Archive for dicembre 7th, 2011

dicembre 7, 2011

Subterranean Homestick Blues – Bob Dylan – Buonanotte compagni.

Bob Dylan diceva che questa canzone era il risultato del saccheggio di altre canzoni. John Lennon invece, che ne capiva, dichiarò che questo blues era talmente affascinante e perfetta di non poter fare a meno di riflettere, ogni volta, su come neanche lui potesse competere con la bravura di Dylan.

E noi?

dicembre 7, 2011

Rai, lunedì cda straordinario per il caso Minzolini

Consiglio di amministrazione straordinario in Rai per il caso Minzolini: la seduta è stata fissata per lunedì prossimo. La decisione è stata presa questa mattina dallo stesso Cda di Viale Mazzini riunito con all’ordine del giorno altri argomenti, tra cui alcune nomine di vertice. La riunione di lunedì servirà a definire la posizione dell’azienda sulla delicata questione relativa al direttore del Tg1, ieri rinviato a giudizio per peculato 1, e l’apertura del processo è fissata per il prossimo 8 marzo.

La Rai ha deciso di costituirsi parte civile al processo.

dicembre 7, 2011

Sicuri eh?

Share3
dicembre 7, 2011

E l’Iran ci ride sopra.

La vecchia volpe (in Iran molti chiamano così la Gran Bretagna) con la coda in fiamme (espressione paragonabile all’italiano “con la coda tra le gambe”) scappa velocemente da Teheran, riconoscibile per la Torre Milad sullo sfondo.Autore: Mohammad KargarFonte: www.farsnews.com, 28 novembre 2011

La vecchia volpe (in Iran molti chiamano così la Gran Bretagna) con la coda in fiamme (espressione paragonabile all’italiano “con la coda tra le gambe”) scappa velocemente da Teheran, riconoscibile per la Torre Milad sullo sfondo.

dicembre 7, 2011

HIV: una proteina che blocca la strada al virus.

Ricercatori nel Regno Unito hanno gettato nuova luce su come le proteine dell’organismo possono combattere il virus dell’immunodeficienza umana (). Lo studio, presentato nella rivista Nature, è stato in parte finanziato dal progetto NIMBL (“Nuclease immune mediated brain and Lupus-like conditions: natural history, pathophysiology, diagnostic and therapeutic modalities with application to other disorders of autoimmunity”), che è supportato con 5,4 milioni di euro nell’ambito del tema “Salute” del Settimo programma quadro (7° PQ) dell’UE.

Ricercatori dell’Università di Manchester e dell’Istituto nazionale per la ricerca medica del Medical Research Council nel Regno Unito ci offrono un programma originale di nuovi trattamenti per combattere l’infezione da .

In uno studio precedente, un team di scienziati provenienti da Francia e Stati Uniti aveva osservato che una proteina chiamata può frenare la replicazione dell’ in un gruppo di globuli bianchi chiamati cellule mieloidi. In quest’ultima ricerca, il team britannico ha dimostrato come la impedisce al virus di riprodursi all’interno di queste cellule, aprendo così la strada allo sviluppo di farmaci che imitano questo processo biologico per assicurare che l’ non si possa riprodurre nelle cellule sentinella del sistema immunitario.

dicembre 7, 2011

La flora batterica ha un ruolo importante anche nel controllo del peso.

Interrogarsi sui motivi per cui la dieta non ha funzionato e soprattutto non ha favorito il raggiungimento degli obiettivi sperati è sicuramente un’operazione interessante che ci permetterà di scoprire sempre cose nuove e soprattutto terapie costruttive ed efficaci. Tutto quello che facciamo o che mangiamo contribuiscono a formare la storia della nostra salute, che non inizia con il primo vagito, ma molto prima, già nella pancia di mamma.

Leggi tutto l’articolo

 

dicembre 7, 2011

Puglia: approvata la legge “ammazza-ulivi”. Parte la petizione online.

ulivi_legge14

Nessuno tocchi gli ulivi di Puglia!“. Questa la richiesta inviata online da un gruppo di cittadini al Presidente della Regione contro la proposta di legge presentata da Massimo Cassano, consigliere regionale del Pdl, che mira all’esportazione dei presiozi ulivi salentini.

La proposta di modifica della legge regionale 14 per la “Tutela e valorizzazione degli ulivi monumentali della Puglia“, tanto temuta dagli ambientalisti, è stata votata oggi all’unanimità. Riassumiamo in breve la vicenda. Tutto parte qualche mese fa, col tentativo di introdurre un termine di 60 giorni per il rilascio di autorizzazioni all’espianto e allo spostamento dei secolari ulivi pugliesi, superati i quali, secondo gli ambientalisti “l’ente o il privato proprietario del fondo su cui insistono gli alberi monumentali può spostarli o reimpiantarli nella stessa proprietà“.

 

Sebbene le autorità abbiano ribadito che lo spostamento degli ulivi non coincide necessariamente con la sostituzione delle piante con colate di cemento, ma con altre iniziative legate allo sviluppo sostenibile, gli ecologisti e i pugliesi non vedono di buon occhio, la cosiddetta leggina, che da oggi, su proposta di Massimo Cassano prevede 90 giorni per la raccolta dei pareri: “Le modifiche stabiliscono che le opere di miglioramento fondiario consentite nei terreni con notevole presenza di ulivi monumentali devono essere eseguite senza arrecare danno alle piante già esistenti. Il ddl assorbe una proposta di legge che introduce il termine di 90 giorni entro cui devono essere comunicati ai richiedenti i pareri in merito all’eventuale spostamento degli ulivi”.

Nichi Vendola che ne pensa?

dicembre 7, 2011

L’attività fisica migliora la memoria.

correre

Correte gente oppure… pedalate o comunque fate sport!. L’attività fisica come correre e pedalare fa’ bene al corpo e alla salute, ma anche alla memoria. A rivelarlo è una ricerca scientifica irlandese, resa nota dal New York Times, che ha messo in evidenza come la ginnastica, la corsa o le passeggiate veloci siano strumenti efficaci per migliorare la capacità di memorizzare.

Secondo lo studio infatti, l’esercizio fisico comporta un aumento immediato della produzione di una proteina in grado di migliorare lo stato di salute delle cellule nervose, che sotto sforzo diventano molto più attive e ricettive, soprattutto se paragonate a quelle di chi svolge una vita sedentaria.

I risultati dello studio emergono da un esperimento effettuato su un gruppo di studenti universitari.

dicembre 7, 2011

Francia, il video di Julien attivista di Greenpeace nascosto in una centrale nucleare: quale?

xmrulf_message-de-julien-au-coeur-du-reacteur_news?start=9#from=embediframeIn alto il video di Julien attivista di Greenpeace Franceche manda il suo videomessaggio dall’interno di una centrale nucleare francese che è riuscito a violare. Quale? Nel mentre lui si filmava, 9 dei suoi colleghi sono stati arrestati e poi rilasciati per essere penetrati in due diverse centrali nucleari francesi. In totale sei donne e tre uomini tra i 22 e i 60 anni, sono riusci a entrare lunedì scorso alle sei del mattino, eludendo la sicurezza, all’interno della centrale nucleare di Nogent-sur-Seine.

Il gesto, ideato da Greenpeace France nasce per dimostrare la fallacità dello stato di sicurezza delle centrali nucleari francesi. Ha detto a Le Figaro Sophia Majnon direttore per le questioni nucleari di Greenpeace Francia che i militanti sono riusciti a infiltrarsi in 15 minuti. Lo scandalo oltralpe è enorme. Le conseguenze legali di questo gesto sono state molteplici: dall’interdizione di 1 km dalla centrale per i 9 attivisti a ammende da 7500 euro fino al controllo a vista da parte delle forze dell’ordine per due volontari.

Nascosti in un altra centrale nucleare quella di Cruas altri due attivisti che sono stati scovati sempre lunedì ma alle 19,35 dalla sicurezza di EDF e consegnati alle autorità. Ma mentre EDF dichiarava a quel punto di avere tutto sotto controllo Julien attivista inviata il suo video. Il liveblog dell’intervento e dopo il salto il video della performance a Nogent-sur-Seine.

Continua a leggere: Francia, il video di Julien attivista di Greenpeace nascosto in una centrale nucleare: quale?