fra il pubblico nero di tutto il Sud degli Stati Uniti e nelle città del Midwest come Detroit e Chicago, città in cui si stabilì; sino al decennio successivo il suo nome fu sinonimo di armonica blues. Divenne talmente popolare che negli anni quaranta un altro armonicista, Alex “Rice” Miller, dell’Arkansas cominciò ad utilizzare il nome di Sonny Boy Williamson (per evitare ulteriore confusione verrà universalmente chiamato Sonny Boy Williamson II). Nessuna azione legale venne intentata per cercare di contrastare questa omonimia, probabilmente anche perché Miller non registrò alcun disco sotto questo nome quando John Lee era in vita e la sua attività all’epoca era limitata all’area del delta del Mississippi, mentre Williamson si concentrava più su Chicago.

gennaio 28, 2012

Forza No Tav, siamo con voi!

Manifestazione No Tav:

Prosegue l’iniziativa No Tav chiamata ‘Macerie’: a Torino, gli attivisti che si oppongono alla Tav Torino-Lione sfilano con le carriole contenenti “le macerie del cantiere di Val di Susa”, appunto. La manifestazione è iniziata alle 14.30 presso la stazione ferroviaria di Porta Nuova, in direzione Piazza Castello. All’altezza di via Roma, alcuni manifestanti hanno lanciato uova piene di vernice contro le serrande abbassate della libreria de ‘La Stampa’. Il leader del movimento, Alberto Perini, ha affermato: “Gli arresti non ci spaventano”. Il ministro del Welfare, Elsa Fornero, si augura che il corteo non sia occasione di ulteriori violenze, anche se è stato disposto un massiccio servizio d’ordine. Solidali con i No Tav di Torino, alcuni manifestanti veneti e campani avevano occupato, questa mattina, le stazioni centrali delle città di Mestre e Napoli.

continua su: http://www.fanpage.it/manifestazione-no-tav-gli-arresti-non-ci-spaventano/#ixzz1knFfd84b
http://www.fanpage.it

gennaio 28, 2012

IL CANDIDATO SOCIALISTA HOLLANDE STERZA A SINISTRA.

Piu’ tasse ai ricchi, 20 miliardi di euro di investimenti pubblicientro il 2017, 60mila nuovi insegnanti e 150mila posti di lavoro per i giovani: sono questi gli impegni al centro del programma di Francois Hollande, 60 punti che il candidato socialista all’Eliseo ha illustrato in una conferenza stampa. “Il nostro Paese ha bisogno di cambiamento”, ha dichiarato Hollande che ha promesso una sterzata a “gauche” dopo il quinquennio di Nicolas Sarkozy. Nelle 41 pagine programmatiche per il voto del 21 aprile e il ballottaggio del 6 maggio c’e’ anche il rifiuto del nuovo Trattato europeo per un’unione di bilancio con regole piu’ stringenti promosso da Sarkozy e dal cancelliere tedesco Angela Merkel.

Nel mirino della riforma fiscale immaginata dall’ex segretario del Psf ci sono soprattutto le banche e i gruppi finanziari, con un aggravio del 15% delle imposte sui redditi da capital gain che mira a separare le attivita’ in favore degli investimenti e dell’occupazione da quelle speculative. Una inversione di tendenza insomma sul terreno fiscale, rispetto all’operato di Sarkozy, accusato di aver favorito le classi abbienti, che si tradurra’ anche in un aumento della tassazione sul reddito, con un balzo dal 41% attuale al 45% per chi guadagna piu’ di 150mila euro all’anno. Verrebbero inoltre eliminati sgravi fiscali per 29 miliardi di euro.

Hollande ha intenzione di creare una banca pubblica di investimenti, un dispositivo di risparmio defiscalizzato per il finanziamento delle piccole e medie imprese e vuole anche aumentare i fondi destinati all’edilizia sociale. L’obiettivo e’ la costruzione, durante i cinque anni di mandato presidenziale, di 2,5 milioni di alloggi. Il candodato socialista punta punta a una crescita, per quest’anno, dello 0,5%, e ad azzerare il deficit per il 2017, al termine del mandato.

Quando la sinistra fa il suo mestiere.

gennaio 28, 2012

…e la chiamano globalizzazione.

gennaio 28, 2012

Pino Daniele – Quando

Daniele Troisi, meglio di Vendola e di Pietro.

gennaio 28, 2012

I due timonieri.

gennaio 28, 2012

canzone per il CHE Francesco Guccini

Ognuno ha quel che si merita: noi abbiamo Monti, il popolo Cubano ha avuto il “Che”.

Che malinconia!