Neon Indian Era Extraña – Buonanotte compagni.

Non deve essere facile avere poco più di 20 anni e già un disco alle spalle di cui è stata pubblicata anche una deluxe edition (e qui ci starebbe tutta una digressione sullo stato attuale del mercato discografico, ma non è il caso). Alan Palomo, per gli amici Neon Indian, si trova già nello scomodo ruolo di chi è costretto a tutti i costi a confermarsi. Ai tempi di Psychic Chasm, nel 2009, certi suoni ora considerati cliché non erano proprio sulla bocca di tutti. È in qualche modo colpa sua se i vari Toro Y Moi, Washed Out e Memory Tapes hanno goduto dell’attenzione dei media, capirete quindi perché il buon Neon Indian abbia scelto l’isolamento – un appartamento in quel di Helsinki – per comporre e registrare questo nuovo album, poi affidato alle sapienti cure di Dave Fridmann (sì, il produttore dei Flaming Lips). Era Extraña riparte da lì, dalla synth-nostalgia per gli anni ’80 che furono, per poi spostarsi altrove: è un disco shoegaze, ma senza le chitarre; è pop, ma pure psichedelico.

3 Responses to “Neon Indian Era Extraña – Buonanotte compagni.”

  1. per lo meno fra di noi rispettiamoci e siamo solidali.

Trackbacks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: