Da Salento a risaie, campagne Italia a rischio scomparsa.

L’esaurimento della terra, i limiti raggiunti dalla bioproduttività dei campi, e l’eccessivo sfruttamento del suolo. E’ l’Italia più fragile, quella più a rischio, che va dal Salento in Puglia alle risaie a cavallo tra Piemonte e Lombardia, ma anche quella che Italia Nostra vuole contribuire a salvare attraverso la quarta edizione di ‘Paesaggi sensibili’, dal 17 al 23 ottobre, dedicata quest’anno ai paesaggi rurali e alle campagne, e per questo in alleanza con Coldiretti.

La lista dei paesaggi da tutelare si apre con 5 casi simbolo: l’invasione del fotovoltaico e dell’eolico che occupa migliaia di ettari di terreni agricoli con pannelli e pale in Salento; il parco agricolo a sud di Milano (47.000 ettari e 61 comuni della provincia) minacciato dai tentativi di riduzione dei confini e dei vincoli edificatori (soprattutto le nuove tangenziali per 85 km); la provincia di Verona, tra Vigasio e Trevenzuolo, su un’area di oltre 4,5 milioni di metri quadrati il pericolo arriva dall’imminente realizzazione del “mostro Motorcity, il più grande centro commerciale d’Europa”; i ‘terrazzamenti’ in Liguria, le ‘fasce’ che hanno modellato il paesaggio e che se mantenuti in ordine sono esempi virtuosi altrimenti simbolici dell’Italia che frana; a Palermo il Fondo Luparello (61 ettari), un parco agrario della ormai scomparsa Conca d’Oro, minacciato dalla costruzione del Centro direzionale della Regione Siciliana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: