CRISI: CRESCE IL “PARTITO” DEGLI ECONOMISTI CHE BOCCIANO MONTI.

(AGI) – Roma, 26 dic. – Si infoltisce la schiera degli economisti che bocciano la manovra del governo Monti e chiedono, per uscire dalla crisi, misure per favorire la crescita. Decine di adesioni nel mondo accademico alla lettera-appello al premier Monti promossa dal professor Gustavo Piga, dell’Universita’ di Roma Tor Vergata, che tra le pieghe delle norme europee ha trovato un riferimento preciso per cui per l’Italia oggi in recessione, “raggiungere il bilancio in pareggio nel 2013 – che peggiora la recessione e non ci aiuta con i mercati e con gli spread – non e’ piu’ necessario. Monti si appelli alla normativa per negoziare con Bruxelles e con il Consiglio Europeo una politica fiscale meno recessiva”, in modo tale che al nostro paese, “a causa di una grave recessione economica”, venga riconosciuta “la possibilita’ di superare il valore di riferimento del rapporto disavanzo pubblico-PIL in via eccezionale e temporanea, restando il rapporto vicino al valore di riferimento”. Anche per il sito Sbilanciamoci, che nelle passate settimane ha proposto una ‘controFinanziaria’, “e’ un’altra manovra quella di cui ha bisogno il nostro paese: e’ necessario ridurre le spese militari e cancellare le grandi opere; bisogna inserire la tassazione dei patrimoni e delle rendite.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: