Pesce radioattivo made in Fukushima.

Oggi Greenpeace Giappone lancia la classifica del pesce radioattivo. Una guida al consumo che stima le precauzioni adottate dai maggiori rivenditori di pesce del Giappone per garantire ai consumatori maggiore sicurezza alimentare.

Sicurezza che, i livelli di contaminazione radioattiva ammessi dal Governo Giapponese e pari a 500 bequerel/kg, non garantiscono appieno.

Gli abitanti dell’arcipelago del Giappone storicamente dipendono dal mare per le proteine: oltre l’80% delle proteine animali della dieta nipponica deriva oggi dal mare e anche per questo il Giappone è il maggior mercato ittico del pianeta.

 

Tale stile di vita espone la popolazione locale a una delle conseguenze meno note, e più difficili da valutare, del disastro di Fukushima: grandi quantitativi di sostanze radioattive sono finite in mare, ma è difficile tracciarne il destino ed è impossibile “recuperarle”. Si tratta di un lascito pluridecennale alle generazioni future: il Cesio 137 ha un tempo di dimezzamento di trent’anni e, normalmente, si assume che la contaminazione si “azzeri” dopo dieci cicli di dimezzamento. Parliamo di tre secoli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: